OULX, DIVIETO DI DIMORA PER CHI HA OCCUPATO LA CASA CANTONIERA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

dall’UFFICIO STAMPA DEI CARABINIERI

OULX – Da stamattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Torino stanno eseguendo una misura cautelare di divieto di dimora, emessa dal GIP del Tribunale di Torino su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 17 attivisti (14 italiani e 3 francesi) in parte aderenti alla compagine anarco-ambientalista “Briser Les Frontieres”, in parte componenti dell’antagonismo torinese e valsusino.

L’indagine dei militari dell’Arma, condotta tra febbraio 2018 e marzo 2020, ha dimostrato la responsabilità, a vario titolo, dei predetti (tra i quali figurano 12 donne) per i reati di invasione di edifici e violazione di domicilio.

I fatti contestati si riferiscono all’occupazione abusiva della Chiesa della Visitazione di Maria Santissima di Claviere avvenuta tra il 22 ed il 23 marzo 2018 e della Casa Cantoniera ANAS di Oulx del 9 dicembre dello stesso anno, entrambe trasformate in rifugi autogestiti, utilizzati per iniziative di lotta e propaganda politica, nonché per fornire assistenza ai migranti irregolari che volevano oltrepassare il confine transalpino attraverso il valico del Monginevro.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

11 COMMENTI

  1. Un anno e mezzo per rendersi conto che c’è chi occupa abusivamente un edificio, in barba a chi rinuncia a tante cose per pagare le bollette, con corrente e acqua senza contare la beffa del fatto che sfrutta la connessione wi-fi gratuita del vicino parco comunale (chiuso al pubblico ma con rete attiva :-O) offerta dal comune e riversa montagne di rifiuti nei cassonetti comunali dove i cittadini pagano profumatamente la tassa in base a quanto conferito ……………..CHAPEAU

  2. Finalmente si sono svegliati !!! Durante il lockdown erano gli unici ad andare in giro a gruppetti di 3 o 4 mentre che andava su e giù per lavoro veniva fermato continuamente ai posti di blocco come se fossi un ladro.
    Senza consdierare che sa pago in riatrdo una tassa mi applicano sanzioni e interessi da usurai e questi vivono in villetta borgo fiume, con are averde luce, wifi a scrocco !!! Li sbattano fuori e demoliscano la casa subito.
    Stiamo diventando il paese dei balocchi !!!

    • Adesso invece ad andare in giro in gruppi di 30 sono quelli che fino a un mese e mezzo fa ci dicevano di farci un giro nelle terapie intensive. E sono tutti italiani DOC.

  3. Certo che un indagine durata 25 mesi per stabilire se questi fenomeni hanno occupato lo stabile abusivamente, ci è costata a tutti noi uno sproposito…………..era meglio pagargli l’affitto di una qualunque casa con spese comprese, e acqua calda gratis. Perlomeno i tre figli di macron possiamo rispedirli al mittente.

  4. Indagini lumaca che faranno il paio con giustizia tartaruga… ahinoi. Continuiamo l’amaro elenco: l’Italia non è un paese per giovani, per vecchi, per onesti….

  5. Concordo sul fatto che queste siano persone totalmente irresponsabili ed incocludenti e che rischiano di intralciare chi vuole aiutare per davvero.
    Fortunatamente queste misure cautelari si stanno applicando in tutta italia, ma sopratutto a situazioni peggiori come casapoud.

    • Tutti gli edifici occupati devono essere sgomberati a cominciare da quello di CasaPound,ma a seguire anche(e sono decine e decine)quelli dell’area antagonista,primo tra tutti Askatasuna i cui occupanti si sono dati molto da fare in Valle,come è noto a tutti.Ma ho dei seri dubbi che questo accadrà,almeno sino a quando ci saranno questi bei elementi in giunta a Torino.L’Appendino è in pratica nelle mani dell’ala anarco insurrezionalista presente in giunta.

  6. In generale, io sono per la legalità. Quando le leggi sono palesemente ingiuste, però, è doveroso infrangerle. Questo è uno di quei casi. Persone che cercano semplicemente di trovare condizioni di vita accettabili, che non hanno commesso alcun crimine, uomini, donne, bambini vengono sistematicamente respinti alle frontiere, rifiutati, dai ben pensanti, costretti a tentare la pericolosa via dei monti. Aiutarli è un dovere morale. Io ci sono stata alla casa cantoniera occupata di Oulx e posso testimoniare che si tratta di un luogo di inclusione e aiuto. Ho visto delle brave persone che hanno messo a disposizione il loro tempo per una giusta causa. Mi addolora molto vedere come i benpensanti gioiscano della repressione di gesti di solidarietà. Anarchici, antagonisti, tutto quello che volete, ma non certo terroristi. Questi ragazzi non stavano facendo niente di male, anzi!

  7. Trovo che sia uno schifo assoluto che nonostante tutto ancora oggi a settembre, dopo mesi dalla misyìura cautelare la casa cantoniera sia ancora occupata e popolata da delinquenti che si fanno beffa della legalità e delle autorità. Di delinquenti si tratta, perchè avendo occupato una proprietà dello stato commettono un rato, e andrebbero trattati per quello che sono, con denuncia e arresto. E’ uno schifo vedere passando tutti gli striscioni appesi fuori e uno schifo ancora più grande lasciare che rubino la corrente. La casa andrebbe sgomberata con la forza e resa inaccessibile o rasa al suolo. Solo in Italia si può lasciare che un bene dello stato resti occupato per anni senza cjhe nessuna azione seria venga presa.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.