SANT’ANTONINO DI SUSA, DUE NUOVI AUTOVELOX SULLA STATALE 25

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO / FOTO MARTINA DI MICHELE

SANT’ANTONINO DI SUSA – L’amministrazione comunale di Sant’Antonino, nell’ambito degli interventi realizzati per aumentare la sicurezza stradale ha deciso di installare nel paese due dissuasori di velocità arancioni, al cui interno – in alcuni giorni della settimana – sarà posizionato l’autovelox.

I due autovelox saranno posizionati sulla statale 25 del Moncenisio, nei pressi del centro commerciale “È il mio Mercato” e del negozio Vodafone, all’inizio e alla fine del paese, in via Moncenisio. Sono già stati installati a bordo strada i due box arancioni che potranno contenere gli autovelox della polizia municiapale. Il commento della sindaca Susanna Preacco: “La sicurezza maggiore la garantisce innanzitutto una guida prudente e rispettosa delle regole del Codice della Strada, con un corretto comportamento”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

34 COMMENTI

      • nella vita non si è tutti pensionati.
        e a volte basta essere un po’ soprappensiero che scappa qualche km oltre il limite

        • Proprio così… viaggiare ai 60 km/h invece che ai 50, quando si va al lavoro e si hanno mille altre problematiche familiari, non è poi così difficile… poi magari a mezzanotte passa il ragazzino che fa il furbo ai 140 e magari fa pure le gare con i coetanei e lì nessuno fa nulla… servono solo per fare cassa quelle scatolette, invece pattugliare di più soprattutto nei week end e nelle serate festive sarebbe ben più utile… se no chi va a lavorare dovrebbe fare da Susa a Torino in bicicletta, e chi va in discoteca continua a fare i 140… e non ditemi di usare l’autostrada, ha prezzi proibitivi… non sono d’accordo con chi attraversa i paesi agli 80/90 o più, ma anche salassare il lavoratore che per sbaglio passa ai 60/65 lo trovo sbagliato.

  1. non sono autovelox, sono scatole vuote che possono ospitare autovelox quando chi ne ha il diritto lo decide.
    le parole hanno un significato, vogliamo usarle nel modo corretto?
    e comunque per sottrarsi a prelievi indesiderati di pecunia è sufficiente rispettare i limiti di velocità: provate, non è complicato

    • Se dovessimo rispettare tutte le regole del codice stradale non andremmo più ne in macchina ne in moto. Distanza di sicurezza, da 70 a 100 mt in alcuni tratti su autostrada, da 14 a 10 auto per 1 km, 80 km in alcuni tratti in autostrada anche con 3 corsie. 50 km in tratti suburbano su strade senza incroci. A volte messi perché le strade sono piene di buche. A chi mette i limiti di velocità sulle strade gli farei fare qualche settimana di guida per tutto il giorno con traguardi regolari da rispettare, poi vediamo cosa ne pensano

      • Hai colto il punto. In Germania i limiti si rispettano, ma sono sensati: in una strada extraurbana in pendenza con un bel po’ di curve, trovi i 70, che superare effettivamente non è proprio il caso. In Italia, in una situazione simile, il proprietario della strada avrebbe messo i 30 per sbolognare ogni responsabilità…

    • Basta mantenere la velocità e non occorre né rallentare né accellerare: regole della fisica e dell’intelligenza umana

  2. Il problema e’ il limite ridicolo, assurdo e anacronistico dei 50km/h chi ha un’auto diesel vuol dire averla perennemente ingolfata se rispetta quei limiti che andavano bene forse per le Panda degli anni 80…
    Peraltro da statistiche l’80% degli italiani le multe non le paga nemmeno. Quindi ai comuni va male comunque. Alla fine in quel posto se la prende il vecchietto che era distratto e andava ai 56km orari e che poi per paura la multa la paga… Aggiornare i limiti che abbiano un senso e poi stangare chi li supera. Strade statali coi limiti dei 50 e’ solo per fare un favore alla sitaf e costringere la gente a prendere l autostrada…

  3. Cara Sindaca, al posto di mettere autovelox dove non servono a nulla, se non a riempire le casse comunali di multe ed usare i soldi per manifestazioni e panchine inutili, mettili in paese, soprattutto nella parte terminale di via Torino verso Susa, dove spesso moto e auto corrono come ad un gran prix. O almeno metti dissuasori di velocità…

  4. il limite è ai 50 km/h e quelli che vanno a 51 e prendono il verbale si incazzano.
    il limite è allora a 60 km/h e quelli che vanno a 61 e prendono il verbale si incazzano.
    il limite allora lo si porta a 70 km/h e quelli che vanno a 71 e prendono il verbale si incazzano.
    allora il limite viene portato a 100 km/h e quello che prende il verbale perchè andava a 101 si incazza. La storiella insegna che quando prendi una multa ti incazzi.

    • Il ragionamento può anche essere giusto, ma c’entra poco con il tema in oggetto perchè se vai ai 51 su una statale non è lo stesso che andare ai 71 in un centro abitato.

  5. Se in giro ci fossero più persone con cervello e buonsenso non servirebbero, invece ci sono caproni cone la maggior parte dei commentatori…
    D altra parte ora va di moda il sovranismo, ma quello individuale dove si odia l altro perchè va piano e noi vogliamo correre, perchè attraversa mentre noi dobbiamo passare, perchè esiste e gia questo da fastidio. Facciamo schifo

    • Mi scusi, facciamo schifo intanto se lo tenga per lei… e poi, forse lei non ha due o tre bambini da sistemare a scuola, 2 o 3 familiari anziani da aiutare perchè non piu autosufficienti, qualche malattia invalidante che non è tale da farle avere l’invalidità ma la rallenta e così via… a volte si va ai 60 dove ci sono i 50 senza manco accorgersene tanto la mente è piena di responsabilità e ansie da affrontare durante una giornata, e lei evidentemente ha raggiunto la perfezione, è super organizzato e non sbaglia mai, ma per noi comuni mortali non è così… ok punire chi con le moto fa i 140 nei centri abitati o anche con le auto, chi fa gare per andare in discoteca dopo aver bevuto e magari pure assunto droga, ma accanirsi con chi passa ai 60 davanti all’autovelox perchè se arriva in ritardo al lavoro dopo avere assolto mille incombenze e magari pure con scarsa salute, se arriva in ritardo rischia il licenziamento, è proprio solo per riempire le casse dei comuni di soldi… che si preoccupino invece di pattugliare di più nei week end estivi e nelle serate dei discotecari, e le assicuro che le casse le riempirebbero lo stesso con dei pazzi a cui pare normale passare sulle nostre statali a 140 km orari, ma depauperare le già scarse risorse delle famiglie italiane sempre più povere perchè attraversano i paesini ai 60 km/h invece che ai 50 è un furto autorizzato dalla Legge…. buona giornata caro sig. facciamo schifo!!

  6. Per mettere autovelox si spende fior di quattrini pubblici, mentre per garantire soccorso si va avanti a offerte, dona alla croce rossa! Dona alle a.i.b! Dona alle istituzioni religiose, dona per i defibrillatori!

  7. La sicurezza sulle strade al primo posto ma allora che le amministrazioni comunali pensino anche a chi in valle di Susa deve percorrere km per raggiungere il luogo di lavoro. Semafori intelligenti , mezzi agricoli lenti, divieti di sorpasso, centri abitati ovunque sempre con pattuglie in agguato. E allora che si lavori per garantire i passaggi autostradali a prezzi ragionevoli per i residenti e si introducano nuove uscite. Questa sarebbe sicurezza associata ad un buon servizio. Possibile che su 30km tra Bussoleno ed Avigliana ci possa essere nessuna uscita (si attraversano circa 10 comuni). Ci fosse un costo “politico” e maggiori uscite il traffico in autostrada aumenterebbe di 5 volte… certo togliendo prede dalle infernali macchinette arancioni che fanno tanta gola ai disastrati bilanci comunali. Saluti. Marco

    • W! uno che ragiona… se io avessi un’uscita a Borgone, da Bussoleno sarebbe perfetta e per un percorso così breve dovrebbe essere GRATIS!! O dobbiamo solo pigliarci l’inquinamento di quella danna autostrada così cara che pare l’abbiano asfaltata con l’oro!

  8. Sempre tutti a lamentarsi quando si cerca di mettere qualche regola! Da italiani medi, tutti pronti a raggirare le regole e a fare polemiche.
    Piuttosto, renderei obbligatorio l’esame di guida ogni 5 o al massimo 10 anni a tutti gli automobilisti: potrebbe aiutare tanti a ricordare le regole del codice della strada!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.