VALSUSA, EMILIO SCALZO ESTRADATO IN FRANCIA? TRA 60 GIORNI LA DECISIONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, in piedi e attività all'aperto
Emilio Scalzo stamattina fuori dal tribunale di Torino – Foto Notav.info

TORINO / BUSSOLENO – Martedì 29 settembre i No Tav si sono dati appuntamento sotto il Tribunale di Torino per portare la solidarietà di tutto il movimento all’attivista Emilio Scalzo, arrestato il 15 settembre su mandato di cattura europeo. Ora è agli arresti domiciliari.

Questa mattina si è tenuta l’udienza per l’estradizione di Scalzo in Francia, con l’accusa di aver aggredito un gendarme durante una manifestazione per i migranti al confine tra Claviere e Monginevro. Tra due mesi, a fine novembre il giudice di Torino deciderà se concedere l’estradizione alla Francia oppure no.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone, persone in piedi, attività all'aperto e il seguente testo "6 MO ALL'ESTRADIZIONE LIBERO"

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone, persone in piedi e attività all'aperto

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

6 COMMENTI

  1. Credo che la giustizia fara’ il suo corso, pero’ ci sono state persone che hanno commesso cose ben piu’ gravi e non hanno ricevuto lo stesso trattamento. Ci sono due pesi e due misure.Ha sbagliato e cio’ che e’ giusto deve essere fatto, ma dovrebbe valere per tutti non solo per alcuni.Mah!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.