IL FUTURO DELLE PISTE DI PIAN DEL FRAIS: AL VIA LE PERIZIE PER L’ACQUISTO DEGLI IMPIANTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Pian del Frais

di FABIO TANZILLI

TORINO / CHIOMONTE – E’ stato un incontro positivo, quello tenutosi questa mattina Palazzo Lascaris per parlare del futuro del Frais. Al tavolo convocato dal consigliere regionale Daniela Ruffino hanno partecipato il sindaco Silvano Ollivier, il capogruppo di minoranza Giorgio Guglielmo e il proprietario degli impianti Marco Cerutti.

Il tema più importante riguardava l’acquisto degli impianti da parte del Comune di Chiomonte. Per raggiungere questo obiettivo sarà approvato molto probabilmente un accordo di programma dove sarà stabilita la percentuale che investirà la Regione e la cifra che metterà il Comune. Ma prima occorre quantificare ufficialmente il valore aggiornato degli impianti del Frais e si è convenuto di presentare all’assessore regionale Parigi una proposta condivisa tra le parti (Comune e società degli impianti). Quindi il Comune farà preparare una sua nuova perizia (l’ultima ufficiale risale al 2008), la società degli impianti ne farà preparare un’altra e poi si terrà l’incontro tra i due periti per raggiungere un accordo. C’è anche l’ipotesi che la stessa Regione, dovendo investire il grosso della cifra per l’acquisto, possa dare un suo incarico per un’ulteriore perizia.

A proposito della riapertura degli impianti di Pian del Frais entro Natale, si terrà fra pochi giorni un incontro a Chiomonte per concordarne le modalità. Considerato che  Si attende l’arrivo dei funzionari dell’Ustif per autorizzare la messa in esercizio della Frais-Sauzea, ma intanto potrebbero già aprire la Baby e Pian Mesdì, con l’obiettivo di non interrompere l’attività sciistica per questa stagione invernale.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.