VALSUSA, GIORNATA DELLA MEMORIA: LO SPETTACOLO IN STREAMING “QUESTO È STATO. VOCI SULLA SHOAH”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La Signorina Julie, di August Strindberg, regia di Giorgio Sangati, in scena Giacomo Rossetto, Anna Tringali, Eleonora Panizzo, teatro Falcone e Borsellino di Limena, 8 settembre 2011

dall’UFFICIO STAMPA DI BORGATE DAL VIVO

Nell’ambito della stagione Scene, in occasione della Giornata internazionale in memoria delle vittime dell’Olocausto, anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, mercoledì 27 gennaio sarà trasmesso in streaming lo spettacolo “Questo è stato. Voci sulla Shoah”.

Il calendario civile scandisce la vita del nostro paese con precisi richiami agli eventi del passato, mantenendo vivi nella memoria i valori su cui si sostiene una società, anche e soprattutto in tempi in cui questi stessi valori subiscono attacchi sempre più aggressivi. Eppure, ormai da un anno, l’emergenza sanitaria, diventata quasi uno stato di fatto, ha costretto a reinventare anche le forme in cui queste giornate, questi richiami, erano noti e vissuti. Diventa quindi ancora più importante segnare queste date, impedire che vengano trascinate dalla corrente della pandemia sottraendo importanza al ricordo. Perché, in tempi sempre più bui, ci ricordino che l’oscurità si conclude sempre col sorgere del sole.

“Questo è stato. Voci sulla Shoah” non è un semplice reading. Questa mise-en-espace, nata per celebrare la Giornata della Memoria, è un modo per ricordare l’abominio della Shoah, non solo attraverso le parole delle vittime, ma anche attraverso quelle dei carnefici.

La scena è praticamente vuota. A riempirla, due sedie, due leggii.

I cambi di costume da parte degli attori riportano a quegli anni di orrore.

Ma sono soprattutto le testimonianze a rendere vivo il ricordo di quel tempo. Goebbels e Mengele
espongono le loro aberranti teorie, mentre Primo Levi, Elisa Springer, Nedo Fiano, Settimia
Spizzichino raccontano della vita, se così si può chiamare, all’interno dei lager nazisti.

A chiudere il tutto è “Se questo è un uomo”, la poesia di Primo Levi, a ricordarci che “questo è stato”.
Musica e proiezioni di immagini e filmati costituiscono non solo la cornice del momento recitativo, ma sono elementi cardine dello spettacolo.

Questo è stato. Voci sulla Shoah
di e con Anna Tringali e Giacomo Rossetto
produzione: Teatro Bresci
Mercoledì 27 gennaio 2021, ore 21.00
Lo spettacolo sarà trasmesso in streaming sul canale YouTube della stagione Scene e sulle pagine Facebook di Scene, Borgate dal vivo e del Teatro Fassino di Avigliana.

La visione sarà libera e gratuita.

Teatro Bresci è una compagnia teatrale professionale fondata nel 2009 da Giacomo Rossetto, Anna Tringali e Giorgio Sangati, provenienti dal Piccolo Teatro di Milano e dal Teatro Stabile del Veneto. Si occupa di produzione di spettacoli dal vivo, formazione teatrale e organizzazione di festival, rassegne ed eventi teatrali.
“Facciamo il teatro che pensiamo necessario, lo facciamo con passione e crediamo che il buon teatro sia fatto per lasciare il segno.”

Teatro Bresci nasce nel 2009 dall’incontro di Anna Tringali, Giacomo Rossetto e Giorgio Sangati, provenienti dal Teatro Stabile del Veneto e dal Piccolo Teatro di Milano. Hanno collaborato e collaborano con la Compagnia attori e professionisti di diversa formazione e provenienza (tra gli altri Fausto Cabra, Marco Angelilli, Stefano Scandaletti, Mimosa, Lorenzo Maragoni).

Nel 2011 lo spettacolo “Malabrenta” vince il II Premio come Miglior Spettacolo al Premio OFF del Teatro Stabile del Veneto diretto da A. Gassmann, e supera le 200 repliche anche all’estero.
Nel 2012 lo spettacolo “Arbeit” vince la terza edizione dello stesso premio, e Anna Tringali il Premio Miglior Attrice. Nel 2013 lo spettacolo viene selezionato dal Piccolo Teatro di Milano al prestigioso Festival internazionale di drammaturgia contemporanea Tramedautore. Il testo poi vince il Primo Premio al Concorso Letterario Grotte della Gurfa di Alia (PA).

Nel 2012 il Teatro Stabile del Veneto produce, in collaborazione con Teatro Bresci, “Buco”, che nel 2013 è finalista al concorso Playfestival organizzato dal Piccolo Teatro di Milano e dalla Compagnia ATIR.
Nel 2016 lo spettacolo “Medea” viene selezionato all’interno dell’Incubatore Produttivo OFFicina del Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale.

Nel 2017 lo spettacolo “Borsellino” riceve il “Premio Grotte della Gurfa per il Teatro d’impegno civile” ad Alia (PA), premio patrocinato dall’Assemblea Regionale Siciliana. Nel 2019 viene selezionato al Torino Fringe Festival.
Nel 2020 la compagnia collabora nuovamente con il Teatro Stabile del Veneto coproducendo “La bisbetica domata”.
Dal 2013, in collaborazione con Arteven, con le lezioni spettacolo “Uomini in trincea”, “Foscolo/Revolutionary Ugo” e “Leopardi_Una vita al limite” interviene negli istituti scolastici del Veneto raggiungendo quasi quota 1000 repliche.

Dal 2014 cura l’ideazione e la direzione artistica di festival e rassegne come Antiche Mura Teatro Festival, Luoghi Comuni, Piazzola In Scena, Quartieri, Lenzuoli Bianchi, Ricordami, Teatrinrete.
Non meno importante dell’attività di spettacolo dal vivo è il settore della formazione in ambito teatrale: Teatro Bresci organizza e conduce corsi di teatro per adulti e bambini, seminari intensivi per attori, corsi di dizione e comunicazione, conferenze e incontri sulla storia del teatro, collaborando con enti pubblici e privati, associazioni, Comuni e istituti scolastici.

Questo è stato. Voci sulla Shoah
Mercoledì 27 gennaio 2021 – ore 21.00
Giornata internazionale in memoria delle vittime dell’Olocausto
– evento in streaming –

Per informazioni:
info@borgatedalvivo.it
ufficiostampa@borgatedalvivo.it
www.borgatedalvivo.it

Teatro Bresci, ph: Serena Pea

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.