SESTRIERE, GIOVANE PESTATO A SANGUE DURANTE LA FESTA DI CAPODANNO: INDAGATI DUE 20ENNI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SESTRIERE – Un ragazzo torinese di 21 anni è stato aggredito e pestato a sangue durante la festa di Capodanno del 31 dicembre da due 20enni residenti nel capoluogo piemontese. La vittima è uno studente del Politecnico di Torino e stava partecipando ad una festa organizzata di fronte alla piscina comunale, ma ad un certo punto – per cause ancora da accertare – è stato picchiato da due ragazzi uno studente di economia internazionale e di un calciatore dilettante che ora studia in America).

La notizia è stata diffusa soltanto oggi: i due giovani aggressori sono stati indagati dalla procura di Torino per lesioni aggravate e secondo l’Ansa sarebbero due 20enni della “Torino bene”. Dopo essere stato picchiato selvaggiamente, il 21enne è stato portato in ospedale e ha subito un delicato intervento chirurgico d’urgenza: la prognosi è di almeno 40 giorni, è costretto a una lunga degenza in ospedale, avendo riportato traumi al volto e al cranio, numerose fratture al viso e un’emorragia.

I carabinieri di Pinerolo, coordinati dal pm Francesco La Rosa, indagano sul fatto per capire la causa che ha scatenato tanta violenza.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Che schifo di gioventu’

    Eppure un tempo a Sestriere veniva la noblesse quelli che adesso vanno in Svizzera e noi ci teniamo la feccia delle citta’.

    • A quanto pare anche questi appartenevano alla cosiddetta “Torino bene”… se questa è la Torino bene figuriamoci come sarà la Torino male…. giovani rampolli viziati, spesso drogati e alcolisti, ecco cosa sono i giovani della Torino bene…

  2. Da sempre, in valle, c’è stato qualcuno che le dava e qualcuno che se le prendeva per i motivi più strani. Ovunque.
    Non ha senso dire “adesso” quando è “da sempre”…

      • Fortunatamente dei 90.000 abitanti che la popolano sono in pochi i delinquenti. Giusto quella minima percentuale che gli serve a far capire che esistono anche loro.

    • Che bella valle… giustifichiamo il tutto dicendo che è così da sempre?? a parte questo, pare che i picchiatori non fossero della valle ma della città a quanto letto…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.