VALSUSA, GLI ANARCHICI OCCUPANO LA CASA DELL’EX CENTRALE ENEL LUNGO LA STATALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


CESANA – Nella notte tra lunedì 20 e martedì 21 giugno alcuni anarchici italiani e francesi hanno occupato la vecchia casa dell’ex centrale Enel di Cesana, lungo la strada statale 24 del Monginevro, salendo verso Claviere. Si tratta della terza occupazione degli antagonisti in alta Valsusa, per contestare le politiche attuate nella gestione dei migranti tra Italia e Francia. In precedenza erano state già occupate la sala parrocchiale di Claviere e l’ex casa cantoniera dell’Anas a Oulx.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

33 COMMENTI

    • Non si preoccupi,il “bianco” glielo daranno gli agenti in assetto antisommossa e molto presto.
      E poi perché non occupano qualche edificio anche in Francia?
      Forse perché li gonfierebbero a randellate appena provassero a farlo?

          • Eccome se è congruente, serve per farti capire che la tua visione della Francia “tutto ordine e disciplina” modello Inghilterra di “Arancia Meccanica” sta solo nella tua testa. Le occupazioni avvengono anche in Francia, e non accade nulla di ciò che tu descrivi nelle tue fantasie da fascio-manganellatore.

        • Morpheus…in quel caso li occupa lo Stato Francese e non degli abusivi. Inoltre li assegna legalmente a gente che potrebbe averne bisogno e non li lascia occupare da figli di papà e personaggi dediti ad attività illegali. I miti metropolitani duri a morire sono quelli dei buonisti come te, complici quando non addirittura mandanti del reato e del disastro.

          • Ma tu che ne sai degli occupanti da definirli “figli di papà” e “dediti ad attività illegali” ? Aiutare disperati non è illegale in questo paese. Gli edifici che vi stanno tanto a cuore sono in stato di abbandono, e non sono di vostra proprietà, ma di Enel (oggi) e Anas (in passato). Mi sfugge cosa ve ne freghi se qualcuno occupa qualcosa non vostro, se non per lo strisciante razzismo insito nel vostro DNA.

        • I paragoni se li crea lei nella sua testa.La rimando al commento di Chiamare le cose,che sottoscrivo in pieno,caro il mio ignorantello.
          E poi che noia,da una parola in sù si diventa subito fassisti/nassisti/rassisti,cambiate un po’ tipo di insulti,siete ripetitivi voi fascisti rossi.

          • Ma a me cosa sottoscrivono fascio-leghisti-razzisti (riassumendo: ignoranti) come te, frega poco. Non so cosa siano i rossi, delle vostre bandiere da tifoseria politica poco mi interessa. Faccio solo parte di quel mondo di persone normali, dotate di empatia, che non gode della disperazione altrui. Persone che non sono solidali a targhe alterne: i poveri italiani Sì, i poveri Africani No, i rifugiati Ucraini Sì, quelli etiopi, yemeniti o nigeriani No. I terremotati italiani Sì, i migranti climatici No. Non siamo ripetitivi noi, ma voi inguaribili razzisti. Invece di commentare su internet, perché non vai a sgomberarlo tu l’edificio? Datti da fare, camerata.

  1. Bisogna murare porte e finestre con loro dentro

    Non se ne può più la valle sta morendo e giusto prima della stagione turistica arrivano loro a occupare sporcare imbrattare e fare arrivare migranti con l’illusione di fargli passare il confine

    Spero che i valligiani si ribellino a questa invasione illegale

    • I turisti sono molto più abituati a vedere stranieri e ritenerla una cosa normale di alcuni valligiani (fortunatamente pochi) che hanno problemi con la pelle di colore diverso.

  2. Ricomincia l’ennesima pantomima. Il tutto però fa emergere quanti fabbricati vengano lasciati marcire abbandonati piuttosto che riutilizzati o dati in uso ad associazioni di volontariato. Bah !

    • Esatto. Gli urlatori da social si accorgono dell’esistenza di questi edifici solo quando qualcuno li occupa. Il fatto che il 95% delle case cantoniere e altri edifici ex pubblici siano da anni in stato di abbandono, mica li turba.

  3. Tutti accoglioni finché si tratta di altre aree urbane più quando arrivano vicino a casa loro si accorgono di quanto schifo portano con loro tra alcool droghe etc etc ma oramai è troppo tardi
    La sinistra sta distruggendo il paese

    Ci vuole più ordine e rispetto della legalità che si ottiene solo facendo rispettare la legge, anche ai centri sociali che solo perché politicamente protetti possono fare quello che credono

    • Invece nel ventennio berlusconiano tutto filava liscio ……. specialmente per gli amici degli amici degli amici degli amici. Avevano una maggioranza bulgara sia alla camera che al senato, avrebbero potuto veramente dare uno scossone a questo Paese , invece si sono fatti i kzi loro. Nessun rimpianto.

    • Anche tu puoi fare quello che credi. Esattamente cosa intendi con “ci vuole più ordine e rispetto della legalità”? Intendi quella legalità portata avanti in questi due anni dai cari vecchi partiti di destra contro le necessarie restrizioni sanitarie, i vaccini o il green pass? O per loro si applica una legalità differente? Sono tutt’orecchi.

  4. “La sinistra sta distruggendo il paese”.
    Citazione alla virgola di Augusto Pinochet.
    Quelli che una testa pensante ce l’hanno ancora non hanno motivo di stupirsi, gli altri provino a spremerci (dalla propria testa), una volta tanto, un tentativo di ragionamento compiuto.

    • In realtà certa sinistra al caviale ha già distrutto il Paese e da un pezzo ormai.
      E questi pseudo anarchici in stile Rakete ed gli appartenenti ai centri asociali sono i loro figli che continuano l’opera.

  5. Visto come ragiona e si esprime credo che sia ora di fare una tac al cervello,sempre che lo trovino.Mi saluti i suoi parassiti compagni di merende ,perché quello siete:parassiti.

  6. caro il mio SoS, il ventennio è riferito solo ad un uomo… Benito!, gli altri ventenni sono solo chiacchere.
    Ancora oggi abbiamo comici e bibitari, puttanieri e travestiti parlamentari.. e intanto Okkupano…
    Basta fare una colletta una decina di litri di benzina e via… cosi possono tornare a casa, il vestito di abete o betulla e gentilmente offerto dall’Italia.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.