BUSSOLENO, GLI STORICI MULINI DI FORESTO SARANNO ABBATTUTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FRANCESCO RICHETTO (Assessore comunale di Bussoleno) / FOTO DI FEDERICO CAMBURSANO (da Facebook)

BUSSOLENO – Cosa sta succedendo ai mulini dell’Orrido di Foresto? O meglio, cos’è successo ai mulini? Nei prossimi giorni verranno abbattuti, non per volontà del Comune di Bussoleno bensì su ordine della Regione Piemonte con Dgr (deliberazione giunta regionale) del 30/11/2009.

Ricostruiamo in breve gli eventi:

  • Nel 2009 il Comune di Bussoleno approva una variante al piano regolatore (aggiustamento periodico del piano per consentire e recepire i cambiamenti sociali ed economici della comunità).
  • Sempre nel 2009 la Regione Piemonte, che è il garante e l’esaminatore dei piani regolatori per la loro legittimità e validazione, si esprime: “Tutto bene per le migliorie e gli aggiustamenti richiesti ma con alcune prescrizioni”. Alcuni immobili lambiti da eventi idrogeologici (alluvioni ecc.) vengono classificati in classe IIIC, ossia una situazione di grave pericolo che comporta l’abbattimento.
  • Nel 2012 la Regione finanzia la rilocalizzazione di tali immobili. I proprietari, di fatto quasi tutti, accettano e vengono istruite le pratiche per il rimborso.
  • nel 2014, in località frazione Gerbido 2, viene abbattuto il primo fabbricato (area di esondazione del fiume Dora Riparia).
  • Nel 2015, in località Ghiare 1, viene abbattuto un secondo fabbricato (sempre area di esondazione del fiume Dora Riparia).
  • Nel 2015 i proprietari dei mulini dell’orrido di Foresto vengono risarciti.
  • Nel 2019 (ahimè) i mulini dell’orrido di Foresto verranno abbattuti.

Cosa possiamo imparare da questa vicenda? Per anni sul nostro territorio la normativa urbanistica e i permessi per costruire erano di competenza comunale. Per anni si è costruito in modo un po’ “selvatico”: si veda la vicenda di via San Lorenzo a Bussoleno, dove ad oggi la norma è passata di competenza alle regioni. Quest’ultime, dagli anni 2000 si sono poste come “garanti urbanistici” e in modo molto rigido e stringente hanno dato una “stretta” ad una situazione quasi imbarazzante. Interi abitati edificati sui conoidi di rii e a cavallo di fiumi importanti. Corsi di acqua tombati o deviati e via così discorrendo. Queste Dgr, che abbiamo citato,  sono un po’ il frutto di questo “giro di vite”.

I mulini di Foresto, come le abitazioni di via San Lorenzo abbattute, sono azioni di una Regione che si è “stufata” di arrivare il giorno dopo un’emergenza, contare i danni e in alcuni casi anche le vittime.
Questo significa che siamo d’accordo con alcune scelte e supinamente le riceviamo? Personalmente assolutamente no. In futuro se avrò la sfortuna di ricevere in comune richieste di abbattimento le vorrei discutere a fondo con la popolazione, con dei tecnici di parte “nostri” e se necessario oppormi (quella dei mulini personalmente è una scelta che non condivido).

Oggi penso sia difficile discutere di una cosa decisa 10 anni fa e per la quale la proprietà (legittimamente e aggiungo meno male) ha anche ricevuto un indennizzo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Storici forse, da abbattere sicuramente.
    Quando l’ente pubblico agisce con cognizione e lungimiranza non possiamo che rallegrarcene.
    L’avvenuto indennizzo ai proprietari permette pure di escludere ricadute negative e perdite economiche per gli interessati.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.