VALSUSA, I VANDALI DISTRUGGONO IL CAMPO SCUOLA DELLA CICLISTICA ROSTESE / FOTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

img_5353

ROSTA  – Un gesto ignobile, contro lo sport e contro i più piccoli. La notte scorsa dei vandali hanno distrutto il campo scuola della Ciclistica Rostese, in via XX Settembre. L’area si trova in un terreno comunale, concesso all’associazione ciclistica per promuovere le attività di mountain bike con le nuove generazioni. La grande amarezza per il brutto gesto, arriva dal responsabile del gruppo sportivo, Roberto Vacchina: “Avrei preferito postare foto di bambini che corrono in bici divertendosi, che hanno giustamente paura a fare un saltino, ma poi quando imparano non smettono più, che fanno slalom tra paletti inclinando sempre di più le loro biciclette – afferma Vacchina – ma purtroppo oggi posso solo comunicarvi il mio schifo e pena per quelle “persone” che hanno ridotto in questo modo il campo scuola”.

GUARDA LE FOTO DEI DANNI

Anche il sindaco Tragaioli è indignato: “Non esiste più il senso del rispetto, è un gesto che non ha senso, che colpisce volontari e persone che passano le domeniche a sistemare sentieri e realizzare opere per la comunità – spiega – il Comune farà un tavolo con la polizia municipale e il presidente della ciclistica, per capire cosa intendono fare. So già che parecchi appassionati di ciclismo sono pronti a dare una mano alla Ciclistica Rostese, per far tornare il campo scuola più bello di prima”.

Ci sono dei sospetti sui possibili responsabili? Sarebbe utile mettere delle telecamere? “E’ un gesto che davvero non ha senso, credo che la ciclistica farà denuncia – risponde Tragaioli – i vandali hanno danneggiato tutti i beni dell’associazione, mentre danni alle proprietà comunali non ce ne sono. Non saprei davvero chi possa aver deciso di fare una cosa simile…forse qualcuno che ce l’ha con loro, ma davvero non c’è senso.  Le telecamere? Sicuramente sono un deterrente, però quella zona di notte è davvero buia e isolata dal centro paese, non so se davvero possano servire. Ci rifletteremo”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.