VALSUSA, I VANDALI SMONTANO LA PANCHINA: “ORA STAREMO SENZA, UN’ALTRA NON LA METTIAMO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Nessuna descrizione disponibile.
La panchina smontata dai vandali (foto di Daniela Muha da Facebook)

ALMESE – I vandali colpiscono Almese. Alcuni ignoti hanno smontato la panchina che da qualche anno era installata lungo la passeggiata del Messa. L’ennesimo atto a danno della collettività ha fatto infuriare il sindaco di Almese Ombretta Bertolo, che ha espresso le sue considerazioni su Facebook: “Una panchina delle più scarse, per arredo urbano, costa almeno 400 euro di soldi pubblici. C’è anche chi questa cosa la definisce scherzosamente “arte”, ed è proprio questo scherzare sul mancato rispetto delle cose pubbliche che spiega come mediamente si ragiona in questo paese. Ti toglie tutta la voglia di fare, per chi e per cosa ? Boh..poi domani è un altro giorno e in qualche modo vado avanti lo stesso.
Comunque nei prossimi giorni togliamo i pezzi rimasti, e per il futuro chi è stanco si potrà sedere per terra perché un’altra panchina non la mettiamo. Se passa il messaggio che fare danni è divertente, che tanto non è una cosa grave, che è arte, se non c’è la collettività che considera proprie le cose pubbliche, cosa ci si aspetta dai ragazzi che normalmente vanno lì ad incontrarsi? Una panchina proprio lì era già stata distrutta, il cestino completamente bombardato, ora smontata l’altra panchina…staremo senza”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

18 COMMENTI

  1. Così equivale a darla vinta ai vandali che invece dovrebbero essere identificati e sanzionati.
    Questa invece è la soluzione più comoda…

    • Concordo con lei, sig Merovingio, è un po’ come tagliarsi il coso per fare dispetto alla moglie!
      Meglio una panchina in pietra e amen, al massimo possono dipingerci sopra qualche scemenza…
      E, naturalmente, cercare i responsabili, per sanzionarli secondo il codice.

  2. una volta ai cretini era lecito passare la cinghia. Ora è reato. E se presi saranno misure educative tipo pulire le strade quando necessiterebbero di un anno di lavori forzati gratis.

  3. Io non toglierei le parti laterali che sono cementate al suolo.
    Tenderei invece tra le due parti un filo metallico e un cartello di avviso ai cittadini che non ci si può più sedere perchè purtroppo in questo mondo ci sono più persone villane che educate.

  4. Capisco l’amarezza del sindaco, però non bisogna neanche arrendersi alla inciviltà. Proporrei una panca in cemento o pietra o tronchi a prova di……somari a due gambe.

  5. BRAVA LA SINDACA BERTOLO, SONO D’ACCORDO CON LEI, NON VALE LA PENA SBATTERSI TANTO ANCHE PERCHE’ ORMAI LA COLPA E’ SEMPRE DEGLI ALTRI E LA BUONA EDUCAZIONE E IL RISPETTO NON ESISTONO PIU’ (DOVREBBE VENIRE IN PRIMIS DALLE FAMIGLIE INSEGNARE COME CI SI COMPORTA AI RAGAZZI, MA ORMAI SEMBRA CHE NON INTERESSI QUASI PIU’ A NESSUNO E QUESTE SONO LE CONSEGUENZE).

  6. Con 6- 8 listelli di legno , 12- 16 bulloni ( 40- 50 € ) Una levigata ….un po’ di buona volontà !!!!! e il gioco è fatto

  7. Brava la sindaca BERTOLO, sono d’accordo con Lei, non vale la pena sbattersi tanto per gli altri se dopo i risultati sono questi. Ormai per qualsiasi cosa la colpa è sempre degli altri e la buona educazione e il rispetto non vengono quasi più insegnati.
    Dovrebbero invece essere insegnati in primis dalle famiglie, ma sembra che oggi non importi più niente a nessuno ( o quasi ) tanto ormai la colpa è sempre delle istituzioni o della scuola ecc. ma mai della famiglia, infatti poi succedono queste cose e qualcuno si stupisce e si chiede come mai.

    • Concetto sbagliato! Proiettato nel tempo, questo atteggiamento porterà ad avere città progressivamente demolite, quindi con la vittoria assoluta dei vandali. Invece si deve riparare subito la panchina per ridare decoro al paese e, se la rompono di nuovo, la si cambia ancora! Prima o poi i vandali si stancheranno e la città sarà all’altezza della civiltà

    • Se non vuole sbattersi, si dimetta. Non è un obbligo fare il sindaco. La panchina precedente non l’ha pagata il sindaco di tasca sua, ma tutti i cittadini. Così come una nuova panchina non la pagherebbe il sindaco. Suo dovere è far funzionare le cose, facendo riparte i danni e prendendo eventualmente provvedimenti affinché non accada più (promuovere controlli, telecamere ecc…). Il suo sfogo è fuori luogo: è il sindaco, non il padrone della città, e nemmeno il suo giudice morale. Questo generalizzare i cittadini come fossero tutti dei delinquenti, incluso chi magari fa una “battuta da bar”, è quantomeno irrispettoso.

  8. Ma li vedete sto ragazzi ogni giorno? Molti non sono capaci…come si diceva un tempo..a fare una O con l’imbuto….
    Ma se devono spaccare o rovinare qualcosa sono eccezionali.

  9. Giusto il malumore della Sindaca. Ma però c’è un particolare che stona : affermare che una panchina di quel tipo costi ” almeno 400 euro di soldi pubblici ” vuol dire che non si sanno fare gli acquisti in modo oculato e il denaro dei Cittadini è speso malissimo.
    Questa è una bellissima e robustissima panchina in legno e ghisa, recentemente da me acquistata su Amazon a meno di 60 ( sessanta !!) euro.
    La Sindaca potrebbe sottoporla all’Ufficio Acquisti…

    Wiltec Panchina da Giardino Inge in Legno e ghisa con Motivo a Reticolo
    Marca: Wiltec
    -6% 59,04€

    • Bravo sig. Ulcense! E giusto pure il sig. Gio! Anche perché, come detto da un altro “sbattersi per gli altri”, vuol dire per il 99,9% della popolazione residente, non si può togliere tutto per colpa di un paio di macachi che combinano guai ….

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.