IL COMUNE DI MATTIE VIETA LE ANTENNE 5G: “TUTELIAMO LA SALUTE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

MATTIE – Il Comune di Mattie, con la delibera di giunta del 13 Gennaio, è ufficialmente il primo comune “Stop 5G” della Val di Susa. Si tratta della prima amministrazione ad aver deliberato, in base al principio di precauzione, contro la sperimentazione del 5G, in tutela della salute dei cittadini.

Ma che cosa significa? La risposta è semplice. In base al principio di precauzione, se le varie compagnie, che vogliono installare la tecnologia 5G sul territorio di Mattie, non possono fornire una documentazione in merito alla sicurezza di tali frequenze, di conseguenza non possono installare antenne 5G.

Quindi, in mancanza di dati e sperimentazione, se non si ha qualcosa che certifichi la sicurezza del 5G, il Comune intende fare fede al “principio di precauzione”. Il messaggio che arriva da Mattie è chiaro: prima la sicurezza dei cittadini e dell’ambiente, poi il progresso e la tecnologia.

Il 5G è solo in fase sperimentale e hanno scelto solo 120 comuni per sperimentarlo – spiega la sindaca di Mattie, Marina Pittau – Inoltre, le compagnie non hanno avvisato nessuno dei ministeri preposti per il controllo e la tutela. Siccome il sindaco ha qualche responsabilità, io credo che prima di attivare nuovi sistemi di trasmissione, soprattutto con tecnologie che lasciano molti dubbi sulla gestione, bisogna essere molto precisi. Tutto questo potrebbe essere pericoloso per noi, per gli animali e per l’ambiente. Se non si ha concretezza e chiarezza su questa tecnologia, prima di poterla utilizzare, forse bisognerebbe capire quali sono gli eventuali danni che può creare. Fintanto che le compagnie non lo sanno, o non hanno chiara la situazione, io le diffido da utilizzarla sul nostro territorio”.

E aggiunge: “Il dramma è che, a Mattie, il 4G non funziona; il 3G funziona a malapena (in alcune borgate non arriva neanche). Installare il 5G, quando il resto non funziona, dove la televisione non si riesce a vedere, dove il telefono non si riesce ad utilizzare, mi lascia piuttosto titubante. Prima fate funzionare l’esistente: bene e correttamente”.

Gran parte del merito va anche a Codarem, ossia il comitato per la difesa dalle radiazioni elettromagnetiche (lo scorso 28 ottobre aveva tenuto un incontro informativo aperto al pubblico, proprio nel comune di Mattie, ndR), all’avvocato Stefano Bertone e a Roberto Romeo per la sensibilizzazione di un tema a molti sconosciuto.

Ma cosa sappiamo di questa tecnologia? Il 5G può essere pericoloso? Da Codarem rispondono così: “Tecnologia ed elettrosmog possono essere un problema. Senza creare alcun tipo di allarmismo, è importante che tutto questo venga monitorato. Con il tempo potrebbero esserci dei sintomi nelle persone, ma proprio per questo motivo il Comune di Mattie ha deciso di tutelare la sua cittadinanza basandosi sul principio di precauzione. Purtroppo, il 5G è una tecnologia che non ha alcun tipo di sperimentazione. Se è stato appurato come pericoloso e cancerogeno l’utilizzo del cellulare in Corte d’Appello, non possiamo non avere dei dubbi su una tecnologia che non ha alcun tipo di sperimentazione a suo merito”.

Infine, ecco l’appello del comitato: “Con l’occasione invitiamo fortemente gli amministratori ad affrontare ed analizzare la questione dell’elettrosmog e della prossima installazione della tecnologia 5G, per comprendere al meglio e tutelare la cittadinanza. Rispetto a questo, Codarem si rende disponibile di tutti i Comuni o associazioni territoriali per organizzare degli incontri formativi per le amministrazioni e la cittadinanza. Inoltre, cogliamo l’occasione per invitare la popolazione a partecipare alla prima manifestazione regionale, organizzata da Assemblea Stop 5G e Codarem, in piazza Castello a Torino per il 25 gennaio alle ore 15.30”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

16 COMMENTI

  1. Sono pienamente d’accordo… invece Bussoleno che ha lasciato installare il mega antennone della Tim è sicuro che non sia una sperimentazione del 5G? se fa tanto bene alla salute, che lo sperimentino nei giardini delle loro ville, i vari dirigenti dei gestori della telefonia…

  2. in futuro potranno continuare a comunicare con i segnali di fumo…
    PS fossi nel sindaco di mattie inizierei a preoccuparmi per la salute dei cittadini a partire dal numero di spacciatori che in questi anni sono stati arrestati nell’ameno paesello….

    • Lo spacciatore fa male a sè stesso e agli idioti che acquistano i prodotti… invece il 5G farà molto male alla salute di tutti coloro che saranno esposti ad una quantità di onde elettromagnetiche mai utilizzata in precedenza… Mi sembra un po’ diverso… che poi, dove abita lei è sicuro che spacciatori non ce ne siano?

      • in un comunello da 500 abitanti penso che un discreto numero di spacciatori metta a rischio certe fasce di popolazione (ragazzini ?)
        PS ma lei è sicuro che il 5G faccia molto male?

      • Io capisco che non tutti siano dei tecnici e quindi possono non sapere alcunchè della tecnologia di cui stanno parlando. Ma chi non sa dovrebbe astenersi dallo sparare fesserie o fare delibere che non hanno alcun senso. Non è vero che il 5G avrà emissioni maggiori. È l’esatto contrario, sia per quanto riguarda i dispositivi che le antenne, essendo la portata delle celle molto inferiore. Non è vero che le frequenze usate dal 5G abbiano penetrazione maggiore nei tessuti, è dimostrato che all’aumentare della frequenza la penetrazione diminuisce. Non è vero che il 5G aggiungerà “emissioni” che si affiancheranno a quelle delle altre generazioni (4G, 3G), ma sarà sostitutiva, e quindi diminuirà le emissioni complessive. Del 5G si dicono più o meno le stesse scemenze che si dicevano per il 4G, il 3G e le generazioni precedenti, e che si sono rivelate, appunto, scemenze. Se ognuno si occupasse del proprio mestiere, questo paese sarebbe sicuramente migliore. Per chi vuole farsi un’idea di base sull’argomento, senza per questo diventarne esperto, questo link riassume bene i punti salienti: https://www.altroconsumo.it/hi-tech/smartphone/speciali/5g-salute#

        • Di solito chi dice che queste tecnologie non fanno alcun male produce antenne per il 5G, come le industrie del tabacco dicono che fumare non fa male… e con questo, non penso mica che il 4G o il 3G siano dei toccasana… il fatto è che l’uomo inventa nuove tecnologie, ma non sa mai quale sarà il risultato sulla salute umana, perchè di solito ci vogliono anni per capirlo e quando si stabilisce che fa male, per molte persone già decedute è tardi. Černobyl insegna, mica avevano costruito la centrale nucleare per uccidere, però non penso debba spiegarle io cos’è accaduto… anche chi ha inventato la plastica pensava di recare beneficio all’umanità, adesso guardi che fine stanno facendo le balene, i delfini e pure noi che ci mangiamo i pesci pieni di microparticelle di plastica… La realtà è che quello che chiamiamo progresso, spesso e volentieri ha portato più danni che vantaggi. Mai sentito parlare di riscaldamento globale? O pensa anche lei come Trump che il carbone sia salutare??

          • Di solito chi dice queste cose di una tecnologia di cui non sa nulla è solo l’ennesimo ignorante convinto di poter parlare di tutto con cognizione di causa.

      • Quando si perde un occasione….

        “Il 5G è sicuro e non crea danni all’uomo.
        Lo ha stabilito la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP), il principale organismo internazionale che regola l’utilizzo delle frequenze radio. Gli esperti hanno dichiarato che non c’è alcuna prova scientifica che la tecnologia 5G possa rappresentare una minaccia per la salute umana

        L’indagine:
        L’Icnirp ha pubblicato nuove linee guida sulla protezione delle persone esposte ai campi elettromagnetici. Si tratta del primo aggiornamento delle sue linee guida dal 1998 e copre le tecnologie 5G in fase di lancio, nonché quelle della radio AM e DAB, Wi-Fi, Bluetooth e altri standard mobili come 3G e 4G, fino a 300 GHz. ”

        Fonti :
        https://www.key4biz.it/wp-content/uploads/2020/03/ICNIRPrfgdl2020.pdf
        https://www.key4biz.it/5g-nuove-linee-guida-dellicnirp-nessun-danno-per-la-salute/294804/

  3. Brava Marina, ottima scelta! E’ giusto che queste tecnologie, in mancanza di documentazione e di sperimentazione, vengano bloccate perché noi tutti siamo cittadini, non cavie da laboratorio.
    Bisogna fare come con i farmaci: prima si studiano, si documentano e si sperimentano, poi se ritenuti sicuri possono essere diffusi e messi in commercio.
    Facciano prima la sperimentazione in laboratorio, poi se ne riparlerà…

  4. Vietare il fumo su tutto il territorio nazionale. Vietare il gioco d’azzardo. ……. Vietare le bevande alcoliche. Vietare i cibi grassi. …………vietare vietare…..buon carnevale.

  5. la sindaca si lamenta del fatto che la telefonia 3g e 4g e la tv non funzionano e non c’e campo?bisogna fare funzionare bene i sistemi esistenti? bene..allora faccia installare antenne 3g e 4g. e’l’unica soluzione possibile. sappia pero’che i trasmettitori 3g e 4g sono molto piu’potenti dei 5g…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.