ALMESE, IL GRANDE AMORE CHE SUPERA LA MALATTIA: DOPO 40 ANNI ANNA E ROBERTO RINNOVANO LE PROMESSE MATRIMONIALI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

ALMESE –  Il 10 settembre 1978, nella chiesa parrocchiale di Drubiaglio ad Avigliana, due giovani di Rubiana decisero di sposarsi: si chiamano Anna Manuele e Roberto Cammarata. I due si erano conosciuti a Torino ad una festa tra amici, e da quel momento non si sono  più lasciati. Dal loro matrimonio sono nate due figlie, Chiara e Deborah: entrambe lavorano come insegnanti e sono sposate.

Roberto Cammarata ha lavorato in vari hotel torinesi, prima al Principi di Piemonte come cuoco e poi  al Jolly Ambasciatori, ricoprendo anche il ruolo di economo, mentre la sua sposa Anna era assunta come impiegata per un’azienda di Almese.

La vita sembrava scorrere felice, tra alti e bassi, come quella di tante famiglie valsusine. Fino a dieci anni fa, quando Roberto venne colpito dal morbo di Parkinson. Passa il tempo e la situazione peggiora. Nell’aprile di quest’anno Roberto è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano, ma mentre segue i corsi di riabilitazione viene colpito da un arresto cardiaco, che aggrava ancora di più le sue condizioni di salute.

Oggi Roberto è in coma vigile: la famiglia lo ha trasferito in una struttura specializzata a Torre Pellice, dove viene seguito amorevolmente da dottori e infermieri.

Le difficoltà e le sofferenze sono grandi, ma tutto questo non ferma l’amore. Ieri, domenica 9 settembre, la moglie Anna ha festeggiato con lui le “nozze di rubino”, insieme alle figlie Chiara e Deborah (con i rispettivi coniugi Andrea e Francesco), alcuni parenti e amici della Valle di Susa. Ieri nella cappella della casa di cura di Torre Pellice l’atmosfera era commovente: nonostante le difficoltà, i due sposi hanno rinnovato le loro promesse di fedeltà coniugale e di amore, con la benedizione degli anelli.

Don Manuel Capa, parroco della chiesa San Martino di Torre Pellice, ha celebrato la messa e nell’omelia ha commentato un brano del vangelo  di Luca, dove Gesù guarisce i malati. Il sacerdote ha invitato la famiglia di Roberto a non scoraggiarsi, ma ad avere fiducia nell’aiuto di Dio.

È stato veramente un momento speciale, in cui si è colta la grande forza della moglie Anna, delle figlie e dei parenti che in questo doloroso momento della vita non hanno voluto rinunciare al ricordo del giorno più bello, quello del matrimonio. Dopo quarant’anni Anna e Roberto sono rimasti uno accanto all’altro.

E dopo la messa, c’è stato un momento di festa con il brindisi e il taglio della torta. Con lo stesso amore, ma forse oggi ancora di più rispetto a 40 anni fa.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Sono rimasto colpito da questa bellissima testimonianza di amore eterno tra un uomo e una donna, dovrebbe essere di esempio per le nuove generazioni e non solo dove la parola d’ordine e EGOISMO.
    COMPLIMENTI VIVISSIMI PER LA VOSTRA BELLISIMA STORIA D’ AMORE.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.