AVIGLIANA, IL NEGOZIO DELL’USATO CHIUDE SENZA AVVISARE: “CHE FINE HA FATTO LA NOSTRA ROBA?”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

AVIGLIANA – Che fine ha fatto L’angolo dell’usato di Avigliana? Nelle ultime ore se lo stanno chiedendo tutti in città. Il negozio dell’antiquariato di corso Laghi 239 ha abbassato letteralmente le serrande da qualche settimana, senza lasciar intendere ad un trasferimento imminente o ad una chiusura per cessata attività e, all’esterno, non sono stati affissi neanche biglietti che dicano quando l’attività verrà riaperta.

Domande che si aggiungono alla preoccupazione della gente. Sul gruppo Facebook “Sei di Avigliana se…” è nato un vero e proprio dibattito: sono molti i cittadini che, preoccupati, si chiedono che fine abbia fatto il loro materiale lasciato in conto vendita all’attività aviglianese. Da mobili antichi a oggetti di collezione e vestiti, cittadini di Avigliana e non solo avevano affidato i ricordi più stretti all’Angolo dell’usato per ottenere qualche guadagno, visto il periodo di difficoltà economica. Alcuni testimoni parlano di un trasloco, ma, come d’incanto, è stato chiuso sia il profilo Facebook che il sito internet dell’attività. In tanti hanno provato a chiedere spiegazioni alla titolare, la quale però non risponde al telefono da giorni. Questa mattina, lunedì 28 dicembre, anche ValsusaOggi ha provato a contattare L’angolo dell’usato, senza però riuscirci.

Ad oggi non sono ancora state presentate delle denunce, ma, come si legge sul gruppo social, in molti si presenteranno nella caserma dei carabinieri di Avigliana nelle prossime ore.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

    • Speriamo di no, ma se questa è la realtà non credo avesse potuto cancellare le tracce sul web. Vero che fanno la pubblicità del caffè in paradiso, ma non c’è la rete la, per fortuna!

  1. Chiudere il profilo Fb e il sito infatti e’ particolarmente rilevante.Forse e’, il caso che facciate un espostoa chi di dovere e poi eventualmente una denuncia.

Rispondi a Orazzio Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.