VALSUSA, IL PROBLEMA DELL’ACQUA POTABILE A BRUZOLO: “DIFFICILE ANCHE FARSI LA DOCCIA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

LETTERA FIRMATA

BRUZOLO – Cara ValsusaOggi, vorremmo portare alla vostra attenzione le problematiche che stiamo avendo in alcune zone del comune di Bruzolo con l’erogazione dell’acqua potabile.
Il Comune ha comunicato che ci sono problematiche (come ben sappiamo) vista la siccità del periodo per cui si sono raccomandati di usare responsabilmente l’acqua, ecc.
Nelle scorse settimane alcune zone erano interessate da lavori per l’acquedotto comunale (non meglio specificati) e il Comune ha comunicato che in una giornata avrebbero potuto verificarsi problematiche. Ciò non è avvenuto, ma in compenso nelle ultime settimane una sola zona (nella parte “bassa” del comune) sta avendo grosse problematiche con l’acqua potabile, che esce a malapena dai rubinetti. In questi giorni è quasi impossibile potersi fare una doccia. La problematica, seppure segnalata al Comune, persiste. In più, le altre zone del territorio comunale non hanno questo tipo di problematica. Infatti l’erogazione dell’acqua è regolare, pertanto non può essere una problematica relativa all’approvigionamento dell’acqua potabile.
Nonostante le varie segnalazioni al Comune, il problema persiste. Le zone maggiormente colpite da questa problematica sono quelle via Susa e limitrofe, che sono zone residenziali, in quanto ci sono tre grossi condomini e diverse villette unifamiliari e plurifamigliari. Purtroppo il disagio persiste da vari giorni e il Comune continua a non chiarire le motivazioni.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

12 COMMENTI

  1. Questa mattina, 03/08/2022 alle ore 7 circa, mentre uscivo in direzione Torino, un signore stava utilizzando una specie di idrante lanciando acqua sul bordo della strada. Non ho capito se stava innaffiando piante o lavando il bordo della statale, so solo che stava buttando in strada metri cubi d’acqua, oltre ad avere nel giardino una piscina piena fino all’orlo. Visto che io ho bagnato la mia pianta di rosmarino con l’acqua che ho recuperato dalla bollitura delle uova, in questo periodo di estrema siccità, trovo quel comportamento vergognoso. Consiglio agli abitanti di Bruzolo di andare a fare la doccia a casa di quel signore, che a quanto pare ha acqua da buttare via.

    • Doveva fermarsi a redarguirlo! Così una doccia gratis magari la guadagnava. Bisogna imparare ad ottimizzare in tutte le circostanze 🙂

      • ….e se mi avesse risposto che l’idrante si era aperto a sua insaputa e pur puro caso ce l’aveva in mano? Riempiendo pure, sempre a sua insaputa, anche la piscina?

    • Ciao sceriffo, lo sai quanti litri di acqua beve l’impianto idroelettrico di bruzolo? Se manca acqua che si sacrifichi corrente invece di inseguire il vicino di casa per un sospetto

      • Ciao esperto di energie da fonti rinnovabili, mi spiace di essermi arrabbiato per aver visto quello che ho raccontato, ma perchè invece di trovare sempre qualche guaio più grande con cui argomentare, non impariamo ad avere rispetto per l’acqua, per i boschi e in linea generale per il prossimo? Lascio la gestione dell’impianto idroelettrico a chi di competenza (tua?) e attendo opinione su cause e rimedi per la fame nel mondo…..

        • Risposta perfetta indirizzata al solito qualunquista che difende chiunque…….perchè
          lo Stato, il Comune fa peggio.
          In questo modo incolpando sempre la società , gli enti e le amministrazioni si assolve
          il comportamento incivile di chi se ne sbatte di tutto, e cura solo piscina e orticello.
          Un plauso a chi denuncia , pochi, il malcostume dilagante.

      • Marcello, Maner Maffiotti ha ragione. La tua osservazione regge fino a un certo punto. Gli impianti idroelettrici sono sicuramente da rivedere dal punto degli sprechi e del miglioramento dell’efficienza, a Bruzolo, come ovunque. Ma fatti un giro per la valle e, soprattutto nei paesi più piccoli, vedrai dappertutto impianti d’irrigazione lasciati aperti giorno e notte (a volte anche quando piove) per l’ossessione di avere il pratino maniacalmente in ordine o per mantenere anacronistici orticelli. Così come troverai un gran numero di piscinette ad uso dei bambini urlanti di residenti e villeggianti. Visto che si parla in modo martellante di corretto e responsabile uso dell’acqua, vista l’emergenza di questa estate, capisco il risentimento di qualcuno. Poi magari tu ami questi sprechi evitabilissimi e prefiresti il praticello perfetto, due patate nell’orto (così risparmi al supermercato) o i gagni viziati, al costo di rimanere senz’acqua per bere e lavarti o senza elettricità…ma dare sempre la colpa alla collettività per giustificare le mancanze dei singoli è il solito classico vizio italiota…

  2. ….non proprio gratis, vengono pagati in anticipo con pietre e petardi, poi procedono con l’erogazione del servizio….

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.