VALSUSA, IL SEMAFORO “INTELLIGENTE” E LA RAFFICA DI MULTE: IL SINDACO REPLICA ALLE CRITICHE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

BUTTIGLIERA ALTA – Dopo il nostro articolo e le proteste dei residenti di Buttigliera, il sindaco Cimarella ha inviato un messaggio ad una delle concittadine che avevano chiesto una risposta sulla questione semaforo. Pubblichiamo il testo intergrale.

Le scrivo per cercare di chiarire i dubbi relativi all’impianto semaforico con rilevamento infrazioni di corso Torino angolo via della Praia/via dei Comuni.
L’impianto in oggetto è stato realizzato nel tratto stradale più pericoloso del nostro Comune (per statistica sinistri, purtroppo anche mortali) e del vicino comune di Rosta: la strada statale 25. Tempo fa, su richiesta del Comune di Buttigliera Alta, ANAS, constatata l’impossibilità di realizzare una rotatoria richiesta anche per la presenza del plesso scolastico, ha realizzato una piattaforma rialzata per indurre a rallentare e a rispettare la segnaletica.
Innanzitutto credo sia bene specificare che si viene sanzionati SOLO se si oltrepassa completamente la striscia bianca di arresto a semaforo già rosso.
Questo significa che anche nel caso di svolta a sinistra verso via della Praia o via dei Comuni, se si oltrepassa la striscia con il verde o con il giallo, se si è troppo vicini e non ci si può fermare, NON si viene sanzionati anche se si completa la svolta con il rosso perché è necessario aspettare, ovviamente, che si fermino i veicoli di fronte. E’ quindi del tutto evidente che la presenza o meno di una freccia verde per la svolta a sinistra sarebbe ininfluente ai fini delle eventuali sanzioni: sarebbero elevate solo con il passaggio della striscia di arresto con il rosso sia che si tratti di disco che di freccia. Oltretutto le dimensioni della strada non consentono la realizzazione di corsie dedicate.
Aggiungo che il sistema NON sanziona il passaggio della striscia con il giallo e NON sanziona il fatto che si sia semplicemente pestata la striscia con il rosso.
L’impianto, per documentare le infrazioni, scatta 7 fotografie e produce un filmato in alta definizione. Ogni filmato/fotografie relativi ad una sanzione vengono visionati da un agente che dà l’approvazione definitiva alla sanzione.
Ad oggi tutti i filmati visionati da chi ne ha fatto richiesta hanno provato con assoluta chiarezza che l’infrazione è stata effettivamente commessa.
Il comando di polizia locale è disponibile per ogni chiarimento e per visionare con i cittadini che ne facciano richiesta tutta la documentazione a disposizione.
Credo, se ritiene, possa essere utile ad altri che hanno gli stessi dubbi che Lei pubblichi questi chiarimenti sul gruppo fb.
Colgo l’occasione per porgerLe cordiali saluti.
IL SINDACO
Alfredo CIMARELLA

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.