VALSUSA, LA DIGOS ARRESTA IL NO TAV EMILIO SCALZO: ANDRÀ IN CARCERE IN FRANCIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

BUSSOLENO – Mercoledì 1° dicembre la Digos ha prelevato il No Tav Emilio Scalzo dalla propria abitazione, per portarlo in carcere alle Vallette di Torino e poi consegnarlo alle autorità francesi. Il Tribunale di Torino ha infatti concesso l’estradizione e Scalzo sarà presto portato in un carcere in Francia, in attesa di essere processato per la presunta aggressione a un gendarme, durante una manifestazione per i migranti a Monginevro.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

30 COMMENTI

  1. In realtà non è stato arrestato per estradarlo in Francia(era già ai domiciliari) ma la procura di Torino Ha chiesto alla Corte d’Appello di revocare i domiciliari e riportarlo in carcere non per un qualche comportamento illecito di Emilio durante i domiciliari, ma perché c’era troppa solidarietà attiva sotto casa sua.
    Questo è il fatto gravissimo. Inasprita la pena non per sua colpa ma per comportamenti legittimi altrui che danno fastidio al potere.

  2. Il reato contestato prevede i domiciliari anche in Francia.
    Prendo atto con forte disappunto delle motivazioni comunicate da alberto che vorrei confermate anche da altre fonti.
    Se così fosse non resterebbe molto da aggiungere.
    Uno Stato ha molte occasioni per screditare se stesso e spesso vi si inciampa o vi ricorre, scordandosi che agendo in questo modo coinvolge anche il dovuto rispetto che dovrebbe avere verso i suoi cittadini.

  3. Ma qualche no-tav che posti qualcosa noo….(sempre no)dimenticavo, sono in preparazione della marcia del 8/12 borgone san didero… Questa è Pubblicità Nociva…spero che qualcuno tagli le fascette in plastica che le tengo su..ho avuto quella tentazione ma troppo traffico….non sono un notav/topo che le installano in piena notte per non farsi riconoscere. Una parte della valle è tappezzata di di lenzuola bianche (chissà chi dormirà senza)…pensano di fare la marcia su cosa!! Non avrei dato il permesso neppure per quella scampagnata…sempre che ci siano le autorizzazioni!!

    • Che peccato constatare che ci siano così tante persone frustrate, logorate dall’odio. Indubbiamente per comportarvi così avrete una misera vita, devo darvi un’altro dolore purtroppo, sfortunatamente per voi non ferite nessuno, come zio mi ha insegnato noi non vi odiamo né disprezziamo, semplicemente proviamo compassione per chi anima e felicità non ha, inutile infierire. Chi conosce Emilio sa che persona splendida e generosa lui sia, capace di aiutare chiunque senza nulla in cambio, mettendo il prossimo davanti a sé stesso, ma capisco che gente come voi, che gira la testa dall’altra parte difronte alle ingiustizie atroci e disumane che accadano continuamente non possano comprendere il concetto di umanità, poiché il problema non li tocca personalmente. Concludo dicendovi che mi dispiace non potervi fare avere un momento di gioia, purtroppo per voi Emilio sta benissimo e continuerà la sua battaglia dall’interno mentre fuori ci saremo sempre noi, sempre di più. Mettetevi il cuore in pace, se riuscirete a farvene una ragione sarete in grado di vivere la vostra miserabile vita. Orgogliosa e fiera di essere tua nipote.

      • Cara Sonia ,conosco la famiglia Scalzo dal 1979 e ho partecipato a tutti i momenti belli in discoteca (erano i gestori ..vedi Aquarium..Nostop a sant’antonino con proprietà del caro amico ormai defunto Renatini) e ai momenti brutti (tanti) partecipando a tutte le esequie che ci son state nel tempo a partire dal 1981/82 ed Emilio è stato forse l’unico a “distanziarsi”(sempre in contatto, ma lontano per il suo modo di vedere la vita) dalla sua famiglia.Sono dispiaciuto per quello che le sta accadendo ma prima di cedere il banco pesce abbiamo parlato e le ho fatto presente che poteva andare incontro a grossi problemi …la sua risposta non è postabile.
        P.S. non tutti quelli che scrivono hanno una vita miserabile…almeno non il sottoscritto…ti auguro un futuro molto roseo…un Abbraccio.

      • Se vuole veramente bene a suo zio invece che insultare a casaccio cerchi di farlo ragionare e farlo desistere da comportamenti delinquenziali.Direi comunque che a suo zio è sempre andata piuttosto bene,tutto sommato.Ma negli anni ha dimostrato di non essere un santo nonostante la sua quasi doverosa agiografia e quando si tira troppo la corda questa alla fine si rompe…
        Ho l’impressione che gente più scaltra di lui,e che rimane nell’ombra,lo abbiano pompato a dismisura per farne un santino no tav,come lo scalatore di tralicci,il temibile ed irriducibile Giorgio e personaggi del genere.E se suo zio è mosso dall’irrefrenabile e nobile desiderio di fare del bene le assicuro che può soddisfare questa sua pulsione in mille modi più civili e meno rischiosi per la sua fedina penale e per la sua ed altrui salute.
        Per finire non si inalberi troppo per qualche commento un pò tranchant,questo è dovuto al moto di repulsione che la gente ha da tempo per il vostro movimento,si ricordi che si raccoglie sempre quello che si semina;avete seminato negl anni violenza ed intimidazione ed ora la violenza vi ritorna indietro e per vostra fortuna solo sotto forma verbale,almeno per ora.
        I miei rispetti dal suo umile Merovingio di quartiere.

        • lo scalatore di tralicci si dovrebbe chiamare luca abbà,se la mente no mi tradisce…che poi si faccia chiamare giorgio come tu scrivi vuol dire che mangia male e razzola peggio.

      • A Emilio stanno facendo pagare il prezzo dello sberleffo da lui lanciato vero il famoso impenetrabile cantiere di Chiomonte, quando sarebbe riuscito a entrare con onori e inchini mentre guidava una bella automobile. Poi lo avrebbero identificato cacciandolo via.

      • Uno può essere anche stato madre Teresa di Calcutta per tutta la vita, ma se poi ammazza qualcuno subisce un processo e va in galera lo stesso. I magistrati non giudicano cosa qualcuno ha fatto in vita, ma i reati contestati. Se la magistratura francese ha ritenuto che ci fossero gli estremi per procedere, l’estradizione è un atto dovuto. Se crede di essere innocente, sarà assolto, no?

      • ….Come Folgore dal cielo come nembo di tempesta…con la morte sempre al fianco!!
        dei tuoni e fulmini sai cosa ne puoi fare…

  4. E mo, dico a tutti na cosa: la Francia e’ cosi ligia e brava a chiedere l’ estradizione di questa persona come lo e’ a non rispettare i trattati internazionali.Basti vedere il video sul gendarme che manda in Italia i minorenni stranieri …..per fortuna a differenza di come tanti dicono i nostri uomini lavorano bene e ha risposto al gendarme di tenerseli a casa sua! C’e’ un video! Bisogna vedere le cose come sono non cadere giu’ dal pero, certi stati sono sempre stati abituati a pensare a se’ stessi e fregarsene delle regole e degli altri….

  5. «Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare»
    Martin Niemöller (1892-1984)
    Forse per lei peppino59 è toppo difficile da comprendere

    • Bravissimo continua a stare zitto,le tue parole sono fumo negli occhi (e non ci va laccento) ,hai ragione dopo una laurea e un master per me è troppo (non toppo) difficile da comprendere…

    • Il paragone con il nazismo mi sembra davvero eccessivo… forse è lei che non comprende cosa significasse realmente finire in un campo di concentramento a soffrire le torture, il freddo, la fame e infine la morte nei forni crematori…molti finivano già nei forni crematori prima dei lavori forzati, in quanto considerati non idonei al lavoro… per non parlare di “esperimenti medici” su bimbi innocenti, donne eccetera… voglio sperare , senza entrare nel merito della questione, che nelle prigioni francesi non esistano trattamenti così brutali, e che garantiscano dei processi equi per stabilire se esistano i reati o meno, gravi e meno gravi, altrimenti andrebbero denunciati alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, e comunque questo continuo paragonare eventi come la vaccinazione contro il covid 19 alle vittime del nazismo, ho la netta sensazione che finisca per svilire e degradare l’eccelso valore di sacrificio che purtroppo molti popoli e denominazioni religiose e non ebbero a pagare molto pesantemente nei campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale. Non usiamo paragoni a sproposito.

    • Ma voi il nazismo lo tirate fuori in ogni occasione?
      Non avete rispetto per le vittime di quello che è stato uno dei peggiori “ismi” della storia dell’uomo.
      Come mai non citate un altro orrore come lo stalinismo,solo per fare un esempio?

  6. Cuor di leone senza faccia, per nome e cognome serve coraggio? Comunque non sa ne di cosa parla ne capisce ciò che ho scritto io, ripeto é inutile che perdete il vostro prezioso tempo nel giudicare e commentare ogni articolo, poiché nessuno si rattrista, perciò si goda la SUA vita, sempre ne abbia una, come noi facciamo con la nostra. Non se la prenda troppo, usi le sue energie per cose più utili, come farò io nel non rispondere più al nulla. Buone cose.

    • Vedo che ho colpito nel segno…
      E la sua reazione non mi preoccupa,è chiaro che la mela non è caduta lontano dall’albero.
      La lascio ad inseguire i mulini a vento.
      Mi stia bene.

    • Aggiungo cara signora che io ho una vita serena che ho dedicato alla mia famiglia ed al lavoro seppur talvolta sono stato costretto ad affrontare le immancabili difficoltà che la vita stessa ti propone e che ho superato anche grazie a mia moglie che è una persona meravigliosa.Ho degli hobby che coltivo fin da ragazzo e fino a che ho potuto ho praticato sport.Amici:pochi,ma buoni e soprattutto selezionatissimi.
      E quindi la rassicuro che la mia non è certo una vita “miserabile” tanto per usare un suo termine.Se può consolarla molti anni fa ho passato anche io dei guai giudiziari (penale) ed ho subito una condanna,ma ho pagato il mio errore (che è stato generato dalla mia ingenuità e da una fiducia mal riposta nei confronti di alcuni individui) ed ho continuato la mia vita senza lagnarmi e senza dare la colpa agli altri.

    • Uno può essere anche stato madre Teresa di Calcutta per tutta la vita, ma se poi ammazza qualcuno subisce un processo e va in galera lo stesso. I magistrati non giudicano cosa qualcuno ha fatto in vita, ma i reati contestati. Se la magistratura francese ha ritenuto che ci fossero gli estremi per procedere, l’estradizione è un atto dovuto. Se crede di essere innocente, sarà assolto, no?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.