VALSUSA, LA FREDIANI LASCIA I 5 STELLE: RIMANE IN CONSIGLIO REGIONALE CON IL GRUPPO MISTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono
Le valsusine Batzella e Frediani in una foto d’archivio del 2015: entrambe hanno lasciato il Movimento 5 Stelle (Batzella nel 2017 e Frediani nel 2020)

CONDOVE – Anche la consigliera regionale Francesca Frediani lascia il Movimento 5 Stelle. Si tratta della seconda consigliera regionale valsusina che sceglie di abbandonare il partito di Beppe Grillo (tre anni fa lo aveva già fatto la segusina Stefania Batzella, nell’autunno 2017).

Frediani lascia i 5 Stelle insieme a Giorgio Bertola, che circa un anno fa era stato scelto proprio dal movimento come candidato presidente della Regione Piemonte, ottenendo un flop elettorale.

Frediani e Bertola sono usciti dal movimento di Grillo, però non si dimetteranno dalla carica di consiglieri regionali: rimarranno per altri 4 anni a Palazzo Lascaris, fino al 2024, aderendo al “Gruppo misto”.

“Non credo servano tante parole o spiegazioni – scrive la Frediani su Facebook – da tempo sapete come la pensi su quello che sta succedendo nel M5S. Da tempo aspetto che succeda qualcosa, che ci sia un cambiamento, una svolta. Mi sono trascinata giorno dopo giorno in questa attesa logorante, coltivando sempre l’illusione che ogni giorno potesse essere il “giorno buono” per ritornare quelli che eravamo. “Finché non governi non puoi capire”, “All’opposizione non conti niente”: questo mi sento dire dagli strenui difensori del “nuovo M5S”, il partito di chi è disposto a tutto pur di rimanere alla guida del Paese. Il partito che ha abbassato troppe volte la testa pur di non infastidire l’alleato di turno. E intanto in valle la devastazione continua, la repressione aumenta e si accanisce su persone a cui voglio bene”.

E ancora: “Da troppo tempo sul mio territorio il M5S è assente, chi era accanto a me fino a qualche tempo fa è scomparso, disilluso se non proprio arrabbiato. Non erano loro a dover andare via, così come ora non dovrei essere io ad uscire. Ma questa nostra casa è diventata invivibile. Le 5 stelle sono parte di me e so che aspetterò ancora con fiducia che qualcosa cambi, che chi ha portato il nostro bellissimo MoVimento in questo baratro ammetta gli errori e si faccia da parte. Ma la mia attesa sarà fuori, perché non voglio più essere complice di certe scelte e di certi atteggiamenti. Sono certa che non sarò sola, perché tutte le persone che oggi non si sentono più rappresentate dal M5S non hanno perso la loro voglia di partecipare e nemmeno quella di migliorare il nostro Paese. Sarò a loro disposizione, così come resterò a disposizione del mio territorio, perché tutte le persone che hanno dato fiducia al M5S per fermare la grande opera inutile hanno il diritto di avere voce nelle istituzioni”.

La Frediani ha lasciato i 5 Stelle per passare al Gruppo Misto in Consiglio Regionale. Tre anni fa, quando lo fece la Batzella, chiese le sue dimissioni da Palazzo Lascaris
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

17 COMMENTI

  1. Così adesso potrà godersi il ricco stipendio da consigliera senza nemmeno restituire soldi al partito. Invece di dare lezioni al prossimo, si dimetta subito. Cialtrona.

  2. Brava Francesca hai fatto bene a dimetterti,
    ormai il M5S ha la febbre della poltrona, e non l’abbandona più, accetta troppi compromessi e ha svenduto la valsusa ai cementieri falsificatori.
    In valle non si sono più visti e NON una parola sul TAV se non quella ridicola farsa in parlamento sapendo che non sarebbe servita a nulla, solo per salvare la faccia che non ha più.
    Continua con le tue idee.

  3. Brava Francesca hai fatto bene a dimetterti,
    Io non ho mai mancato un appuntamento elettorale e non mi sono mai pentito del mio voto, fino a quando ho votato il M5S, la più grande delusione elettorale della mia vita!!
    Ha solo ottenuto di buttare soldi pubblici come il reddito di cittadinanza ed i TUTOR, che non ha prodotto un solo posto di lavoro , ma per l’ambiente e la cultura ha fatto ben poco.
    ha favorito le grandi opere che come è noto sono quelle che in rapporto al capitale investito producono MENO posti di lavoro. hanno contribuito ai tgli sulla sanità, anche adesso in piena pandemia a bilancio per la sanità è stata messa una miseria.

  4. Gentile Francesca,
    hai fatto bene a lasciare i 5 stelle. Io come moltissiimi altri valsusini ti abbiamo votata per difendere la nostra valle dai continui attacchi delle lobby legate al movimento terra che fanno affari con i partiti e con la ‘ndrangheta.
    A me ( che ti ho votata) sta benissimo che tu continui a denunciare in regione questo scandaloso modello politico, a me (che ti ho votata) sta benissimo che tu non dia più nulla a quello che rimane dell’ ex movimento 5 stelle; a me ( che ti ho votata) sta benissimo che tu percepisca il ” ricco stipendio” da consigliera.
    Spero quindi che tu continui a rendere conto a me ( che ti ho votata ) e non a coloro che non ti hanno votata perchè hanno legittimamente scelto altri rappresenatnti politici che hanno sottratto soldi alla sanità per costruire inutili grattacieli per la regione Piemonte, per comprare inutili aerei cacciabombardieri F35 e per inutili grandi opere che non producono né posti di lavoro né benefici. Salvo poi far finta di piangere perchè il cattivone virus Covid miete vittime negli ospedali che sono al collasso !
    Quindi continua pure così che hai il consenso della stragrande maggioranza di chi ti ha votato. Quando avrai un comportamento non più coerente con il mandato che ti abbiamo dato, noi ( che ti abbiamo votato ) te lo faremo sapere !
    Buon anno a uttti.
    Mauro Galliano- Condove-

    • A te va bene che chi si dimette da qualunque partito continui nel gruppo misto. A me no, chi da le dimissioni si rimette in “coda” e fa di nuovo la fila per essere eletto nel partito o movimento che ritiene opportuno. Così mi puzza di incollaggio alla cadrega.

      • Caro attack, da buon NoTav e ex simpatizzante grillino al sig.Galliani sta bene che una NoTav esca dai 5 Stelle e non si dimetta. Fosse stato un consigliere di qualunque altro partito starebbe chiedendo le sue dimissioni, se non la sua testa insultandola per essere una poltronista. Benvenuto in quel mondo fatto da tifosi faziosi, cialtroni e doppiopesisti.

        • gentile Sig. ” Come tutti gli altri” vedo con piacere che se io faccio parte dei ” tifosi faziosi, cialtroni e doppiopesisti” lei ha aderito ben volentieri alla grande famiglia degli anonimi che non hanno il coraggio di firmarsi e vivono quotidianamente nell’ ombra .
          Io non do fiducia illimitata a nessun partito, ma alle persone che mi rappresentano.
          Se anche voi avete votato Francesca Frediani, ditelo e aveve il sacrosanto diritto di
          pretendere che non vi deluda.
          Resta comunque molto strano il fatto che quando critico le lobby colluse con le mafie locali ( la ndrangheta nello specifico molto radicata in val di Susa e nel torinese) subito
          i leoni da tastiera anonimi si mettono in moto e indirizzano dei commenti alla mia persona.
          Auguro a tutti un buon anno nuovo vissuto alla luce del sole.
          Mauro Galliano

          • Dubito che qualcuno legga i suoi periodici deliri su lobby e mafie. In compenso leggiamo benissimo le sue arrampicate sui vetri per giustificare il suo doppiopesismo. Premesso che il voto è segreto e che nessuno può dimostrare di aver votato tizio o caio, chi siede in consiglio rappresenta tutti, sia chi lo ha votato, sia chi non lo ha votato, sia chi si è astenuto. Chi siede lì è pagato da tutti, non solo dai suoi elettori, e tutti hanno il diritto di i come meglio credono e chiedere loro coerenza nei comportamenti, senza bisogno del permesso del sig. Nessuno Galliano. La Frediani ha già dimenticato il suo atteggiamento molto 5Stelle-style avuto nei confronti della Batzella, che prevedeva di chiedere la testa di chiunque fosse “nemico” dei 5Stelle. Ora sia coerente con la sé stessa di 3 anni fa, e si dimetta.

    • Sara’ sig.Galliano , ma se ogni volta molliamo invece di andare avanti nonostante gli ostacoli , meglio non partire nemmeno.Qualsiasi lavoro comporta delle situazioni sgradevoli o che per motivi personali non ci vanno a genio, non credo sia pero’ consigliabile mollare e stare senza stipendio.Certo non sara’ il caso della consigliera pero’ e’ una riflessione da fare. Gli ostacoli vanno affrontati .

  5. Brava , hai fatto bene a dimetterti senza lasciare la poltrona; potrai tenere tutto lo sipendio , senza dividerlo con nessuno. Che lavoro facevi , prima di vincere il terno al lotto ?

  6. Penso che, conoscendo la serietà della Frediani, ha fatto una scelta che è maturata e meditata da tempo in quanto il Movimento 5stelle è molto cambiato!
    Credo che non sia “cambiata” lei ma le idee/valori iniziali del Movimento si sono trasformati moltissimo.
    Quando vai a gestire il “potere” o hai delle capacità di resistere alle varie lusinghe o ti fai irretire e allora modifichi te stesso.
    Il suo impegno per la nostra Valle sarà importante e quindi ha fatto bene a mantenere la sua presenza in Consiglio Regionale

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.