VALSUSA, LE TALPE “INVADONO” IL GIARDINO DELLA SCUOLA: VIETATE LE USCITE AGLI STUDENTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FABRIZIO PASQUINO

FERRIERA – Talpe a scuola, non avete mai provato? I 170 studenti delle scuola primaria “Collodi” di via dei Comuni e della scuola secondaria “Jaquerio” sempre di via dei Comuni, invece si. Incontri ravvicinati non del terzo tipo, ma quasi, per i bambini e i ragazzi delle due scuole di Ferriera con i piccoli fastidiosi mammiferi. In realtà testimonianze dirette di incontri vis à vis non si sono avute, ma avvistamenti nel cortile sul retro delle due scuole da parte delle insegnanti, si. Un giardino “infestato” dalle talpe che ha costretto, proprio in questi giorni in cui è esploso il grande caldo con temperature oltre la media stagionale, a vietare l’uscita degli studenti.

I piccoli mammiferi abituati a vivere sotto terra hanno ridotto il terreno utilizzato come cortile dai ragazzi e dai bambini delle due scuole, a un colabrodo, formando lunghe gallerie, buchi e montagnole di terra. La talpa è un animale solitario che trascorre la maggior parte del tempo in un complesso sistema di gallerie sotterranee, alcune più profonde, collocate a 15-25 centimetri dalla superficie, utilizzate come ripari permanenti e altre più superficiali, quasi al livello del suolo, che utilizzano come terreno di caccia e che possono arrivare a ricoprire una superficie anche di 600-900 metri quadri. Il problema è che la talpa dorme soltanto 2-3 ore per volta e nel corso delle 24 ore dorme più volte.

Ci siamo accorti della presenza delle talpe circa un mese fa, ma le temperature erano ancora basse per portare gli studenti fuori. – afferma la preside dell’istituto comprensivo di Buttigliera Alta-Rosta Gabriella Parente – Abbiamo avvisato il comune per un intervento e intanto abbiamo trovato la soluzione di portare i nostri studenti nel cortile davanti alla scuola durante gli intervalli evitando di farli andare sul retro“.

Appena terminate le piogge – spiega il vicesindaco e assessore all’istruzione Laura Saccenti – l’ufficio tecnico comunale è intervenuto chiedendo a tecnici e operai della cooperativa incaricata della manutenzione delle aree verdi di intervenire con il taglio dell’erba e il ripristino del terreno smosso dalle zampette delle talpe. Ora stiamo cercando di risolvere il problema“. In effetti le talpe non si sono date per vinte così facilmente e hanno iniziato a riscavare.

Abbiamo fatto rispianare il terreno, coperto le piccole buche e tagliato l’erba – conlcude la Saccenti – ma non appena termnerà la scuola dovremmo prendere dei provvedimenti più efficaci con metodi naturali che rispettino l’ambiente e permettano di allontarle“.

 

 

 

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Eh sì, non fate uscire gli studenti, perchè è risaputo che le talpe mangiano gli umani…ma per favore!! Andé a ciapé i rat!!

  2. Probabilmente non li fanno uscire purché se qualche bambino si inciampa e si fa male temono denunce . Purtroppo il mondo va così.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.