VALSUSA, L’ULTIMO SALUTO AL GIOVANE SAMUELE NAITZA CON IL ROMBO DELLE MOTO E I PALLONCINI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

di IVO BLANDINO

BUSSOLENO – Oggi è il giorno del lutto e del dolore per Bussoleno e la Valsusa. Alle 15 è iniziato il funerale del giovane Samuele Naitza, 18 anni compiuti a maggio, caduto in un canale a Coldimosso a seguito di un incidente con la sua moto, avvenuto lunedì 14 giugno.

Samuele studiava all’Istituto Enzo Ferrari Itis di Susa, e frequentava il quarto anno, molti suoi compagni di scuola e tanti suoi amici, si sono stretti al crudele dolore della mamma Barbara, del papà Renzo, del suo amatissimo fratellino Erik, dei nonni Caterina e Franco, dei suoi padrini Valentina e Alessandro con tantissimi amici che hanno partecipato al funerale. Molti di loro hanno accompagnato il carro funebre con le moto, suonando i clacson e facendo sentire il rombo.

Tantissime persone hanno partecipato alla cerimonia funebre: il rombo e i clacson delle moto, insieme ai palloncini con il cuore rosso, hanno accolto l’arrivo della salma di Samuele, prima della celebrazione nella chiesa parrocchiale.

Il rito religioso è stato celebrato dal parroco don Luigi Chiampo con don Prospero. Il coro dei giovani ha animato la liturgia: “Le parole in questo momento sono superflue, nella vita c’è un ordine, ma per Samuele è stato un disordine…un dolore su cui non abbiamo risposte e non riusciamo a dare una risposta – ha detto don Chiampo durante l’omelia – ma io voglio credere che ora  Samuele sia vicino a Gesù…mi è piaciuta molto la foto che avete scelto per il manifesto, dove Samuele guarda verso l’alto, guarda verso Gesù. A voi, cari genitori, voglio dire che da un dolore nasce un fiore…che Dio lo accolga”.

Al cimitero sono intervenute con un breve discorso la sindaca Bruna Consolini e un’insegnante di Samuele, mentre la zia – a nome della famiglia – ha ringraziato “tutte le persone presenti, per la loro solidarietà e la loro vicinanza”.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Suggerirei agli amici di andare a messa almeno una volta al mese a pregare per il loro amico.
    Frarebbe del bene a lui e anche a loro stessi.

  2. Se fossi un prete — che cosa vuoi dire? che ne sai tu se vanno a messa, se pregano o no? si puo pregare solo in chiesa?
    Perchè erano ad accommpagnarlo con le moto, sono peccatori? Io ero al funerale e ti garantisco che non ce n’era uno felice di essere li’!! hanno dato una bella dimostrazione d’amore per il loro compagno.

    • Certamente si può pregare, col cuore, ovunque e in ogni momento.
      Ma per un sacerdote la forma più alta e completa di preghiera è la S.Messa che culmina con Gesù stesso che rivive la sua cena non più solo con gli apostoli, ma nella comunione dei Santi e di tutti i partecipanti.
      Se i giovani (in generale) vanno più a Messa o altrove, basta andare a vedere.

  3. Un dolore immenso ed inimmaginabile…riposa in pace Samuele e da lassù dona la forza alla tua mamma , a tutta la tua famiglia ed ai tuoi amici per colmare questo vuoto immenso!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.