VALSUSA, L’ULTIMO SALUTO ALL’EX SINDACO ELSO TOURNOUR

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

SANT’ANTONINO DI SUSA / VENAUS – Hanno avuto luogo nel pomeriggio di oggi, martedì 3 marzo, nella parrocchiale di San Biagio di Venaus, i funerali di Elso Tournour scomparso all’età di 94 anni dopo una malattia a Sant’Antonino di Susa doveva risiedeva con la sua famiglia.

Di origine venausine, Tournour fu sindaco dal 1985 fino al 1990 e con lui scompare la memoria storica vivente, dell’ultimo partigiano ed alpino, del paese. Durante la Seconda Guerra Mondiale tra il 1943 e il 1945 fu testimone della Resistenza e si rese promotore di una raccolta di testimonianze che riguardavano fatti, persone e personaggi popolanti in Val di Susa grazie a un percorso di memoria promulgato fino alla scrittura di alcuni annedoti e racconti dedicati.

Molte persone si sono stretti al dolore della scomparsa di Tournour, in primis il figlio Roberto, la nipote Cristina e Stefano. Ha celebrato il funerale don Sergio Blandino parroco di Sant’Antonino di Susa e con lui ha concelebrato don Hervè, la locale cantoria con l’esecuzione dei canti della messa.

A rivolgere l’ultimo saluto a Elso erano presenti dieci sindaci della Valle di Susa in fascia tricolore, la Società Filarmonica Venausina diretta da Carlo Campobenedetto, i gagliardetti delle varie sezioni degli alpini della Valle di Susa, l’Associazione dei Carabinieri di Susa, gli AIB ed infine le varie associazioni presenti sul territorio.

Nel sua omelia, don Sergio ha elogiato la vita di Elso, la sua fede da credente e il suo impegno per i valori della libertà in cui credeva fortemente, ma soprattutto il suo grande amore per la famiglia e le sue amate montagne. Al termine della funzione liturgica, il figlio Roberto ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno dimostrato la vicinanza ed affetto alla famiglia mentre un alpino ha letto la preghiera dell’alpino.

Tra gli interventi ci sono stati quelli del Sindaco di Venaus Avernino Di Croce che ha voluto ricordare la figura di Elso “grazie ai suoi valori che ha voluto lasciare a noi come sua testimonianza per chi vuole ancora credere nei principi della libertà”. Inoltre il primo cittadino venausino ha pure accennato agli impegni e mansioni che Elso ha avuto nel corso degli anni. Dopo Di Croce parole commosse di ringraziamento anche da parte dell’ex sindaco di Venaus Lino Durbiano definendolo un vero maestro nel campo dell’Aamministrazione Comunale.

Successivamente il corteo si è avviato verso il cimitero, dove dopo la benedizione, la banda musicale ha eseguito tre brani salutando con queste note il cittadino onorario di Venaus.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.