SANT’ANTONINO, NAUSEA E VOMITO PER I BIMBI DELLA SCUOLA MATERNA: INDAGINI IN CORSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

SANT’ANTONINO DI SUSA – Tra ieri e questa mattina, sabato 23 novembre, circa 40 bambini che frequentano la scuola materna di Sant’Antonino di Susa avrebbero avuto nausea e vomito, con sintomi che potrebbero essere compatibili all’intossicazione alimentare.

Nella tarda serata di oggi, sabato 23 novembre, il Comune ha poi diffuso una nota su Facebook, affermando che in realtà sarebbero solo una quindicina (e non 40) i bimbi che avrebbero avuto tale problema. Secondo l’amministrazione comunale la causa potrebbe essere “una forte influenza intestinale”.

La certezza ufficiale quindi non c’è ancora, così come non si sanno le cause reali. Del caso se ne stanno occupando l’Asl e la Smat con il Comune e l’istituto scolastico. Inoltre sono state informate le forze dell’ordine: stamattina anche ai carabinieri della Compagnia di Susa risultava che fossero una quarantina i bambini con nausea e vomito, con sintomi compatibili all’intossicazione alimentare.

Ma è l’Asl che procederà alla campionatura del cibo somministrato in mensa, per le previste analisi di laboratorio.

Ovviamente prima di parlare di eventuale intossicazione, si dovrà attendere l’esame dei campioni prelevati. Potrebbe essere anche una forma virale, un’influenza diffusa all’asilo tra i piccoli.

Intanto anche il sindaco di Sant’Antonino di Susa, Susanna Preacco, ha diffuso sabato mattina un messaggio rivolto ai genitori della scuola e diffuso sui gruppi social: “Si stanno diffondendo voci allarmanti per quanto riguarda presunte intossicazioni alimentari riguardanti alcuni bambini della scuola materna. Si stanno facendo accertamenti con l’analisi dei campioni di cibo dispensato ieri. La stessa cosa è stata chiesta alla Smat, che sta effettuando il prelievo dell’acqua sia alla scuola materna sia in alcuni punti di Sant’Antonino. Questo per rassicurare i genitori. Ricordo anche però a tutti che occorre essere sempre molto attenti nella diffusione di notizie allarmanti, perché ci si espone al rischio di denunce. I risultati delle analisi verranno ovviamente comunicati agli interessati. Grazie della collaborazione”.

Si attendono quindi notizie ufficiali da Asl e Comune: “Il sindaco è in contatto con Asl e forze dell’ordine per capire se siamo in presenza di intossicazione alimentare o altro – ha scritto il consigliere comunale Antonio Ferrentino – siamo a disposizione delle famiglie appena ci saranno elementi scientifici”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Speriamo xk non è la prima volta che capita… Speriamo che la giustizia faccia il suo dovuto corso. E che qualcuno che ha sempre sottovalutato la situazione e i controlli necessari da fare, paghi!! Xk 40 bambini solo della scuola materna più tanti della scuola elementare, che sono stati male, non si può pensare minimamente ad un epidemia di influenza intestinale!!!

  2. A prescindere dalle cause del malessere, segnalo che da mesi i bambini della primaria devono portare bottiglie di acqua da casa perché dai rubinetti della scuola esce acqua sporca. Prima di pensare a feste, celebrazioni ed accoglienza di profughi il comune dovrebbe preoccuparsi di più della salute dei suoi cittadini.

  3. Torniamo alle pitanziere (baracchino), sono cresciuto così e non sono morto, riscopriamo un po le vecchie usanze, forse ci sarebbero meno casi e più sicurezza per i genitori, auguri ai piccoli di pronta guarigione

Rispondi a Cinzia Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.