VALSUSA, NESSUNO VUOLE COMPRARE L’ALCAR: DESERTA L’ASTA DI VENDITA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

VAIE – Brutte notizie sull’Alcar: oggi c’è stata l’asta di vendita presso il tribunale di Lecce, ma nessun imprenditore ha presentato offerte per acquisire gli stabilimenti di Vaie e Lecce: la gara è andata deserta.

Intanto la fabbrica valsusina continua a rimanere bloccata e senza produzione: martedì mattina i lavoratori si ritroveranno davanti alla Prefettura per chiedere l’intervento delle istituzioni e sbloccare i soldi necessari per comprare i materiali dai fornitori. Le operazioni infatti sono state di fatto “bloccate” dall’amministratore giudiziario, che ha imposto il limite di spesa di 10mila euro per ogni fornitura.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Scusate se mi ripeto, ma in itaglia la stagione industriale è finita con l’introduzione dell’euro, che fa comodo ai politici, agli statali e ai pensionati, (e ai tedeschi), ma non a chi deve competere sui mercati internazionali (che però sono minoranza).
    Ma l’itaglia può sopravvivere senza questi ultimi, ma solamente con le categorie prima citate?

    • Scusi ma lei dove era quando “l’Italia sovrana” ( come se ora non lo fosse) andava in bancarotta e il governo Amato,per salvare banca Italia effettuava, approvata di notte il prelievo forzoso dai conti correnti degli italiani? Tutto questo succedeva mentre il mondo aveva un boom economico…figuriamoci ora. Dare la colpa all’euro è l’ultima moda dei governi nazionali, incompetenti, che non sanno più che scuse inventarsi. Vorrei vedere quanto lavoro ci sarebbe se l’Italia fosse da sola di fronte a colossi come gli Usa, Cina e Russia. Altroché stato “sovrano” semmai stato vassallo e con le braghe abbassate quanto oggi se non peggio.

      • Ah certo, ma all’epoca almeno il lavoro c’era (e relativo stipendio).
        Se non ci fosse l’euro saremmo come ad es la polonia e l’ungheria
        (dove aziende della zona si sono traferite)
        che sono nell’unione europea ma han mantenuto la loro (povera) moneta.
        L’euro ci ha messo sullo stesso piano delle economie efficienti,
        ma la sfida la vince il più forte, che non siamo noi.

  2. No! Per questo stiamo andando a ramengo. Politicanti , parassiti, sindragati, e chi più ne ha più ne metta ! Emblematico ,ieri sera, Porro, rete 4.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.