VALSUSA, NUOVA PROTESTA NO TAV: POLIZIOTTI SCHIERATI DAVANTI AL RISTORANTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Sabato 27 giugno i No Tav si sono recati nuovamente davanti alla pizzeria “Bella Napoli” di Susa per contestare le forze dell’ordine. Davanti al locale alcuni poliziotti si sono posizionati in assetto antisommossa, con scudi e manganelli. “Questo è ciò che si ottiene militarizzando un territorio – commentano i No Tav – la valle non vi vuole. Andatevene via”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

11 COMMENTI

  1. Non so….sebbene io sia contro la Tav , non ritengo che prendersela coi poliziotti ogni gg sia coerente. Infine non vengono qui in valle perche’ non sanno cosa fare, hanno ricevuto ordini dal capo e li eseguono.E’ il loro lavoro. Capisco i presidi , ma non lasciarli in pace ne quando mangiano o dormono non mi sembra sensato. Loro se non gli fosse stato dato l’ ordine di venir qui sarebbero a farsi i Pippi propri.E nessuno saprebbe nemmeno che esistono…e’ un lavoro il loro , se il governo fa scelte sbagliate mica bisogna correre dietro alla polizia. Ora mi sembra esagerato! Giuste manifestazioni pacifiche e presidi .Vero che c’ e’ stato un 8 dicembre…vero che la questione d’ un tema ancora caldo….ma non userei certi sistemi. Nel Vajont il legale si auto denuncio si fermo’ con trattori mi pare nei sui terreni perche’ il sacrato non venisse distrutto e cosi’ fu, la strada la faranno senza toccarlo. Bisogna anche prendersi delle responsabilita’ se si vuole agire in una forma.

    • elisabetta,
      Il Vajont ha fatto migliaia di morti , tutti lo sapevano che sarebbe successo , ma ormai si era incominciato e bisognava andare avanti, e per tutti quei morti NON HA PAGATO NESSUNO!!

  2. “Questo è ciò che si ottiene militarizzando un territorio – commentano i No Tav – la valle non vi vuole. Andatevene via”.

    Sarebbe piu logico dire che questo e quello che si ottiene quando si provocano in modo sbagliato le istituzioni ,
    susa e il circondario non sono stati militarizzati a caso e poi , siamo sicuri che la valle voglia i NOTAV?

  3. Non è proprio vero che la Valle non vuole la Polizia!!! La Valle non vuole più i NOTAV perchè ne ha le scatole piene delle loro pagliacciate fuori tempo! E’ arcinoto che la Valle stima e si sente protetta dalla Polizia dalle scorrerie di quei quattro disperati! Altro che militarizzazione! La Polizia militarizza tanto quanto i NOTAV minacciano! …e meno male che c’è!

  4. I locali hanno già problemi per i pochi clienti. Ora ci si mettono pure questi a peggiorare la situazione… complimenti

  5. la valle NON vuole i notav.
    Perchè non ve la prendete con chi invia la polizia?
    I poliziotti eseguono solo degli ordini.
    In Francia e in Germania manifestazioni del genere non sono ammesse. Provate a passare il confine dove lavorano da mesi.
    Basta manifestazioni che non servono a niente. Vergogna!!!

  6. I NO TAV denotando scarsa intelligenza adottano la tattica della provocazione ben nota ai centri sociali che negli anni hanno infestato la Valle.Sperano di ottenere una reazione per poi passare da vittime.Questo è il risultato dell’infiltrazione dei centri sociali in un movimento di protesta di per sè legittimo.Questi scappati di casa del TAV se ne fregano altamente,è solo un’altra occasione per fare casino ed usare violenza.Ne andrà di mezzo,come è già successo,la parte sana e non violenta del movimento,ammesso che esista ancora.Sarebbe ora che la magistratura indaghi sui pupari che muovono i fili rimanendo ben nascosti dietro le quinte.Se il nucleo non violento non prenderà chiaramente le distanze da queste derive estremistiche decreterà in maniera definitiva la propria fine,come già sta accadendo.

    • -merovingio- “Sarebbe ora che la magistratura indaghi sui pupari che muovono i fili rimanendo ben nascosti dietro le quinte.”
      sarebbe bello se indagasse anche sui pupari che gestiscono gli appalti e su tutti gli atti illeciti compiuti da telt, anche li’ ne vedremo delle belle, visto che quando hanno indagato qualcosa è stato trovato ( vedi processo minotauro, solo per citarne uno)

  7. Sono d’accordo con i NoTav quando dicono di non militarizzare il territorio. Allora facciamo che richiamare i poliziotti e i carabinieri nelle loro caserme e diamo libertà alle imprese che operano per la realizzazione del Tav di lavorare in sicurezza. Le contestazioni si devono fare in maniera pacifica … diversamente la “guerra” non avrà mai fine.

  8. Questi esseri fuori dal tempo che si permettono di sbeffeggiare la Polizia (che fa il proprio dovere) vanno sbattuti fuori dalla Valle, anche se fanno comodo a qualcuno. La Valle NON VUOLE I NOTAV, ne abbiamo le scatole piene, vogliamo turisti, benessere, lavoro, cose che si potranno ottenere solo quando questi cialtroni verranno finalmente estirpati. Facciamo un referendum? Vediamo realmente cosa vuole la gente? …esito scontato.

  9. Dal filmato diffuso In rete dagli stessi non TAV si evince che questi sciagurati cercano lo scontro ad ogni costo,basta sentire cosa urlano ai poliziotti che sono da encomiare in quanto non raccolgono la provocazione e intelligentemente si ritirano per evitare il peggiorare della situazione,cosa che era lo scopo ultimo degli invasati.Intelligenza non dimostrata invece dai figuri no tav che urlavano con la bava alla bocca come fossero posseduti.Il movimento no tav si sta squalificando da solo permettendo queste tattiche da centro sociale.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.