BUSSOLENO, PARLA LA NEGOZIANTE RAPINATA IN PIENO GIORNO: “HO AVUTO PAURA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di LETIZIA DIAFERIA

BUSSOLENO – Aggredita e rapinata nel suo negozio in pieno centro a Bussoleno, è successo sabato 22 settembre, intorno alle 17.20: Milena Riffero, proprietaria di “Abbigliamento Da Milena” in via Traforo, nel piazzale della stazione, si trovava come di consueto nel punto vendita, seduta dietro al bancone, quando un uomo, sui 40/43 anni, con gli occhiali e un gilet da pescatore, è entrato insieme a una bella donna, anche lei sulla quarantina. I due hanno domandato a Milena una casacca da regalare alla nonna, così la commerciante chiede la taglia e fa vedere loro le diverse opzioni.

Nel frattempo, è entrata in negozio un’altra donna dai capelli neri, sui 30 anni circa, che sembrava essere insieme ai due, così tutti e tre si sono interessati al regalo, come ci spiega Milena: “Passati circa 2 minuti, con una banale scusa, hanno trovato il modo di farmi girare di spalle spingendomi a terra e facendomi cadere addosso alcuni scatoloni; inoltre le due donne mi hanno immobilizzata con forza dicendomi: “Stai zitta altrimenti ti spacchiamo!”.

Milena, molto spaventata, in quel momento ha pensato al peggio e si è accorta che l’uomo aveva scavalcato il bancone per poi scappare a piedi insieme alle due donne. La proprietaria, oltre a chiamare il marito e i carabinieri, ha notato che i soldi presenti nella cassa non erano stati rubati, mentre quelli che erano nel suo borsellino personale si, ed erano molti di più, ben 5mila euro.
La malcapitata racconta: “Non capivo nulla, non ci vedevo molto bene, mi hanno tolto gli occhiali e probabilmente mi hanno stordita con qualcosa, non auguro a nessuno un’esperienza del genere”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

6 COMMENTI

    • Non c’è niente da ridere, se fosse capitato a lei non penso che manderebbe messaggi con faccine sorridenti… tutta la solidarietà va alla povera signora, anche se concordo che tenere 5000 euro in un borsellino sia piuttosto da imprudenti, non conosciamo il motivo, magari doveva fare qualche acquisto.

  1. Cioè… Andrea, secondo te la morale va fatta alla signora??? Se avesse dovuto pagare qualcosa o un fornitore dove li doveva mettere, sotto al cappello???
    Il punto è invece questo: la signora doveva poter vivere tranquilla, quindi quelle merde che l’hanno rapinata vanno sbattute in galera!

  2. Hai pienamente ragione…la mia non voleva essere una morale per la signora…ma sono sempre dell’idea che tenere 5000 euro in un borsellino,che guardacaso interessava proprio quello,sia esagerato…poi per pagare un fornitore esistono sistemi di pagamento alternativi…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.