VALSUSA, PARLA LA NO TAV FERITA: “COLPITA DA UN LACRIMOGENO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

COMUNICATO DEL MOVIMENTO NO TAV

TORINO – “Sono stata colpita da un lacrimogeno” dice Giovanna Saraceno in un video girato ieri,21 aprile e pubblicato sui canali del movimento No Tav. L’attivista che sin dagli albori ha preso parte alla lotta contro il Tav Torino-Lione, da domenica 18 aprile è ricoverata alle Molinette di Torino con trauma cranico, due emorragie cerebralie fratture multiple al volto, oggi subirà un intervento maxillo facciale.

“Mi ritrovo in ospedale a Torino dopo essere stata in Valle per portarela mia solidarietà, la mia voce e la mia vicinanza alle persone che resistevano sul tetto del presidio di San Didero, perché lotto contro la Tav, opera inutile e dannosa”.

Questo video arriva per fare chiarezza, una volta per tutte tuona notav.info, il sito di riferimento del movimento No Tavvisto che è stato addirittura messo in dubbio da che cosa è stata colpita. È da tempo che denunciamo l’uso dei lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine, che vengono intesi come “un tiro al No Tav” del quale persino vantarsi (video dei CC). Oltre a Giovanna, nel corso degli anni,ci sono stati altri No Tav feriti gravemente e scientemente da parte di chi, per difendere un’opera inutile, attua una vera e propria guerra nei nostri confronti, attentando alle nostre stesse viteha concluso il Movimento che da subito ha attaccato la Questura,con diversi filmati, per l’utilizzo da parte delle forze dell’ordine lanci di lacrimogeni ad altezza uomo.

“Volevo ringraziare tutte e tutti, dirvi che non mi sono mai sentita solaprosegue Giovanna Saraceno ho sentito la vicinanza di tutto il movimento No Tav e di tutte le persone che lottano per una vita migliore e contro le devastazioni dei territori. Non vedo l’ora di abbracciarvi tutti ed essere tra di voi” ha concluso nel video.

“Siamo contenti di sapere che le condizioni di Giovanna poco per volta migliorinocontinuano dal Movimento – e le inviamo un augurio speciale per l’intervento che subirà oggi e speriamo di riabbracciarla al più presto”.

Sabato 17 aprile una manifestazione di oltre 4.000 No Tav ha sfilato per le strade di San Didero, Bruzolo e San Giorio di Susa, paesi circostanti il nuovo cantiere aperto da Telt, dentro il quale alcuni No Tav da una settimana resistevano sul tetto in segno di protesta contro il disboscamento di 68.000 mq destinati al nuovo autoporto e alla militarizzazione della Valsusa.

Giovanna Saraceno
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

44 COMMENTI

  1. Dovrebbero farle pagare la degenza.
    Fanno casino,spaccano tutto,tirano sassi a poliziotti e operai (che si stanno guadagnando la pagnotta) del cantiere e poi piangono se si beccano le mazzate.
    Secondo la vostra filosofia quello che fate è lecito,vi elevate a “santi salvatori dell’umanità”, allora è altrettanto lecito se ogni tanto vi “gonfiano”.
    Mi pare che da qualche parte è scritto..occhio per occhio

    • Ma no Pippo sei in errore. Il no TAV ha sempre diritto di lanciare fuochi artificiali sassi ed oggetti pesanti in faccia alla polizia…ma deve essere tutelato perché non si mette il casco protettivo…si sa che se vai in guerra al fronte non servono armi ma fiori freschi di campo…

  2. Cele_rino ti piace fare il tiro al piccione … sei troppo pieno di testosterone e di patriottica esaltazione.
    Rispetto alle forze dell’ordine contro il crimine, ma non a questi.

  3. Sono contenta che la ragazza stia meglio, mentre mi lascia molto perplessa la sfilata di 4000 persone in pieno coronavirus. E la salute pubblica non conta più nulla? Come si fa ad abbattere il contagio con degli assembramenti simili? In quei giorni eravamo in zona arancione, da dove e come è arrivata tanta gente così? Anche il covid uccide, nel mondo sono già morte milioni di persone e non è ancora finita, per cui vedere questi ammassi di persone suscita preoccupazione.

    • Per quanto non abbia mai fatto mistero della mia posizione sulle misure anti-Covid, questa volta condivido quanto detto da Gwen. Noi, pacificamente, non possiamo andare a prendere un caffè o un aperitivo comodamente seduti al tavolino di un bar, non possiamo andare a mangiare fuori, dobbiamo mantenere la distanza di sicurezza, non possiamo allontanarci per più di 30 km da casa e men che meno cambiare regione. E loro? Fanno tutto quello che agli altri non è consentito

    • GWEN E BOH dove vivete stanno manifestando da mesi perche’ gli italiani, se manifestano qlli delle scuole e quelli nella A1 perche’ non loro???? O tutti o nessuno.Poi anche in pieno coronavirus il 25 aprile scorso erano ammassati ovunque.Non parliamo quando si va al supermercati ecc. Detto cio’ PIPPO E GEPO , intanto il Movimento no Tav da certe azioni si e’ sempre dissociato per quello che ho sempre letto.Tra il movimento NO TAV che ci crediate o meno c’ e’ gente anche in divisa , uno di loro e’ anche mancato tempo fa. Oltre a cio’ e’ inammissibile che UN ORGANO CHIAMATO a tutelare il popolo e quindi quello che deve operare possibilmente la violenza sia quello che nel 2005 voleva far fuori i cittadini a VENAUS e per cosa ??? Per un’ opera che i Governi stessi hanno sempre ritenuto inutile. Se le forze dell’ ordine hanno come soluzione la violenza purtroppo essa torna indietro. La violenza e’ un boomerang la lanci e ritorna.Tutti dovrebbero usare il dialogo , ma se non sono in grado! Tu prova andare dal colonnello degli Alpini dove era di leva mio papa’ e chiedigli come chiama chi aggredisce una figura debole, donna vecchio , disabile e bambini, poi vedi!

  4. Va da se che la signora è corregionale del Collodi , ma attenta che le si allunga il naso a dismisura quindi dovrà subire altra operazione facciale , di cuore mi auguro che quella in corso vada bene con esito positivo per il suo viso . Mi piacerebbe però vedere il verbale di 400 euro per avere violato il divieto di spostamento tra regioni , visto che io non posso nemmeno andare a comperare fontina e lardo in Valle D’Aosta o a mangiare un po’ di pesce in Liguria .

    • Carluciu ti sbagli, la signora aveva tanto di autocertificazione, per postarsi, e se vuoi saperlo aveva scritto “Per necessità” si necessità di lanciare pietre, bombe carta, alle Forze dell’ordine e bloccare l’autostrada A32, ecc. Io vorrei vedere questi signori, difensori della natura, a far casino in altri paesi Europei, tornerebbero a casa tutti con le ossa rotte. Ma come si sa siamo in Italia, paese del buonismo, ma dove vogliamo andare !!!

  5. Cara Giovanna,
    siamo in molti a ringraziarti perchè sei venuta da lontano a fare quello che molti di noi NO TAV hanno preferito non fare, per paura, mancanza di coraggio, mancanza di tempo, mancanza di speranza.
    Le tue parole pacate e fiduciose sono una ventata di aria fresca . Tanti auguri per l’ intervento .

    • Complimenti per la difesa d’ufficio “a prescindere” della signora.Vorrei che si informasse anche sul curriculum vitae della stessa,una vera professionista della violenza.Sono queste le persone a cui voi non tav avete subappaltato i disordini?I valsusini ringraziano.

      • Merovingio escremento umano …. sono un pluripregiudicato recidivo infraquinquennale continuato… Momentaneamente libero pronto a incontrarti in qualsiasi momento…. Residente a Bussoleno da una vita….

      • Per l’ ennesima volta chi l’ ha interpellata ?

        La cosa comincia a puzzare.

        Una domanda al moderatore/ direttore di questa testata: li conservate tutti i commenti vero ? con date e orari di invio e anche i dati personali di chi vi partecipa in modo anonimo vero ?
        In caso di indagini della magistratura avete l’ obbligo di consegnarli oppure li distruggete e vanno persi ? Grazie se mi risponderà.

        • Tranquillo Galliano, in caso di indagini probabilmente andranno a verificare prima i dati di simpatizzanti e complici di terroristi, eversivi e devastatori seriali…O di chi si dichiara orgogliosamente un delinquente recidivo come Giorgio (ma sarà poi vero? O sarà il solito “leone da presidio”?)…poi è fantastica la vostra doppia morale…la magistratura, i controlli, le forze dell’ordine, sono tutti brutti e cattivi quando toccano voi e i vostri fanatici manifestanti. E giù con proteste, raccolte firme, accorati appelli su (molto presunti) diritti umani violati, ecc. Poi
          quando qualcuno si permette di scrivere, o solo pensare, diversamente da voi, improvvisamente ecco il cambio di facciata! E allora via con richieste di indagini giudiziarie sui commenti online, controlli e intercettazioni, censure, polizia a casa di chi ha la sola “colpa” di contraddirvi. La solita estrema intolleranza dei paladini della super tolleranza! Poi la solita chicca (o il solito ritornello ossessivo)…o la si pensa come te o si è collusi con Ndrangheta, Camorra, Mafia, Le Triadi, La Yakuza, Il Cartello Medellin, Lupin III e la Banda Bassotti…Ti risparmio la fatica di rispondere, a me o ad altri: scriverà che siamo mafiosi e omertosi, magari anche fascisti…a, seguire una raffica di trite e ritrite teorie sul treno maledetto e infine il solito autoreferenziale memento sul coraggio di firmarsi con nome e cognome e sull’altrui vigliaccheria… P.S. Ora corro a nascondermi nell’anonimato, altrimenti se mi prendono finirò davanti al Tribunale No Tav e all’ Infallibile Giudice Galliano e dovrò rispondere dei seguenti capi d’accusa: “Colpevole di pensare” e recidivo nel “Reato di ironia”, con l’aggravante dei “Futili motivi del rispetto delle opinioni diverse” e della “Associazione a delinquere di stampo mafioso/merovingio”… Galliano Ha Sempre Ragione! O No Tav O Morte

        • Questo giornale ha il grande merito di dare voce anche a chi non è allineato con il pensiero unico no tav e quindi mi sembrano totalmente fuori luogo le sue velate minacce che lei profferisce nel tentativo di zittirmi.Lei rappresenta il lato “presentabile” del movimento,ma non è molto diverso dal signor Giorgio che non si fa problemi a minacciarmi ed a insultarmi nelle righe precedenti .Forse la magistratura dovrebbe indagare un po’ di più i fiancheggiatori dei no tav violenti… E per finire mettiamola così:io smetterò di rimbeccare i suoi commenti quando lo deciderò io,non sicuramente seguendo i suoi desiderata e magari la lascerò in pace quando quello che scriverá non sarà più insopportabilmente fazioso ed agiografico di un movimento che ha perso per strada i suoi valori demandando ai violenti fascisti come il signor Giorgio e compagnia cantante la sua gestione politica.E dal suo amichevole Merovingio di quartiere un augurio di lunga vita (magari essere un cicinin meno paranoico aiuterebbe…).

          • Molto bene allora rimaniamo così, lei c’ è l’ ha a morte con i notav violenti,teppisti, terroristi ecc. ecc. ; e io ce l’ ho a morte con i si tav ‘ndranghetisti, corrotti e mazzettari . OK ? Mi pare che le nostre posizioni siano entrambe dignitose e condivisibili o no ?
            buona giornata.

        • Galliano , la polizia postale trova tutto, nella rete resta tutto…io ho segnalato sotto consiglio di mio marito uno che ha scritto la TAV potrebbe piacere come lo stupro.Mi e’ sembrato piuttosto grave incitare il secondo reato consi’ considerato dallo Stato.Ho conservato copia e salvato il messaggio
          Salvato pure la copia mandata al direttore, che a suo tempo cancello’ il messaggio.Per il mio cognome credo non ci sia bisogno di metterlo, mio marito lo trova in servizio in caserma a Susa.Elisabetta B.

  6. Per dovere di cronaca, segnalo che il Corriere della Sera evidenzia che la Giovanna Saraceno ferita è un’antagonista del centro sociale Newroz di Pisa, con precedenti per resistenza, oltraggio, interruzione pubblico servizio, violenza privata e danneggiamento. Una persona perbene, insomma, degna rappresentante dei NoTav!

  7. Ritengo vergognoso dare visibilità ad una persona già nota alla giustizia per la sua fedina penale non certo immacolata, e che anche in questo caso se ne è fregata delle regole più basilari del lockdown.

    • Lidia , le sue sono grandissime cazzate. E’ la stessa polizia di Stato che nei corsi di autodifesa dice che per evitare che degeneri una situazione bisogna difendersi senza fare male e quindi fermare l’ aggressore e scappare….puo’, essere che la signora sia come lei riporta , ma resta il fatto che a dicembre 2005 volevano far fuori i proprietari del territorio di Venaus.Qui in questa provincia qlcosa non torna e nemmeno il governatore mi pare quadro, ne questo ne qlli prima.A Longarone il legale proprietario dei terreni ha chiesto di non fare la strada sopra il Sacrato rimasto dopo il disastro del Vajont, si e’ autodenciato e era pronto seduto lì con sedia e c’ eran mezzi a fermare ruspe, io invia pure la mail alla presidenza della regione, fatto e’ che li non sono passati infine…la strada serviva per le olimpiadi….mi chiedo qui dove sta il problema.L’, incapacita’ del dialogo e del rispetto c’ e’ e si vede! Aggiungo che le forze dell’ ordine come i sindaci qui che ho incontrato per altre cose ecc….quando dico da dove vengo , rispondono ,:’ eh , signora ma la le cose sono migliori’ ….e fatevi quindi una domanda del perche’e, non siete capaci di dialogare!

      • Nemmeno il Governatore mi pare quadra. Sagrato.Errori che ho visto al volo corretti…pensi come crede Lidia ma se lo dicono pure le divise e nei comuni , mi sa che dovete darvi da fare a migliorare.

        • Non solo MAURO CORONA ha detto pubblicamente che non rispetta il coprifuoco e va a sentire il gallo cedrone.Ora per quanto le girano le palle , io credo faccia bene.Erto e’ come il Moncenisio piccolo cosi’. Ha 300 abitanti ,e’ il paese che per primo dopo la caduta del monte Toc venne invaso dall’ acqua.Fa caldo luglio e agosto, ora aprono i ristoranti la sera all’ aperto …e giustamente penso a Bardonecchia , Erto e immagino la cena romantica con la candela che serve per scaldare le mani, la coperta da indossare oltre al cappotto , vino ghiacciato , cibo in versione granita.E lei critica le distanze???? E’ da inizio pandemia che dei decreti ovunque chi più chi meno se n’ e’ fregato a partire delle caste in alto e lei stressa la gente??? All’ inizio anche se dava fastidio , ma ora non ha senso prendersela con le cavolate che fanno.La Sardegna zona rossa?????ah,ah,ah…..all’ improvviso niente mascherina , niente gel, niente contagi ???? Ma dai la gente sa che anche con i vaccini la maschera la deve mettere e non credo che all’ improvviso se ne sian fregati tutti…la decisione e e’ strettamente politica. Detto cio’ a Madrid hanno più o meno l nostra situazione e l’ sempre stata aperta, co trollan le acque reflue e se c’ e’ un’ incidenza del virus chiudono il quartiere e possono uscire solo per necessita’. Ma nel quartiere vivono normalmente e vanno fora a magnar. Allora se nulla cambia dalla chiusura parziale o totale possono lasciare zona bianca. No estate free perche’e cosi” le caste vanno in ferie. Dimenticavo caduto il Governo Conte, Salvini’ ci ha messo un po’ a cercare qlcuno dei suoi che dovevan cenare insieme fra loro…loro si e lei non puo’.L’ ha detto lui in tv, per precisare.Come si sta bene quando pigliano per il nasino, vero???

    • Lidia per il lock down e chi se ne frega ne e’ stra piena l’ Italia e non solo, trovo sciocco rimarcare a loro cio’. Ribadisco ci sono manifestazioni ovunque anche in A1 .Lei dove vive?Nel mondo ?

  8. Ma tornatene a casa tua, imbecille. Non dovrebbero lanciare lacrimogeni, ma proiettili di gomma. Passerebbe la voglia a molti fenomeni di viveri in valsusa a fare i coglioni.

  9. Al no tav convinto delle sue ragioni vorrei dirle che nel 2020 sono passati 800000 Tir con motore diesel hanno scaricato tonnellate di inquinanti rispetto ai treni che non sono più a vapore come pensate voi ma elettrici e in Svizzera galleria del Gottardo nuova di 60 km il trasporto merci e aumentato del 30 x cento per cui sveglatevi sono 30 anni che vi prendono per il sedere con le notizie fasulle dei falsi esperti

  10. Scritto il 18/04…..
    Secondo la questura, invece, “i lacrimogeni non sono in grado di fare quei traumi. La donna ha dichiarato ai sanitari di essere stata ferita da un corpo contundente, non da un lacrimogeno. Peraltro il trauma da corpo contundente è un trauma da impatto caduta a terra o fuoco amico, invece i lacrimogeni lanciati a distanza di 30-40 metri si sfaldano in dischi di sostanza polverosa di pochi millimetri che si incendiano e fanno fumo”.

    Quindi o sono state raccontato frottole prima o qualcuno ha fatto cambiare idea alla signora

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.