VALSUSA, PRODOTTI PERICOLOSI NEGLI EMPORI CINESI: MAXI SEQUESTRO DELLA FINANZA, 15 DENUNCE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Oltre 120mila dispositivi medici e articoli sanitari illegali e quasi 2 milioni di giocattoli sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Torino nel corso di un’operazione che ha interessato tutto il territorio nazionale, dalla Brianza alla Valsusa.

I punti vendita coinvolti sono a Settimo, Torino, Susa, Rivalta, Avigliana, Rivoli, Pianezza, Moncalieri, Cumiana, Bussoleno e Rosta.

I Finanzieri della Compagnia di Susa, che hanno condotto le indagini sotto la direzione della Procura della Repubblica di Torino, unitamente ai colleghi dei Gruppi Torino, Pronto Impiego del capoluogo piemontese e Monza, hanno smantellato l’intera organizzazione composta da una quindicina di imprenditori, tutti di origine cinese, nonché sequestrato l’ingente quantitativo di materiale pronto per essere immesso sul mercato italiano.

Tra i prodotti sequestrati: cavigliere, fasce elastiche ortopediche, tutori per arti inferiori nonché i reggiseni per allattamento, tutti articoli sprovvisti di una speciale etichettatura di conformità, oltre che della certificazione della qualità del prodotto, il tutto con evidenti rischi per la sicurezza degli acquirenti. Nel corso dell’attività, i Finanzieri hanno anche rinvenuto circa 2 milioni di giocattoli potenzialmente pericolosi in quanto sprovvisti delle più basilari norme di sicurezza circa la loro provenienza e composizione. Infatti, in oltre un migliaio di articoli destinati ai più piccoli, i Finanzieri hanno addirittura rinvenuto, al loro interno, tracce di piombo.

Altri 320.000 prodotti, tra articoli di bigiotteria e per la casa, sono stati invece sequestrati in quanto sprovvisti di etichettatura e, pertanto, di ignota provenienza.

Frode in commercio, questa l’accusa nei confronti dei 15 imprenditori (9 distributori e 6 importatori degli articoli illegali) denunciati all’Autorità Giudiziaria. Rischiano l’arresto fino a due anni. Irrogate, inoltre, sanzioni per oltre 100.000 euro.

La vasta operazione della Guardia di Finanza di Torino ha permesso di togliere dal mercato circa 2,5 milioni di articoli immessi in commercio in totale violazione delle normative europee nonché degli standard di sicurezza previsti per i singoli prodotti.

L’operazione, per i suoi riflessi economico-finanziari, rientra nel quadro delle attività svolte dalla Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale e finalizzate a preservare il mercato dalla diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea, anche perché il consumatore ha sempre il diritto di sapere come sta spendendo i suoi soldi.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. E’ più che giusto che venga sequestrata merce pericolosa, anche se i controlli andrebbero fatti a monte, nelle dogane e queste porcherie non dovrebbero manco uscire da porti ed aeroporti, ma dovrebbero essere rinviate immediatamente al mittente… però i commercianti e le ditte italiane dovrebbero abbassare i prezzi dei presidi sanitari, soprattutto in questo periodo di crisi, perchè alla fin fine molta gente li acquista dai cinesi per risparmiare qualcosa in un’epoca in cui molti non arrivano a fine mese.

  2. …e mi viene da aggiungere: questa sarebbe la nuova via della seta?? importazione di centinaia di migliaia di prodotti scadenti e pericolosi, che devono assolutamente essere vietati…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.