VALSUSA, PROTESTA DEI DIPENDENTI AL CARREFOUR DI CHIANOCCO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Il presidio fuori dal supermercato Carrefour, foto di Ivo Blandino

di ANDREA MUSACCHIO

CHIANOCCO – Questa mattina, mercoledì 16 giugno, si è tenuto un presidio fuori dal supermercato Carrefour di Chianocco, a cui è seguita un’assemblea riguardante le problematiche dell’organizzazione del lavoro. Presente all’incontro anche il segretario della Cisl Fisascat, Sabatino Basile. “I dipendenti – spiega il dirigente sindacale -, con la propria struttura territoriale Cisl Fisascat, hanno condiviso e deciso di dichiarare uno stato d’agitazione con una giornata di sciopero, che sarà mercoledì 6 ottobre 2021, dopo il rientro dalle fiere. Il motivo di questa decisione è l’insoddisfazione per problemi di organizzazione del lavoro ed è stata presa all’unanimità”.

Sabatino Basile
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

    • E certo, poverini, non basta lavorare al supermercato, devono anche andare a fare le fiere…
      Scherzi a parte, penso siano sotto organico e sotto pagati come molte categorie in Italia, costretti a turni festivi, di domenica e via dicendo… e probabilmente questo è il motivo per cui il supermercato è in decadenza, mi capita spesso di trovare prodotti scaduti, infatti, controllo le scadenze di tutto… i frigoriferi a volte sono sporchi, e nell’aria aleggia un lezzo non proprio profumato che sembra provenire da ventole dei frigoriferi non pulite. Non parliamo della decisione di mettere quell’orribile pavimento ruvido acchiappa sporcizia, dall’apparenza sempre piuttosto lurida. Inoltre molti prodotti sono privi di prezzo, frutta e verdura care e non sempre al top…insomma, fino a qualche anno fa era un bel supermercato con prodotti validi, ma negli ultimi anni c’è stato un decadimento che paragonato ad altri supermercati non fa buona impressione.

  1. Invece di fare subito sciopero, visto l’aumento di presenze, in modo tale da far capire all’azienda che fate sul serio, andate prima in ferie, gli coprite agosto, probabilmente con meno organico e gli stessi problemi, e fate sciopero ad ottobre!!! Il vostro sindacalista e un genio, complimenti!!! Sapete cosa gli importa che fare un giorno di sciopero ad ottobre? Niente, perché hanno tutto il tempo per sostituirli or evitare lo sciopero con qualche compromesso di bassa qualità. E il vostro sindacalista vi imtorterà bene bene, così accettate, e punto a capo.
    Se fate le cose fare le bene, rivolgetevi magari alla Fiom di Torino, gente seria.

  2. Mi ricordo ce tempo addietro una commessa del Carrefour di Chianocco mi disse : “LA MASCHERINAAAAA !!! vaporata sul naso , LO DICE LA LEGGE ” e all’ epoca capii che per questa persona il rispetto delle leggi giuste o idiote che fossero era sopra ad ogni cosa. ora mi RIVOLGO A QUESTA PERSONA. –Se il tuo datore di lavoro ti tiene in queste condizioni è perché la legge glielo permette, quindi MUTA ED OBBEDIENTE e segui LE REGOLE che tanto ti piacciono poiché “lo dice la legge” . e per finire io ti consiglierei come piccola ciliegia sulla torta spostare il giorno di sciopero dal 6 ottobre ad Ognissanti, sicuramente creereste ancor maggior danno alla ditta …. ma credo che il sindacalista non osi tanto ah ah

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.