VALSUSA, RAGAZZA INVESTITA DA UN’AUTO SULLE STRISCE PEDONALI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

FERRIERA – Lunedì 10 ottobre una ragazza è stata investita da un’automobile mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali, in corso Torino (statale 25) all’incrocio con via Capoluogo, a Ferriera di Buttigliera Alta.

Per fortuna le sue condizioni non sono gravi: è stata trasportata in ambulanza all’ospedale di Rivoli. La Fiat Punto che l’ha urtata avrebbe proceduto nonostante il semaforo in quel momento fosse rosso. Sull’episodio indagano i carabinieri.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

15 COMMENTI

  1. Il no rispetto delle strisce e non solo quelle, è un fenomeno tipicamente italiano … all’estero le auto si fermano appena vedono qualcuno che sta per attraversare !

  2. Vanno bene Giaveno e l’estero, geneticamente sempre migliori di noi che apparteniamo ad un altro club, ma un conto è non rispettare la precedenza dei pedoni ed un altro è investirli.
    Ingiustificabili entrambi ma in questo secondo caso occorre applicarsi con accanimento, spero che ne mettano altrettanto i Carabinieri.

    P.s. per Peppino
    Estero non significa solo Svizzera o Scandinavia ma resto del mondo, popolato in gran parte da popoli costretti a diventare vituperati migranti.
    Che sia giunta l’ora del loro riscatto anche con il Suo contributo?

    • Infatti, già solo a Modane, se metti il piede giù dal marciapiede si fermano per farti passare… non saprei se è questione di multe salate o di educazione stradale diversa ma il risultato è questo.

  3. Gent.mo Merovingio,
    fantasia per forza, è la mia specialità.
    Partendo non da “un investimento al semaforo” ma da “all’estero” citato nei commenti.
    E quando si scrive di “estero” bisogna considerare tutti, non esteri di seria A e esteri di serie Z, detti anche migranti.

  4. Per rimuovere la curiosità di Curiosità non posso che rispondere.
    Sì lo sono, o almeno lo sono stati i miei antenati che partirono dall’Africa con la pelle molto scura per colonizzare le terre più a nord dove un sole meno a picco permise alla pelle, generazione dopo generazione, di schiarirsi sino all’attuale pallore.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.