VALSUSA, RAPINA IN TABACCHERIA: UOMO ARMATO DI COLTELLO PORTA VIA L’INCASSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SANT’AMBROGIO DI TORINO – Giovedì 1 dicembre c’è stata una rapina nella tabaccheria di via Umberto, I angolo via Caduti per la Patria, in centro paese. Un uomo armato con il coltello è entrato nel negozio, facendosi consegnare dalla commessa l’incasso (circa 600 euro in contanti). Il malvivente, che aveva il volto coperto, è scappato a piedi indisturbato. Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri di Avigliana: le indagini sono in corso.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

24 COMMENTI

  1. Questo accade perchè non ci sono le condizioni di sicurezza.
    Ci vuole più presenza di pattuglie sul territorio giorno e notte.
    A questo punto si rende davvero necesario mettere delle telecamere all’entrata delle strade di ogni cumune della valle.
    Ultimamante in ogni paese sento sempre più casi dove i ladri sono entrati in casa ecc ecc. anziani derubati…
    Tutti i Sindaci di ogni Cumune della Valle dovrebbero leggere e raccogliere questi segnali, e spendere qualche soldino per la sicurezza delle strade ecc. per la sicurezza dei propri territori, anzichè far sempre finta sempre che tutto va bene.

    • Il problema è che intanto se vengono presi , se sono incensurati , non si fanno nemmeno un giorno di galera… E le forze dell’ordine si saranno anche rotte le p. di arrestare dieci volte le stesse persone che poi il giudice di turno rimette quasi subito in libertà….

    • Mettiamo un poliziotto davanti a ogni negozio d’Italia? Suvvia, siamo seri. Di telecamere in giro ce ne sono già fin troppe. Non c’è evento in questo paese che accada senza che sia stato filmato e registrato da almeno 5 telecamere private. Quindi chi compie questi atti, prima o dopo viene preso nel 99% dei casi. Peraltro più telecamere o poliziotti non sono mai stati un deterrente a non delinquere per alcuno. Chi è spinto a fare certi gesti, se ne strafrega di telecamere, conseguenze e poliziotti.

  2. Le forze dell’ordine sono rinchiuse nei fortini di telt, non gli interessa prendere i furfanti, loro li difendono…

  3. Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce.
    Il “sento sempre” …. è quanto più lontano possibile dalla realtà dei fatti e dai dati effettivi dei fenomeni “sentiti”.
    Lasciamo che i Sindaci facciano i Sindaci con la visione ben più ampia che il loro ruolo richiede, non solo per la sicurezza per la grande quantità di problemi che devono affrontare ogni giorno.

  4. Tre appunti al precedente commento 1) le telecamere possiamo anche metterle ma, a parte l’investimento non indifferente, poi serve anche qualcuno che osservi cosa succede altrimenti a poco servono gli apparati tecnologici. 2) le forze dell’ordine non possono essere ovunque quindi diventa impossibile per loro essere onnipresenti. 3) i corpi della Polizia Municipale dei nostri comuni sono tutti sotto organico, si pensi che Sant’Ambrogio nello specifico ha 2 agenti compreso il comandante per non parlare di Villarfocchiardo che ha un agente/comandante unico.

  5. Nessun problema, a Sant’ Ambrogio soprattutto nel centro storico vi sono molte telecamere che controllano piccole e grandi irregolarità ( 3 proprio all’ incrocio dove è posta la tabaccheria ) più altre all’ uscita e all’ entrata del paese e quindi il malvivente ha le ore contate. Così come tutti coloro che sporcano, danneggiano e vandalizzano……..

  6. Speriamo che la prossima volta il ladro rubi (e con maggior aggressività) a casa di Quesito, Giuseppe, Rifletteci Sopra e ovviamente شهرزاد, Shahrazād…

  7. Che dire…. le telecamere costano!!!!
    Io ho visto in un paese non distante a pochi minuti di macchina che usano le telecamere puntate sui bidoni della spazzatura anzichè utilizzarle per la sicurezza.

  8. Ci mancava il solito Chiamare le cose….. a fare l’uccello de malaugurio.
    Se i problemi seri si limitassero a qualche disperato che, commettendo un reato pesante come la rapina, arraffa pochi euro o che, commettendo un reato assai più lieve, taccheggia in un supermercato per valori ancora più modesti, saremmo un Paese quasi felice.

  9. Chiamare le cose ……
    sei proprio “de coccio”.
    Una casa non ce l’ho, sono un migrante e te l’ho già detto una volta quando tu e il tuo alter ego curiosità me lo avete chiesto.

    • Una ragione di più per incontrarLa! Migrante , intelligente e arguto. A presto, spero, davanti a un buon caffè!
      Buona serata, sig. Shahrazād!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.