CLAVIERE, RECUPERATI 4 MIGRANTI DISPERSI: RICERCHE DURATE TUTTA LA NOTTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CLAVIERE – Nella notte di domenica 16 giugno i vigili del fuoco di Sestriere, Torino e Susa hanno recuperato quattro migranti dispersi al confine tra Claviere e Monginevro. Ci sono volute cinque ore e mezza di ricerche nei sentieri, ma alla fine i quattro dispersi sono stati ritrovati nella zona del Colletto Verde a Gimont.

Per fortuna stanno bene. Le ricerche sono iniziate all’1.30 di questa notte, concludendosi a lieto fine stamattina all’alba intorno alle 5.30 circa. Alle ore 6 i vigili del fuoco hanno concluso le operazioni e sono ritornati alla base.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

    • Tecnicamente è più una evasione…
      Curioso che l’Europa è fondamentale quando si tratta di mobilità merci (anche quelle transitano solo) ma poi ognuna fa per se quando si tratta di persone.
      Sicuramente il nostro ministro dell’interno avrà risolto tutti i problemi con i suoi colleghi europei nell’ultima riunione sul tema…

    • …devono avere avuto lo stesso pensiero i nativi americani, gli indiani, molti popoli africani, gli aborigeni australiani, e così via quando arrivarono nei loro Paesi gli europei, colonizzarono tutto quanto, sterminarono buona parte dei nativi e arrivarono addirittura al punto, in alcuni posti come l’Australia e il Canada, di rapire i loro bambini e rinchiuderli in scuole cattoliche/protestanti per “cristianizzarli” torturandoli addirittura con la corrente elettrica o inoculando loro dei virus per vedere come reagivano… ora che in questi Paesi ex colonie resta poco da sfruttare, ci sono guerre combattute con armi costruite in Europa, c’è in molti posti una siccità pazzesca causata dal cambiamento climatico ambientale grazie all’inquinamento, queste persone che fuggono da tragedie immani nessuno le vuole e si parla di invasione…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.