VALSUSA, SALVATO UN CANE MALTRATTATO DA ANNI / L’INTERVENTO DEL RIFUGIO “IL BAU”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

CASELETTE – Era maltrattata da oltre 10 anni, tenuta in condizioni pessime, in un ambiente sporco e malsano, tanto che porta ancora i segni di gravi problemi dermatologici, con strati di pelle spariti e ferite in tutto il corpo. Nella sfortuna però, Lola – esemplare femmina di pastore tedesco – è riuscita a salvarsi grazie al rifugio “Il Bau” di Alpignano e all’associazione Bastardini Onlus.

“Abbiamo recuperato questo povero cane scheletrico, sofferente e quasi completamente senza pelo: da 10 anni, Lola viveva isolata in un recinto ai limiti di un bosco a Caselette – spiega Zaira, dell’associazione Bastardini Onlus – in queste foto, potete vedere quel che resta di un pastore tedesco femmina, con tanto di pedigree, che ha passato tutta la sua vita improgionato, lontano dai fabbricati. Per puro caso, un passante ha visto questo scempio attraverso le fessure del serraglio, perché incuriosito da un enorme cartello “attenti al cane”. Questa povera creatura giaceva seduta dietro la porta di ferro arrugginita, con uno sguardo assente e rassegnato, senza emettere nessun lamento”.

Il passante fortunatamente ha contattato il rifugio, intervenuto immediatamente: “Abbiamo chiamato i carabinieri di Alpignano e con l’ausilio della polizia municipale, abbiamo prelevato il cane, per ricoverarlo subito in clinica – prosegue Zaira – dopo aver rilevato il microchip, abbiamo chiamato il proprietario (residente a Druento), e ci siamo fatti cedere il cane. La persona ci ha confermato che il cane anni prima era stato messo a guardia di ortaggi e galline e che quando poteva, andava a dargli da mangiare i suoi avanzi di cucina. Lola non è mai stata curata, mai una visita dal veterinario fin a ridursi in questa maniera. Durante il colloquio, il proprietario non ha mai espresso compassione per l’animale, ma solo rancore e voglia di vendetta nei confronti di chi ci aveva informati!”.

Zaira e tutto lo staff del rifugio ha spiegato all’ex proprietario del cane come si dovrebbero tenere gli animali, e che non avrebbe dovuto pensare “con cattiveria alla persona che lo aveva denunciato, ma che chiunque questa fosse, poteva essere stato solo un angelo, perché aveva salvato la vita di questa povera creatura”.

“Chissà quanti casi così ci sono in Val di Susa – conclude Zaira – chi vede deve denunciare e non girare la testa dall’altra parte, dobbiamo far cambiare la mentalità di queste persone, c’è ancora tanta ignoranza e molto lavoro da fare per cambiare alcune mentalità in tema di animali, ma come si suol dire “l’unione fa la forza” e con la speranza che anche le autorità facciano la loro parte, piano piano qualcosa cercheremo nel nostro piccolo di far cambiare”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. …Non auguro altro a questa persona che ritrovarsi affamata e con un bel eczema che gli corroda la pelle…. come si fa ad arrivare a tanto con un povero animale indifeso che non chiede altro che un po’ di cibo, acqua e compagnia da parte di chi invece è diventato il suo aguzzino?… un grande plauso invece a chi ha denunciato queste terribili sevizie, troppe volte la gente gira la tesa dall’altra parte pensando che tanto sono solo animali e non vale la pena denunciare…possibile che non ci sia neanche qualche giorno di galera per chi per 10 anni ha torturato così una creatura vivente rubandole la vita?

  2. Sarebbe da sistemare cosi’ il vecchio proprietario ma a suon di manate!! Chi non ama gli animali non ama nemmeno le persone questo e’ l’esempio!

  3. Purtroppo ho constatato che quasi la totalità delle autorità predisposte non hanno né voglia né interesse a tutelare il diritto a una vita dignitosa degli animali(d’affezione) figuriamoci gli altri.quindi quando si va a denunciare casi di maltrattamento evidenti e punibili dalla legge, se ne fregano!!!anche se si interpellano tutte le autorità competenti, ma non scrivendogli un’ e_mail, andando a parlare più volte personalmente, denunciando, non si muove nulla…cos è che manca? La volontà?si e soprattutto una coscienza

  4. Questo padrone non è un uomo è peggio di una bestia e mi spiace offendere gli animali.spero in una dura punizione.teenager

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.