VALSUSA, SCIOPERO DI INFERMIERI ASL

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO STAMPA

SUSA – Venerdì 25 marzo i lavoratori del comparto dell’ASL TO3 andranno allo sciopero di 24 h e dalle 10 alle 13 manifesteranno in P.zza Castello davanti alle Regione.

L’Azienda (e la Regione) non sta dando risposte ai molteplici problemi che vivono quotidianamente i lavoratori che ricordiamo vengono da 2 anni di enormi sacrifici imposti dalla gestione della pandemia.

Non ci sono risposte sul pagamento dello straordinario 2021 che i lavoratori sono stati costretti a fare, non ci sono risposte sulle assunzioni stabili di personale, non ci sono risposte sui rinnovi dei contratti dei lavoratori a tempo determinato, non ci sono risposte sulle altre problematiche indicate nella dichiarazione dello stato d’agitazione. Al momento l’unica risposta fornita dall’Azienda è la limitazione del diritto di sciopero dei lavoratori. 

La normativa che disciplina il diritto allo sciopero nei servizi pubblici essenziali pone come regola fondamentale che si possano esonerare solo i lavoratori facenti parte dei servizi essenziali nei contingenti minimi necessari nei giorni festivi, in assenza di accordo sindacale. 

L’Azienda ha esonerato lavoratori in eccesso rispetto a tali parametri e anche facenti parte di servizi normalmente chiusi nei festivi. Abbiamo diffidato l’Azienda richiedendo la correzione dei contingenti di personale esonerati dallo sciopero e abbiamo immediatamente segnalato tale comportamento alla Commissione di Garanzia sugli scioperi. I lavoratori non si meritano un simile trattamento e non sarà questo a “tappargli la bocca”.

Diamo appuntamento il 25 marzo dalle 10 alle 13 in P.zza Castello, a tutti i lavoratori ed ai cittadini che hanno a cuore il servizio sanitario pubblico.


Lo dichiarano in una nota le componenti FP CGIL Nino Flesia, Marina Maglio, Claudio Carlone – CISL FP Agnese Avaro – UIL FPL Nazzareno Arigò e Domenico Albanese –  Nursing Up Rossano Campana.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

12 COMMENTI

  1. Nei momenti critici del “covid” tutti li osannavamo come “eroi” poi…..si dimentica tutto. Penso che svolgano un lavoro importante e delicato per tutta la collettività e quindi va il nostro incondizionato GRAZIE , oltre a un giusto riconoscimento economico!

    • Ti ricordo che il ponte di exilles è molto alto,potresti sempre fare bungee jumping ma senza elastico….si possono evitare certi commenti sul personale medico.

        • Con persone(sto offendendo le persone civili) della vs portata questo è il minimo….impotente lo sarai tu, con questi post che vi servono solo a scrivere qualcosa di superfluo…leoni della tastiera…..CAPRE,CAPRE,CAPRE,CAPRE…….

  2. Hanno fatto centinaia di ore di straordinario , nel 2021: il primo semestre di ore svolte non verrà pagato.. è auspicabile, almeno, che non le perdano e che possano ricuperarle! Problema: ricuperare significa non lavorare…. Chi farà il lavoro, durante la loro ( giusta) assenza??!

  3. Se non c’è una ribellione collettiva non solo da parte di medici, infermieri e tutto il personale sanitario, sarà sempre peggio
    Ma possibile che nessuno si accorga di quello che sta succedendo, stiamo andando verso un qualcosa che sta uccidendo la democrazia, possibile che non vedete le restrizioni, covid a parte, il paese sta morendo, crisi economica, lavoro non c’è ne più, e adesso con la guerra Russia Ucraina, vedrete, che ci taglieranno un po’ tutto, ma la cosa che rimpiangeremo di più sarà la libertà, la democrazia
    Eppure siamo tutti rassegnati, se la pandemia fosse stata gestita meglio, avremo avuto meno morti sicuramente, se ci avessero fatti chiudere quando i signori del potere sapevano del virus, e cioè novembre 2019,ma probabilmente anche prima visto che il primo caso fu scoperto a Colmar in Francia nell agosto 2018,cosi pare, si potevano prendere misure più serie, e non lasciarci andare allo sbaraglio
    Ma forse andava bene così per poter poi risultare tutto cio che abbiamo visto e che vedremo, purtroppo
    Quindi adesso basta!!!!
    E ora che tra milionate di mascherine che non erano e a norma e che ce le hanno anche rifilate, con probabili conseguenze per la nostra salute e che andranno bruciate, con spesa pubblica e cioè anche delle nostre tasche, è ora di finirla che i governanti se ne inventino una ogni giorno
    Spero che gli italiani si sveglino

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.