CONDOVE, SCREENING GRATUITO DELLE FUNZIONI COGNITIVE CON PASSO DOPO PASSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CONDOVE – Anche la mente, come il nostro corpo, è soggetta a invecchiamento fisiologico ed è bene tenerla sotto controllo. Come ci spiegano Elena Balocco, Monica Boggio e Irene Cardonatti, neuropsicologhe che collaborano con Passo dopo Passo s.c.s. Onlus, con il passare degli anni il processo di invecchiamento è inevitabile: la mente, come il corpo, inizia ad accusare piccoli rallentamenti o malfunzionamenti. In particolare, si va incontro ad una generale riduzione della velocità di elaborazione delle informazioni: abbiamo bisogno infatti di un po’ più di tempo rispetto al passato per svolgere certe attività, per fare certi ragionamenti e per trovare soluzioni a nuovi problemi. Frequenti sono i fenomeni anomici, ovvero la sensazione di “avere la parola sulla punta della lingua” e molto diffuse sono anche le difficoltà di memoria, in particolare di memoria a breve termine: dimenticare un’informazione appena ascoltata o non ricordarsi dove sono state appoggiate le chiavi di casa.

Essendo il cervello la “centralina” del nostro sistema, il suo progressivo decadimento può avere conseguenze anche molto importanti, con una notevole ricaduta sul funzionamento quotidiano.

La buona notizia è che, proprio come il corpo, possiamo allenare anche la mente.

La mente è un organo plastico, capace di modificarsi ed imparare durante tutto il corso di vita. Per quanto riguarda l’allenamento vige la regola aurea comune anche alla pratica sportiva: poco ma continuo. A poco serve andare una volta ogni due mesi a correre, così come non risulta utile occuparsi della propria mente in modo sporadico. Il processo di apprendimento (e quindi di consolidamento dell’informazione) avviene in tempi lunghi e necessita di un periodo di sedimentazione. Può essere utile quindi, oltre ad intraprendere un percorso specifico mirato alla stimolazione ed al potenziamento cognitivo, “sfidarsi” con piccoli giochi cognitivi quotidiani, stimolando le proprie funzioni: ricordarsi la targa di una macchina, fare delle operazioni a mente, associare quanti più frutti a colori specifici, porsi un obiettivo nella giornata, impostare una sveglia e verificare di ricordare esattamente cosa si fosse pianificato…

L’aspetto principale però deve essere un atteggiamento di curiosità e divertimento: è noto che il cervello risulta molto sensibile alle modificazioni umorali e, in particolare, l’apprendimento risulta più efficace se associato ad una forte motivazione che viene dall’interno e ad un atteggiamento positivo. Così come andare a correre con il broncio farà percepire più fatica, esercitare la mente controvoglia apporterà minori benefici.

E se noto qualche segno di decadimento cognitivo che mi preoccupa?

È importante rivolgersi subito a specialisti: i medici di medicina generale possono indirizzare verso approfondimenti come visite neurologiche, geriatriche ed esami di laboratorio (risonanze magnetiche e TC), fondamentali per inquadrare la problematica emersa.

Il ruolo dei neuropsicologi risulta centrale nel processo diagnostico in quanto, attraverso il colloquio, l’utilizzo di test specifici e l’osservazione clinica, indagano non solo le funzioni cognitive, tra cui attenzione, memoria, linguaggio, ma anche le sfere comportamentale ed emotiva, individuando possibili problematiche.

Lo scoglio maggiore però riguarda la capacità di affrontare la paura: e se sono malato? E se mi dicono che ho una demenza? Io devo già occuparmi di altre cose, non posso pensare anche a questo.

Riconoscere di avere delle difficoltà è il primo passo per affrontare il problema: non parlarne non lo rende meno reale ma lo rende più subdolo. Una diagnosi precoce permette un intervento altrettanto precoce volto a rallentare il decorso della malattia, migliorando il benessere individuale.

E la tua mente come sta?

Per promuovere un invecchiamento sano della mente, Passo dopo Passo Onlus ha organizzato due giornate di screening gratuito delle funzioni cognitive: il 9 e il 17 ottobre presso la sua sede di Condove. Prenota la tua visita telefonando o scrivendo al 3917561866.

volantino screening gratuito

(Informazione pubblicitaria a cura della New Press)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.