SENTIERI RIMESSI A NUOVO: CONTRIBUTO AL CAI E AGLI AIB DI BUSSOLENO E GIAGLIONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

BUSSOLENO / GIAGLIONE – La manutenzione dei sentieri escursionistici rappresenta spesso per i Comuni un rilevante impegno organizzativo ed economico e richiede la partecipazione delle associazioni locali a titolo di volontariato. La Città Metropolitana di Torino ha pubblicato nel mese di ottobre un bando rivolto ad associazioni, comitati e organizzazioni no profit, per mettere a disposizione risorse economiche per interventi di manutenzione ordinaria sulla rete sentieristica locale.

Il bando prevedeva un ammontare complessivo di 10.000 euro e per ciascun beneficiario un contributo a fondo perduto massimo di 2.000 euro, che può coprire il 90% delle spese per l’acquisto di vernici, pennelli, mascherine, carburanti, lubrificanti, pali, tavolame, graffe, chiodi, viti, profilati metallici, il noleggio di motoseghe e decespugliatori, l’acquisto di piccoli utensili, la realizzazione di cartelli segnaletici conformi alle disposizioni della Regione Piemonte e di dispositivi di protezione individuale, le spese di trasporto, vitto e alloggio dei volontari.

I progetti di manutenzione della sentieristica, concordati fra i partecipanti al bando e i Comuni interessati dagli interventi, dovevano essere presentati entro il 30 ottobre e realizzati entro il dicembre di quest’anno. Per consultare il bando e la graduatoria è possibile visitare il sito http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/agri-mont/percorsi-escursionistici/bandi-contributi-escursionismo/bando-2019.

La graduatoria dei soggetti ammessi al finanziamento comprende i progetti presentati dall’Associazione Sentieri Alta Val Malone di Corio (2.000 euro), dalla sezione del CAI di Lanzo Torinese (1.440 euro), dalla sezione CAI-UGET di Bussoleno (2.000 euro), dall’Associazione Terre dell’Erbaluce di Candia Canavese (1.980 euro), dai gruppi A.I.B. di Bussoleno e Giaglione (rispettivamente 2.000 e 580 euro).

Valorizzare il patrimonio escursionistico significa contribuire allo sviluppo socio-economico dei Comuni montani e rurali, favorendo le attività di promozione turistica – afferma il Consigliere metropolitano delegato allo sviluppo montano Dimitri De Vita – Si tratta di un patrimonio con una diffusione capillare su cui non è possibile intervenire senza una partecipazione attiva dei cittadini, attraverso il coinvolgimento del volontariato locale. Il bando recentemente chiuso ci è stato utile per capire se questo tipo di sostegno fosse considerato utile e accessibile da parte dei destinatari. La risposta avuta ci ha confermato che l’esigenza è sentita: abbiamo avuto richieste doppie rispetto alla disponibilità e non è stato purtroppo possibile soddisfarle tutte. Stiamo quindi lavorando perché il prossimo bando possa essere pubblicato all’inizio dell’anno 2020, consentendo alle associazioni interessate a partecipare di programmare le operazioni di manutenzione tenendo conto di una disponibilità di risorse che contiamo di aumentare“.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Notizia positiva. Auspicando per il futuro un aumento dello stanziamento.
    Meno campi da pallone e più manutenzione dei sentieri.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.