VALSUSA, SEQUESTRATI 150 KG DI CARNE E CIBI SCADUTI IN UN RISTORANTE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA/SESTRIERE – Ieri sera, i carabinieri della compagnia di Susa hanno denunciato quattro persone, tra 18 e 48 anni, per guida in stato di ebrezza. Un torinese è stato fermato con un tasso alcolico sei volte superiore al consentito.
Nell’ambito dello stesso servizio, i carabinieri di Sestriere, in collaborazione con i colleghi del NAS (nucleo antisofisticazione e sanità di Torino) e del NIL (nucleo ispettorato lavoro di Torino), hanno multato il titolare di un ristorante-pub, perché utilizzava alimenti in cattivo stato di conservazione, per tentata frode in commercio e per carenze igieniche.
Multe per 4.500 euro. Sequestrati 150 kg di carne, pasta fresca e formaggi in cattivo stato di conservazione, scaduti e non indicati decongelati nel menù. Informate dal NAS le autorità giudiziaria e sanitaria, con valutazioni in merito all’assenza dei requisiti minimi igienico-sanitari che possono anche determinare provvedimenti di chiusura, da parte dell’autorità sanitaria. Un altro pub è stato multato per aver effettuato trattenimenti danzanti e musicali senza la prevista licenza. Presso lo stesso locale, è stata altresì riscontrata la presenza di un lavoratore irregolare.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

10 COMMENTI

  1. senza nome e cognome ci rimettono anche i ristoratori onesti; per non rischiare non si entra da nessuna parte!!

  2. Fate cagare: andate all’estero o in luoghi dove il lavoro non funziona a stagioni x vedere la massima serieta’ nel mondo della ristorazione! ps. PRENDETE LEZIONI KRINAS
    Comunque sarebbe bello sapere i nomi dei locali x farsi due risate e non prendersi mal di pancia.

  3. Se la stampa deve osservare regole deontologiche o sottostare a timori di azioni legali siano i ristoratori seri, in Valle sono ancora molti, a denunciare i colleghi indegni e immeritevoli.
    Sarebbe semplicemente doverosa difesa della propria professionalità, delle proprie aziende, del turismo locale, dell’occupazione e della dignità del territorio, quest’ultima patrimonio di Tutti anche se impegnati in altre occupazioni lavorative.

  4. Anche qui come per Sauze dovete dare i nomi, si chiama tutela del consumatore e credo sia necessario che l’ informazione sia completa

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.