SI GIRA UN NUOVO FILM AMBIENTATO ALLA “SACRA BIRRA” CON FABIO DE LUIGI E GIAMPAOLO MORELLI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La Sacra Birra a Sant’Ambrogio

SANT’AMBROGIO – Un nuovo film ambientato in Valsusa, o meglio, in uno dei locali storici del territorio. Inizieranno a breve le riprese del nuovo film cinematografico “Gli uomini d’oro” e alcune scene saranno girate alla “Sacra Birra” di Sant’Ambrogio. Il set ha come protagonisti l’attore comico Fabio De Luigi, Giampaolo Morelli (il mitico ispettore Coliandro della serie Rai), Edoardo Leo e Gianmarco Tognazzi. All’interno del locale è già stato allestito il set, e le riprese saranno effettuate in questi giorni. “La Sacra Birra ha l’onore di essere stata scelta come location per un’importante produzione cinematografica, con un film che sarà nelle sale nel 2019 – spiegano dal locale – e pertanto resterà chiusa al pubblico fino a giovedì 29. Riapriremo venerdì 30 novembre”.

La trama del film 

Ispirato ad una reale vicenda di cronaca nera, il film si svolge a Torino nel 1995. Luigi Meroni (Giampaolo Morelli), impiegato delle Poste amante del lusso e delle belle donne, è profondamente insoddisfatto della propria vita e attende con ansia il momento in cui potrà usufruire della baby-pensione per realizzare il suo sogno: aprire un chiringuito in Costa Rica e lasciare Torino per sempre. Condivide i suoi sogni di fuga con il migliore amico Luciano Bodini (Giuseppe Ragone), ex postino quarantenne già baby-pensionato, che vorrebbe solo viaggiare e conoscere il mondo ma è invece costretto a vivere ancora con il padre perché la pensione maturata con venti anni di contributi non gli permette altro. 
Vive di rinunce anche Alvise Zago (Fabio De Luigi), piemontese di poche parole, cardiopatico e collega di Meroni che fa addirittura tre lavori pur di non far mancare nulla alla sua famiglia. 
Per Il Lupo (Edoardo Leo), ex pugile ora proprietario di un pub in società con Zago ed esperto nel “recupero crediti a mani nude” per conto di uno strozzino, conta solo riuscire ogni giorno a dimostrare alla propria compagna di saper gestire gli affari e assicurarle un futuro dignitoso. 
Ecco quindi che per i quattro uomini, legati l’uno all’altro da motivi personali, l’idea di Meroni di rapinare il furgone portavalori diventa l’ancora di salvezza, l’occasione di riscatto da una vita senza speranze per il futuro. Ma il crimine non è per tutti, e la voglia di ognuno di loro di intascarsi tutto il bottino trasforma un colpo, che sulla carta dovrebbe essere semplice e pulito, in un rocambolesco, inestricabile noir metropolitano…

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Scusate …ma avete riciclato la notizia di 8 anni fa???

    Era il 2000 quando la stessa storia ispirava il film Qui Non è il Paradiso con Pappalardo:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Qui_non_%C3%A8_il_paradiso
    Oltretutto già allora uno dei set era alla Sacra Birra, per l’occasione ribattezzata La Frontiera (i fatti reali si erano svolti a La Frontiera di Susa ma il locale era stato chiuso ed era stato sostituito con la Sacra Birra, rinominandola).

    Comunque, Ettore, se non hanno modificato il copione dal film del 2000, NON permettere all’attore che impersonerà Michele Manzo di dire per una seconda volta “che posto di m****” nel tuo ottimo locale!

    • Come cittadino della Valle di Susa sono molto contento e onorato di avere un locale come la sacra birra e ancor di più adesso che una delle migliori produzioni
      cinematografiche
      italiane l’abbia scelta per girare alcune scene di un film tratto da una storia vera accaduta nel 1995 .

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.