VALSUSA, SOSPESO IL DERBY: GIOCATORE SI SCAGLIA CONTRO L’ARBITRO CHE VA AL PRONTO SOCCORSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CASELETTE – Domenica 16 ottobre è finito in anticipo il derby valsusino di Prima Categoria tra Caselette e la Polisportiva Chianocco. L’arbitro Andrea Franco ha dovuto sospendere la gara, a seguito di un brutto episodio avvenuto con un giocatore del Chianocco. Durante il secondo tempo della partita, l’attaccante ha pronunciato parole offensive contro l’arbitro per protestare a seguito dei falli ricevuti. Il direttore di gara l’ha quindi espulso: alla vista del cartellino rosso, il giocatore ha reagito in malo modo, strappandogli il fischietto dalla bocca e scagliandoglielo addosso. Si parla anche di una manata da parte del giocatore, che il direttore di gara sarebbe riuscito ad evitare coprendosi con i cartellini. Di fatto, al 53′ minuto l’arbitro Franco della sezione di Collegno ha sospeso la partita e si è recato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Rivoli, dove i medici gli hanno dato 3 giorni di prognosi. Ora si attende il comunicato ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti con le decisioni in merito del giudice sportivo, dove saranno indicate le giornate di squalifica per il giocatore del Chianocco e la probabile decisione di assegnare la vittoria a tavolino per 3 – 0 al Caselette.

IL COMUNICATO DELLA POLISPORTIVA CHIANOCCO

“Per quanto riguarda l’accaduto di domenica scorsa nella partita che vedeva i nostri ragazzi impegnati contro i ragazzi del Caselette vorremmo puntualizzare che il nostro ragazzo pur non avendo giustificazioni per l’atteggiamento tenuto nei confronti dell’arbitro,avendo si,strappato il fischietto dalla bocca e successivamente lanciato addosso allo stesso non ha assolutamente cercato di colpirlo in nessun modo, anzi, dopo essersi immediatamente reso conto dell’accaduto e del grave errore commesso si è allontanato dal campo… Ovviamente siamo consci del grave gesto fatto e non vogliamo in alcun modo giustificarlo, né tanto meno trovare alibi, semplicemente vogliamo che il ragazzo sia “giudicato” per l’errore fatto e non passi per un serial killer o un delinquente comune, dato che non sono qualifiche che gli appartengono! Un errore per quanto ingiustificabile non può sicuramente cambiare la storia è l’animo di un ragazzo per bene”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

  1. Dovreste vergognarvi ..
    Pallonari ..insegnate solo merda ai ragazzi
    E questi sono i risultati bulli risse …
    Per la partita della birra e salsiccia…

  2. Complimenti alla famiglia, all allenatore e a tutto l ambiente calcistico.
    Fa schifo leggere di questo sport le varie violenze dei giocatori, tifosi e persino delle famiglie.
    Purtroppo, il calcio attira spesso giovani da ceti medio-bassi, immigrati dal sud di 2,3 generazione oppure da paesi extra europa. Un sogno sbagliato dato e mostrato da calciatori strapagati, spesso ignoranti senza istruzione.
    Uno sport non come lo sci, il golf, l’equitazione e la vela In cui raramente (mosche bianche) vi sono atti violenti a danno d’immagine o persino fisico verso terzi/avversari.
    Sarebbe da distogliere un po l’attenzione dal calcio.

    Che fine hanno fatto gli sciatori azzurri delle nostre montagne? Sono stati eliminati da questi ultimi 50anni d’immigrazione dal sud italia?
    Basti notare che in valsusa, per ogni famiglia probabilmente vi sian 1-2 palloni da calcio e nemmeno un paio di sci! Nella valle olimpica dello sci!
    Assurdo ma d’altronde tanti paesi valligiani son gemellati con cittadine del Sud! Mentalita e cultura sicuramente non “valsusina”!

    • sarà perchè un pallone da calcio costa 10 euro, mentre un paio di sci 150, per non parlare dello ski pass e tutto il resto…non mi sembra difficile da capire…genio

    • Tutti a sciare, giocare a golf, andare a cavallo e in barca a vela con i soldi di papà… Evvaiiii!!!!!!! Cresciamo una generazione di snob. Quelli si che hanno rispetto per gli altri…

    • Ti qualifichi da solo, snob e razzista!!
      E’ vero piuttosto che il calcio essendo uno sport di squadra, aggrega di piu’ che lo sci, il golf, il tennis o l’equitazione ecc.ecc.
      E poi essendo economico e non necessitando di costose attrezzature ed infrastrutture è ovviamente più praticato dal ceto meno abbiente. Comunque le amicizie che mi sono fatto giocando a calcio 40 anni fa sono ancora vive adesso.
      Certo, c’erano dei ragazzi piu’ ‘sanguigni’ che, abitando in un quartiere ‘malfamato’ non mancavano, ma grazie al calcio questi stavano alle regole e si confrontavano in un altro modo che non fosse la violenza o la provocazione.
      Abituati alla convivenza, razza di intollerante che non sei altro!!

    • Del tuo commento si salva solo il fatto che la cultura calcistica fa schifo. Per il resto l’unica cosa che si nota sono i tuoi pregiudizi e in tuo strisciante razzismo. Secondo te chi in valle non scia e un imbecile? Abbiamo fior fior di atleti che corrono, vanno in bici, giocano a rugby e decine di altri sport. Quello fuori posto sei tu.

    • Ti qualifichi da solo per l’ignoranza, altro che padano, IGNORANTE è la parola giusta, degno del tuo “caro” Salvini. Che inetti!

  3. Ho visto poco dell’ambiente calcistico…ma in quel poco che ho visto c’era solo prepotenza e senso di superiorità. Spero non sia così ovunque.

  4. dopo aver scagliato il fischietto contro l’arbitro, rendendosi conto dell’accaduto si è subito allontanato???? invece di scusarsi??? è proprio vero…..il pesce puzza dalla testa!!!

  5. Ti qualifichi da solo, snob e razzista!!
    E’ vero piuttosto che il calcio essendo uno sport di squadra, aggrega di piu’ che lo sci, il golf, il tennis o l’equitazione ecc.ecc.
    E poi essendo economico e non necessitando di costose attrezzature ed infrastrutture è ovviamente più praticato dal ceto meno abbiente. Comunque le amicizie che mi sono fatto giocando a calcio 40 anni fa sono ancora vive adesso.
    Certo, c’erano dei ragazzi piu’ ‘sanguigni’ che, abitando in un quartiere ‘malfamato’ non mancavano, ma grazie al calcio questi stavano alle regole e si confrontavano in un altro modo che non fosse la violenza o la provocazione.
    Abituati alla convivenza, razza di intollerante che non sei altro!!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.