VALSUSA, UNA RAGAZZA DENUNCIA: “IERI NOTTE UN UOMO MI HA SPAVENTATA, AVEVA UN FURGONE BIANCO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CASELETTE – Dopo il caso segnalato da una famiglia a Bussoleno alcune settimane fa, ieri una ragazza ha denunciato ai carabinieri di Alpignano un altro episodio inquietante, che sarebbe avvenuto a Caselette in viale Sant’Abaco.

Un uomo a bordo di un furgone bianco avrebbe provato ad avvicinarsi ad una ragazza del paese che stava rientrando a casa in piena notte (venerdì alle 2.30). In mano l’uomo aveva un rotolo di nastro da lavoro. Alle grida della giovane, lo sconosciuto si è allontanato ed ê risalito velocemente sul suo furgone. La giovane ha presentato la denuncia venerdì 6 luglio, al pomeriggio, ai carabinieri di Alpignano.

Secondo quanto ha dichiarato ufficialmente ai carabinieri, la ragazza stava rientrando a casa dopo aver passato la serata a Grugliasco insieme a delle amiche.

“Arrivata a Caselette, ho parcheggiato nei pressi della curva a pochi metri dall’abitazione – ha spiegato alle forze dell’ordine – dopo aver spento la vettura sono scesa dall’auto per andare a piedi verso casa. Mentre parcheggiavo ho notato che di fronte al cancello della mia casa c’era appostato un furgone bianco che non avevo mai visto in zona. Ad un certo punto, mentre prendevo le mie cose dell’auto, ho visto avvicinarsi verso di me un uomo, in mano aveva un nastro giallo da decoratore, come quelli che usa mia mamma quando dà il bianco in casa”.

Nella denuncia, la 22enne fornisce altri dettagli: “Lo sconosciuto è arrivato a un metro da me. Ho aperto la portiera e gli ho chiesto cosa volesse, ma non mi ha risposto. Ho visto che con la mano sinistra stava srotolando il nastro giallo, allora mi sono spaventata e ho iniziato a urlare “mamma, mamma”. A quel punto l’uomo si è allontanato velocemente, è risalito sul furgone bianco e se ne è andato”.

La ragazza spiega anche cosa è avvenuto dopo lo strano incontro: “Dopo l’accaduto, sono rimasta chiusa in auto spaventata per alcuni minuti. Mia mamma non arrivava ed era a casa, allora l’ho chiamata per telefono. Prima di lei sono giunti sulla via due vicini, che hanno sentito le mie urla e sono venuti ad aiutarmi e a chiedermi cosa stesse accadendo”.

Nella denuncia presentata ai carabinieri, viene fatto presente che la mamma aveva notato quel furgone bianco appostato vicino a casa già all’1 di notte.

Ma che aspetto aveva quell’uomo? La ragazza ha fornito ai carabinieri una descrizione abbastanza accurata: “Era un uomo brizzolato, di carnagione chiara, 45-50 anni, capelli corti a spazzola. Era alto circa 1.70 con il fisico robusto. Indossava una maglietta nera. Non l’avevo mai visto prima. Quando si è avvicinato non ha parlato…penso possa essere un maniaco, oppure uno che rapisce le donne, magari per farle prostituire. Non ho idea e non so chi possa essere, non l’avevo mai visto prima”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Purtroppo viviamo in un mondo pieno di persone violente o con fini non certo legali, per cui per una ragazza giovane è meglio non andare in giro da sola a tarda notte, meglio rientrare un po’ prima o farsi accompagnare, perchè purtroppo a quell’ora in giro non c’è più nessuno ed è più rischioso. A questo punto ci vorrebbero di nuovo i genitori di una volta che ti facevano rientrare a casa entro la mezzanotte e non mandavano in giro una giovane ragazza da sola, saremo stati meno liberi ma sicuramente più protetti dai malintenzionati.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.