VALSUSA, UOMO FERISCE MUCCA CON LA BALESTRA: “UN VIGLIACCO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

CASELETTE – Triste risveglio il 15 novembre, per il margaro Sandro Leschiera, che in questi giorni con le sue oltre 50 mucche (ma ne possiede 300), stava attraversando la valle di Susa. Era partito nei giorni scorsi da Sauze d’Oulx ed è diretto a San Gillio: a piedi si sta dirigendo verso Chivasso. Martedì mattina recandosi nei campi del Grangiotto per controllare le sue mucche si è trovato davanti ad una scena agghiacciante, ma è lui stesso che ci vuole raccontare che cosa ha visto e amaramente constatato.
Sandro, vuole raccontare che cosa è successo alle sue mucche?
Ieri mattina al Grangiotto abbiamo trovato una nostra mucca ferita, con una freccia da balestra conficcata nella pancia. Noi abbiamo le mucche ai pascoli nei prati (io sono un pastore vagante) e con la mia mandria sono diretto a San Gillio. Ci spostiamo con la nostra mandria, non sappiamo se chi ha compiuto questo atto (non so neppure come definirlo) lo abbia fatto per gioco o per intimidazione. Ha voluto usare le mie mucche come bersaglio, oppure potrebbe anche essere un dispetto, non so che cosa pensare. Mercoledì 16 novembre il mio collega, che pascola anche lui qui con le sue pecore , ha trovato una freccia di balestra nella terra. Io penso che l’uomo prima abbia sparato la freccia con la balestra contro la mia mucca e che dopo voleva colpire anche la pecora, ma la freccia ha fortunatamente mancato il bersaglio ed ed è caduta in terra”.
Avete denunciato il fatto?
Certamente, abbiamo chiamato subito la forestale e adesso sono in corso le indagini, stanno facendo il verbale, poi è arrivato il veterinario ed è riuscito a togliere la freccia dalla pancia della mia mucca. Ora spero per l’animale, ferito gravemente, ma non sappiano come andrà a finire. Non riesco a capire chi abbia potuto fare una cosa del genere, non ho parole per esprimere la mia amarezza ed indignazione per l’atto che è stato compiuto ”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

  1. Solitamente non insulto mai, mi sono sempre ispirato a pacatezza e moderazione , sul web… Ma questa persona è veramente un esempio di stupidità umana. Spero la vacca guarisca in fretta…

  2. Con pene più severe, forse e dico forse certe cose non succederebbero,per certa gente ci vogliono pene severe, ma uno cosi potrebbe anche colpire una persona, spero si riesca a sapere chi è perché uno così e pericolosissimo, la violenza che si sta vedendo in giro e pazzesca

  3. Speriamo che la mucca si riprenda. Quanto al maledetto che ha commesso l’orribile gesto, l’unica cosa utile sarebbe fargli la stessa cosa.

  4. Ormai .la.gente non è più a posto
    Già.queste persone.si fanno un mazzo tanto .e in più. Devono fare i conti con delle belle teste di ……
    Speriamo ….che le indagini .portino .a..quale cosa…..

  5. Va bene che siamo ormai tutti alla fame ma questi vigliacchi non hanno alcun rispetto del prossimo. Meriterebbero un paio di frecce nelle chiappe per capire cosa si prova

  6. Se non sbaglio per detenere una Balestra ci vuole il Porto D’Armi . Spero venga pizziczto sto mentecatto e si faccia tre anni in galera , dove nelle docce potrebbe venire ferito non da un dardo ma da altro oggetto di carne . Chissà che non ci prenda gusto sto fallocefalo

  7. Le balestre sono in libera vendita ma sono armi letali che possono uccidere una persona o un grosso animale a molti metri di distanza. A fronte di questo molte armi ad aria compressa che sparano un pallino di piombo del peso di mezzo grammo necessitano di porto d’armi . Evidentemente qualcosa va rivisto non perchè si eliminerà del tutto il problema ma quantomeno perchè così il possesso illegale sarà perseguito ed i possessori legali saranno noti.

  8. A questo seguace di Guglielmo Tell dico semplicemente: IGNORANTE SEI PIÙ BESTIA TU DELLA POVERA MUCCA. Ti dovrebbero conficcare non una ma dieci frecce nelle chiappe, deficiente !!!

  9. Mi viene da piangere quando leggo queste cose, perché se c’è una cosa che mi ha sempre toccato il cuore, è la vita dura dei pastori e la transumanza… Come si fa a conficcare una freccia nel fianco di una innocua mucca? Non è di certo caccia per sopravvivenza, ma malvagità allo stato puro. Forse un po’ come i ragazzini che in Inghilterra hanno colpito un innocuo cane shitzu con i petardi e purtroppo il cane, fuggito per il terribile spavento, è stato rinvenuto dai volontari morto trasportato dalle onde del mare… era il cagnolino di una signora di 86 anni che ora soffre moltissimo per averlo perso… e il giornalista del quotidiano che non sto a nominare giustifica il tutto dicendo che possiamo ancora credere nell’umanità perchè 600 persone hanno aiutato la famiglia a cercare il cagnolino e che forse i ragazzini non pensavano di farlo morire… personalmente penso invece che per prevenire questo tipo di tragedie, innanzitutto vadano banditi petardi, fuochi d’artificio e altri meccanismi “scoppiettanti” non necessari e poi che ci siano leggi che vietino il possesso di armi a chi le tiene solo per diletto, balestre comprese. Inoltre ci vogliono ore di educazione civica fin dall’infanzia per spiegare fin dalla tenera età quale sofferenza prova un innocuo animale ferito da persone senza cuore e senza coscienza. Infine pene severe a chi cagiona ferite o addirittura la morte a creature viventi indifese, che si tratti di mucche, cani, o altri animali. Non bastano le multe, ci vuole il carcere per i maggiorenni, e i minorenni che siano inviati dai servizi sociali a lavorare come volontari in strutture per animali abbandonati, compresi quelli malati che soffrono, affinchè si capacitino che la vita reale non è un videogioco e gli animali sono esseri viventi degni di affetto e rispetto.
    Auguro al proprietario della mucca che guarisca presto e che la persona senza cuore che ha commesso questo reato venga presto identificata e punita con il massimo della pena previsto in Italia per questi reati.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.