VIALATTEA, IL PERIODO TOP PER IL TURISMO È IL CARNEVALE / GUARDA LE STATISTICHE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

via
di CORINNE NOCERA

Questa mattina si è tenuta al Teatro Regio di Torino, la conferenza stampa per la presentazione della stagione sciistica 2015-2016 del comprensorio internazionale della Vialattea, composto da Sestriere, Sauze d’Oulx, Oulx, Sansicario, Cesana, Pragelato, Claviere e la francese Montgenèvre.

Oltre 300 persone tra giornalisti ed operatori del settore, hanno assistito all’illustrazione delle nuove tariffe e strategie aziendali della Sestrieres S.p.a.
E da domani mattina, inizia ufficialmente la campagna abbonamenti skipass stagionali per la stagione 2015-2016 che, per il nono anno consecutivo, mantengono i prezzi invariati.

Il presidente della Sestrieres S.p.A., Giovanni Brasso ha presentato una serie di diagrammi esplicatvi, con i quali ha illustrato l’andamento delle temperature negli ultimi 18 anni, gli incassi medi giornalieri dei percosi significativi, le percentuali di incidenza degli incassi per tipologia di skipass ed il totale dei passaggi sulla Vialattea, dal 2010 al 2015.

I dati forniti da queste statistiche, sono stati elaborati per creare un progetto di lavoro sul quale basarsi nel futuro. “Sembrerebbe in atto quello che comunemente chiamiamo “slittamento in avanti delle stagioni”: l’apertura degli impianti con un mese di ritardo e le condizioni del tempo non favorevoli, hanno causato una diminuzione di 650 mila passaggi nel comprensorio della Vialattea. Ovviamente, la riduzione degli incassi è proporzionale; fin’ora siamo comunque riusciti a contenere le perdite”.

La soluzione sembrerebbe prolungare le vacanze di carnevale, periodo statisticamente più proficuo: “E’ importante intraprendere a livello politico con le istituzioni nazionali e regionali, una trattativa per l’introduzione strutturale nei calendari scolastici della settimana festiva di Carnevale. L’ottenimento del prolungamento delle festività di Carnevale, come peraltro avviene già in Veneto, in Trentino e addirittura per 4 settimane a rotazione nelle vicine Francia, Belgio, Lussemburgo, Austria e Inghilterra, oltre a garantire un importante aumento del fatturato a tutti gli operatori dei territori afferenti alle società degli impianti, private o pubbliche che siano, permetterebbe di compensare i possibili cali di presenze nei periodi sia dell’Immacolata che prenatalizio, derivanti dal prevedibile slittamento in avanti dell’avvio della stagione invernale”.

GUARDA I DIAGRAMMI CON LE STATISTICHE:

Un altro modo escogitato dalla Sestrieres per contenere le perdite, riguarda i contratti di lavoro ed il cosiddetto “prestito solidale“, come precisa Luisella Bourlot, direttore generale della società: “Pochi giorni fa, in data 16 ottobre, la Sestrieres, le RSU, l’Unione Industriale e la FILT-CGIL hanno firmato il contratto di secondo livello per il periodo 2015-2018. Mi preme far notare che la Sestrieres è un’azienda sana con una giusta redditività ma, come tutti sappiamo, il suo andamento economico non dipende solo dal mercato o dalle capacità imprenditoriali del management ma anche da fattori ingovernabili: le condizioni meteo e di innevamento – spiega ancora Bourlot – pertanto, nella trattativa di secondo livello, sono stati raggiunti accordi atti a ridurre l’impatto negativo di una brutta stagione. Infatti è stato inserito un nuovo articolo che, con l’obiettivo di salvaguardare la sostenibilità economica della Sestrieres SpA e gli attuali livelli occupazionali, prevede una serie di interventi da attuare nel caso in cui i ricavi funiscioviari non raggiungessero un livello adeguato a sostenere i costi fissi dell’azienda e pertanto si determinasse lo stato di crisi”.
A seconda della gravità della situazione, potranno essere adottate alcune misure, fra le quali la riduzione o sospensione delle indennità previste dal contratto; la sospensione, per quanto possibile, di tutti i lavori terziarizzati, oppure l’istituzione del “prestito solidale” da trattenersi a tutti i dipendenti, pari all’importo di una giornata di lavoro ogni mese.
22 sono i milioni di euro che verrano investiti per il territorio della Vialattea, come continua a spiegare Brasso durante la conferenza: “Con la Regione Piemonte e con la Fondazione 20 Marzo 2006, abbiamo raggiunto un accordo che ritengo importantissimo ma anche innovativo, attraverso il quale sul territorio della Vialattea nei prossimi 6 anni sbarcheranno investimenti per circa 22 milioni di euro, il 50% dei quali conferiti dalla Sestrieres SpA stessa ed il restante 50% attinti dal famoso tesoretto del Post Olimpico. Ritengo che questo sia un accordo straordinario, intelligente e lungimirante per tutte le parti interessate”.

GUARDA I PREZZI DELLA VIALATTEA:

Perron Cabus spiega che durante i mesi estivi, sono stati completati i lavori di manutenzione delle piste: “Quanto realizzato nei mesi scorsi conclude un decennio di interventi sulle piste che hanno migliorato di molto la fruibilità dell’area sciabile; basti pensare che 10 anni fa c’erano moltissime piste nere e rosse e circa solo il 10% di piste blu, adatte a sciatori meno esperti. Alla conclusione dei lavori dell’estate appena trascorsa possiamo dire che la percentuale di piste blu nel comprensorio raggiunge il 25%, cosa per noi molto importante in quanto permette agli sciatori di quasi tutti i livelli di poter apprezzare la bellezza dell’intero comprensorio. La realizzazione di molte piste blu ha anche avuto un riscontro positivo e concreto nella riduzione dei sinistri in Vialattea”.

Altra importante novità presentata ieri, la collaborazione con Sadem, come precisa l’amministratore delegato: “A partire dal 5 dicembre, e per tutta la durata della stagione sciistica, sarà possibile raggiungere le piste del comprensorio con il “Vialattea Express”. Verrà attivato un collegamento con autobus dedicato che, nelle giornate di sabato, domenica, nei giorni festivi e durante il periodo delle vacanze scolastiche di Natale, Carnevale e Pasqua, partirà da Torino Porta Susa alle ore 7,30 e, percorrendo l’autostrada A32 del Fréjus, effettuerà una fermata a Cesana (Piazzale telecabina), un’altra a Sauze di Cesana ed arriverà a Sestriere alle 9,15. Il rientro è previsto alle ore 17,00 da Sestriere con arrivo a Torino alle ore 19,15″.
Indubbiamente si tratta di un servizio utile per tutti gli appassionati dello sci, che potranno usufruire di un “pacchetto unico” composto da biglietto dell’autobus e skipass giornaliero, al costo di 45 euro.

E IL COLLETTO VERDE?

Perron Cabus conclude l’intervento, ricordando al pubblico i problemi legati all’apertura delle piste del Colletto Verde e di Col Saurel: “Abbiamo già predisposto il collegamento sci ai piedi attraverso il campo da golf di Claviere, oppure una navetta che ogni ora, dalle 13 in poi, porterà i nostri sciatori da Montgenèvre direttamente alla partenza della Telecabina di Cesana”.
Nel corso della presentazione, ha preso la parola anche Mauro Laus, presidente del consiglio regionale, facendo emergere il fatto che un comparto sciistico funzionante è fondamentale per l’economia dell’intero territorio: “E’ importante utilizzare le aree adibite a piste da sci anche d’estate. Abbiamo il dovere e la responsabilità di spiegarlo ai cittadini, purtroppo nel 2009 non abbiamo potuto modificare la legge 2, per identificare la responsabilità dello sciatore e dell’impresa”.
“Il turismo ha bisogno di investimenti ed infrastrutture; il Piemonte sta andando benissimo nel turismo, in termini di numeri ed occupazionali: la crescita è ad oggi del 75%”, aggiunge Antonella Parigi, assessore regionale al turismo e conclude: “Ci occorre una piattaforma web per posizionarci sui mercati che ci interessano, questo aiuterà molto il turismo piemontese”.

Conclude infine Brasso: “Il sistema ricettivo in Vialattea ha funzionato bene ed auspichiamo che questo trend di miglioramento possa continuare nel tempo. Garantire l’incremento del fatturato di tutte le aziende presenti nei territori afferenti alle società degli impianti, permetterebbe di compensare i cali di incassi derivanti dallo slittamento in avanti dell’inverno”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.