VILLAR DORA, BELLA FESTA DI SAN ROCCO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI VILLAR DORA

VILLAR DORA – Con il gustoso aperitivo della “Passeggiata sotto le Stelle” hanno preso il via i festeggiamenti della Festa Patronale di San Rocco. Una comunità in cammino quella villardorese, verso il futuro e con il naso all’insù. Già, perchè l’evento organizzato con successo dalla Polisportiva Villardorese ha avuto l’ottima idea di anticipare i festeggiamenti per il Santo patrono del paese portando i cittadini a guardare le stelle nella notte di San Lorenzo.

Una passeggiata aperta a tutti i villardoresi e non solo. Sono stati davvero tanti, un centinaio le persone che si sono divise in gruppi e armate di torce hanno raggiunto, partendo dai Giardini Lanslebourg, l’osservatorio militare di Torre del Colle per rivolgere gli occhi al cielo e ammirare le stelle. Tra giochi di luce, i rumori della natura, e soprattutto le stelle cadenti che si sono regalate ai desideri dei tanti presenti, allietati nella vista panoramica anche dall’imponenza della Sacra di San Michele e dai visibili e colorati fuochi d’artificio di Giaveno.

“Le persone hanno voglia di stare insieme e trascorrere del tempo all’aria aperta – sottolinea il Sindaco Savino Moscia – I sorrisi e la gioia dei grandi e dei piccini presenti a questa passeggiata è stata travolgente. Un segnale positivo guardando al futuro e anche alla nostra Festa Patronale che entra così nel vivo. Una prima edizione di questa camminata per la quale come Amministrazione non possiamo che ringraziare la Polisportiva Villardorese per l’organizzazione, gli Aib per la cura del percorso e naturalmente i tanti cittadini presenti”.

Una giornata dedicata alle tradizioni per la Festa Patronale di San Rocco. Iniziando con la distribuzione dei sonetti da parte della Filarmonica villardorese per le vie di Villar Dora in collaborazione con le Associazioni. La Santa Messa presso la Chiesa di San Rocco in co-celebrazione con Don Pierluigi Cordola e Don Alfonso Vindrola accompagnati dal diacono Michele Bennardo.

Ai lati dell’altare i labari delle associazioni e del comune, i fedeli sotto un caldo sole hanno cercato refrigerio ai lati della piazza lasciando posto ai più virtuosi che coraggiosamente hanno mantenuto la propria sedia. “Ave Maria” di Astor Piazzolla, le donazioni da parte delle associazioni e una targa di ringraziamento, donata per l’occasione dall’Amministrazione
comunale con breve discorso del sindaco Savino Moscia, terminava la Santa Messa, lasciando spazio ai tradizionali brani della Filarmonica villardorese e alla caratteristica distribuzione del “Pane della carità”.

A seguire “Mezz’ora in-Canto”. L’Amministrazione villardorese ha voluto così omaggiare l’amicizia verso Don Alfonso per i suoi 25 anni di sacerdozio con una breve rassegna musicale con il baritono E. Speroni e il pianista A. Troni, entrambi dal Teatro Regio di Torino, ripresi in diretta streaming dal consigliere Christian Blandino.

Giornata che è proseguita con le note della Filarmonica Villardorese, distribuzione dei sonetti per i borghi e le vie del paese. Ma nel pomeriggio si è svolta anche una gara di bocce a baraonda “Memorial Ernestino Bessone e Gianfranco Bergatto” a cura della Pro Loco. Otto coppie di partecipanti con la presenza di alcuni giovani, per una bella gara e un ricordo molto sentito.

 

 

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.