VILLAR DORA, L’INCONTRO CON IL PARTIGIANO ANGELO BRUNATTO: “MEMORIA VIVA” DELLA VAL SUSA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ILARIA LANZALOTTI

VILLAR DORA – Lunedì 30 gennaio abbiamo incontrato il partigiano Angelo Brunatto nel suo accogliente appartamento villardorese. Da subito, alla faccia dei suoi 90 anni, si è rivelato entusiasta, pieno di vita e con tantissima voglia di raccontarsi.

Nella chiacchierata con ValsusaOggi, Brunatto ha ricordato il suo amico don Foglia, un prete fuori dal comune, delle sue imprese da partigiano e dei suoi molteplici lavori nel campo elettrico. 

L’istruzione gli è sempre stata a cuore, e per questo motivo da giovane cercò una scuola serale che potesse frequentare pur lavorando. Suo malgrado, non trovò nulla che combaciasse con i suoi orari di lavoro, e dovette rinunciare all’idea di studiare. 

Oltre ad aver ricoperto un ruolo importante fra i suoi compagni partigiani, è stato dirigente del sindacato Cisl e ha fatto parte del Gruppo Culturale Villardorese. Ascoltandolo, si rimane colpiti dall’entusiasmo con cui ricorda il passato, con tanta voglia di esprimere le sue emozioni e raccontarsi.

Angelo Brunatto è fra gli ultimi testimoni in Val Susa dei tragici eventi che caratterizzarono la Seconda Guerra Mondiale: i suoi ricordi sono preziosi e da conservare, affinché la memoria e i valori della Resistenzza possano essere trasmessi alle nuove generazioni.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Chissà se è contento del come , quelli che gli hanno succeduto, hanno ridotto l’Italia , per la quale , LUI, si è sacrificato.

  2. Ha vissuto il suo tempo come sacrificio x gli altri! È tempo di prendere esempio ed imbracciare le armi..ora gli invasori ce li mette il nostro governo in casa!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.