SUSA, CONCERTO CLASSICO E ROMANTICO

La stagione concertistica “Rivolimusica”, giunta alla XIV edizione, propone per il secondo anno consecutivo tre esibizioni in decentramento in altrettanti comuni della Valle di Susa (Oulx, Susa e Novalesa) in collaborazione con il piano di valorizzazione “Valle di Susa. Tesori di Arte e Cultura Alpina”.

Sabato 10 maggio alle ore 18 il Museo Diocesano di Susa (To) ospiterà il concerto dedicato ai volontari dell’associazione Jonas e del Centro Culturale. Protagonista dell’appuntamento il Quartetto d’archi Despax, composto da Cedrine Despax al violino, Jean Despax al violino, Maxime Despax alla viola e Valérie Despax al violoncello.

Il programma dell’esibizione, che si intitola «Classico e romantico», include il Quartetto in sol magg. di F. J. Haydn e il Quartetto n. 2 in re magg. di A. Borodin.

Il concerto di questa sera presenta un magnifico accostamento: Hayden e Borodin, classico e romantico, sol maggiore e re maggiore, 1799 e 1881. Due facce della stessa medaglia.
Hayden è il padre delle sinfonie e dei quartetti, così come il classicismo musicale li concepì. Equilibrati e simmetrici ma dotati al contempo d una straordinaria ricchezza, i suoi lavori risplendono del sole dell’illuminismo.
Borodin invece, chimico di professione, è introverso e corrucciato, pensieroso e meditativo. L’op. 77 di Hayden è gioviale, ottimista e serena. Il suo primo movimento, Allegro, è quasi una passeggiata tra i profumi e i colori di una Vienna primaverile. L’Adagio una ricamata e finissima trama, giocata sui delicati interventi del primo violino. Il Minuetto già preannuncia lo scherzo beethoveniano mentre il finale è un inno all’ottimismo. Tutto questo bel dire è quasi inghiottito da sole 180 battute, quelle del terzo movimento del quartetto di Borodin, intitolato: Notturno. Un andante in ¾ dove la viola è la protagonista. Una preghiera? Una consolazione? Un addio? Chissà. (P. C.)

L’ingresso al concerto è gratuito.

RIVOLIMUSICA 2013-2014, progetto dell’Istituto Musicale Città di Rivoli – G. Balmas, è stato realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo e il contributo di Fondazione CRT, Regione Piemonte e Fondazione Live Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale dello Spettacolo.


Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione