“TI APRIAMO LA TESTA”. PROIETTILE E MINACCE CONTRO FERRENTINO E SAITTA PER I TAGLI ALL’OSPEDALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

“Hai tradito la Val Susa, prima che tu faccia morire i valsusini, ti apriremo noi la testa”. Sono queste alcune delle frasi contenute nella lettera di minacce contro Antonio Ferrentino e Saitta per la riforma della sanità e i tagli all’ospedale di Susa.
La busta, contente un proiettile calibro 9, è stata intercettata questa mattina alle poste di Sant’Ambrogio: secondo le prime indagini, sarebbe stata imbucata a Chiusa San Michele. Era destinata al consigliere regionale valsusino del Pd Antonio Ferrentino. Dentro c’era la lettera con scritte varie minacce, anche a Saitta: “Per il tuo amico Saitta c’è un posto al cimitero monumentale, per noi lui è carne morta”. Ferrentino e l’assessore alla Sanità Antonio Saitta: entrambi hanno partecipato all’assemblea tenutasi la scorsa settimana a Sant’Antonino, che aveva come tema la riforma sanitaria, nella lettera anonima si fa riferimento anche a quello.
Ferrentino commenta: “Questo episodio ha un’aggravante inquietante, perché a differenza di altre minacce, provenienti da torino o altre zone, stavolta è stata imbucata in Valle”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. È la mossa di tutti coloro che vogliono la scorta si mandano due minacce e due proiettili, le istituzioni di default danno la scorta per non toglierla più, è il personaggio mai nessuno le ha torto un capello, e qui dubbio normale, se mandano i proiettili perché anche se avesse la scorta nessuno li spara ma li mandano in busta, con la scorta l’odio finisce? Son bugie palesi alziamo i costi prendono le scorte per darsi importanza, il cittadino sempre meno difeso, i politici con almeno nove uomini in turno ogni scorta se va bene… Vergognatevi…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.