GIAVENO E LE INFILTRAZIONI D’ACQUA NELL’EX OSPEDALE, REPLICA DELL’ASL: “ENTRO VENERDÌ LA RIPARAZIONE, SONO SOLO DUE GOCCE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

GIAVENO –  In relazione  alle osservazioni diramate da amministratori locali e pubblicate da ValsusaOggi, su infiltrazioni di acqua presso il Polo Sanitario di Giaveno,   si intende rassicurare che tali problematiche non sono assolutamente il segnale di lavori strutturali scadenti o di carente  manutenzione; la ditta realizzatrice dei lavori aveva già risolto tempo fa alcune criticità sull’impiantistica idraulica, intervenendo su porzioni degli impianti che non hanno più dato problemi.

Gli sgocciolamenti che ancora si sono verificati sono correlati a situazioni di condensa  in corso di soluzione  (le ditte completeranno l’intervento di riparazione entro venerdì 15 giugno); fanno parte delle normali necessità di manutenzione ordinaria che, stante la situazione climatica,  si sono verificate non solo a Giaveno ma anche in altri presidi ospedalieri, non solo dell’ASL. Gli interventi in corso sono risolutivi delle criticità e non rappresentano costi per l’azienda in quanto ricompresi nei canoni ordinari della manutenzione ordinaria delle strutture da parte delle ditte incaricate.

Spiace rilevare che  un paio di sgocciolamenti  d’acqua,  peraltro  in via di rapido ripristino, finiscono per fare notizia mentre alzando solo leggermente l’orizzonte  è noto in sede locale che l’azienda, dopo aver investito oltre 5 milioni di euro nell’ampliamento e modernizzazione di questo presidio, sta ora investendo altri 500mila euro nella parte storica per rinforzi strutturali che consentiranno alla struttura stessa di  essere perfettamente in linea con quanto previsto negli ambiti della sicurezza, dell’antincendio, nell’antisismica e nell’umanizzazione logistica.

Il presidio di Giaveno, che solo pochi anni fa era al centro delle cronache per scongiurare  una possibile chiusura, oggi fa nuovamente notizia, ma per fortuna soltanto per un paio di  sgocciolamenti di acqua  in una struttura  che in questi anni non solo non è stata chiusa, ma che è stata oggetto di interventi significativi ed oggi  viene pienamente utilizzata nella continuità assistenziale e con molteplici servizi distrettuali e specialistici. Un presidio dunque modernizzato ed ampliato, oggi utilizzato appieno e che  nel futuro resterà punto di riferimento sanitario per la popolazione della Val Sangone in stretta sinergia, a rete, con i Presidi di Rivoli, Avigliana e Susa.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.