LA BIBLIOTECA DI GIAVENO ADERISCE AL PROGETTO “+TECA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ DI GIAVENO 

GIAVENO – La biblioteca di Giaveno aderisce all’iniziativa dello Sbam chiamata +Teca, partita l’8 ottobre.
Si tratta di un innovativo progetto di crowdfunding culturale e territoriale lanciato dalle biblioteche del Sistema Sbam – Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana torinese – che, grazie al contributo volontario dei cittadini, permetterà di aumentare la già ricca offerta di iniziative culturali con progetti tecnologici all’avanguardia e sconti in diversi settori.

+Teca è una tessera disponibile in oltre 50 biblioteche Sbam aderenti al progetto e sul sito www.bibliodipiu.it con un’offerta minima di 10 euro. L’intero ricavato delle tessere finanzierà diversi progetti speciali volti a migliorare i servizi e le iniziative promosse dalle biblioteche.
Il primo è dedicato alla realtà virtuale e ha come obiettivo quello di dotare la biblioteca di Giaveno di un visore 3D fruibile gratuitamente dai cittadini (ad esempio per visitare virtualmente un museo o vedere documentari).

+Teca è un progetto culturale nato per coinvolgere tutti i cittadini nel futuro delle biblioteche che oggi viene lanciato ufficialmente, ma che ha già conquistato centinaia di partner sul territorio: negozi, librerie, associazioni, agenzie di viaggio, farmacie, bed&breakfast, cinema, terme, l’Abbonamento Musei e tanti altri hanno aderito all’iniziativa e offriranno ai possessori di +Teca sconti e vantaggi, fruibili su tutto il territorio dei paesi aderenti.
Il sistema Sbam già oggi permette agli iscritti alle 65 biblioteche, tra cui quella giavenese, di consultare e prendere in prestito un catalogo unico di 2.000.000 di documenti tra libri, giornali, dvd, e-book e risorse multimediali.

Abbiamo aderito con convinzione a +Teca, l’innovativa iniziativa di raccolta fondi culturale e territoriale delle Biblioteche Sbam – commentano il sindaco Carlo Giacone e l’assessore alla Cultura, Edoardo Favaron – I nostri utenti saranno contenti di avere servizi in più ad un costo contenuto. Ad esempio il visore 3D è davvero un grande strumento educativo e divulgativo, al passo con i tempi. Questo sistema permette alle biblioteche di aumentare la propria offerta e diventare ancora più utili grazie all’aiuto e al coinvolgimento di tutti”.

Un’opportunità in più per gli oltre 2000 utenti attivi della nostra biblioteca – aggiunge Monica Mussinatto, responsabile della biblioteca comunale – Speriamo che queste iniziative possano attrarre nuovi lettori e coinvolgere anche gli operatori economici del territorio”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.