MIGRANTI, VENERDÌ LA “RONDA SOLIDALE” AL CONFINE CON MONGINEVRO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

L'immagine può contenere: testo

Riceviamo da Médecins du Monde

Mentre le politiche migratorie degli stati europei continuano a peggiorare, con controlli alle frontiere sempre più repressivi, i migranti devono correre più rischi in montagna per attraversare il confine su sentieri innevati, in altitudine, durante la notte, con la neve e temperature negative, senza attrezzatura. Nello stesso tempo, i cittadini che cercano di aiutarli, i «camminatori» delle valli alpine, sono sempre più spesso molestati, accusati e a volte perseguiti in giudizio.

Nonostante l’allarme delle associazioni alle autorità, nonostante le ferite, gli arti congelati e i morti (la morte più recente di un giovane esiliato vicino a Briançon è avvenuta il 6 febbraio), la situazione nella zona di Briançon continua a peggiorare.

Visto il contesto che costringe queste persone a essere in pericolo, l’associazione Tous Migrants appoggiata da Amnesty International France, La Cimade, Medici del Mondo, Medici senza frontiere e Caritas organizzeranno una grande «ronda»  solidale con diverse organizzazioni locali venerdì 15 marzo dalle ore 18 al confine con l’Italia. L’obiettivo è mobilizzare diverse centinaia di partecipanti.

Questa azione senza precedenti ha lo scopo di dar voce a queste persone impegnate e che portano assistenza agli esiliati che attraversano il confine in condizioni così pericolose. Nel 2018, decine di persone sono state interrogate della polizia e alcuni di loro sono stati citati in giudizio.

Programma della serata

  • Incontro con le associazioni i cittadini e testimonianze.

  • “Ronde” in gruppo con persone esperte.

  • Manifestazione a Montgenèvre e discesa di solidarietà con torce.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. E’ l’occasione per fare una bella retata Francia- Italia , e sbatterli tutti in galera.Magari a spaccare pietre, visto che hanno tutte queste energie.

      • E’ inutile citare sempre a sproposito quei cattivoni della Lega.Aiutare questa gente ad attraversare illegalmente il confine non risolve i problemi sia loro che nostri.Purtroppo è solo una arida questione di numeri e finchè alcune popolazioni continueranno a fare figli che non sono in grado di mantenere e non si autodetermineranno non ci sono soluzioni.E per cortesia non iniziamo con il solito piagnisteo sui cattivi occidentali sfruttatori,in decine di anni la valanga di denaro arrivato in Africa,tanto per fare un esempio,non è servito quasi a niente,a parte a diminuire la mortalità ed in particolare quella infantile.E questo ha dato inizio al boom demografico a cui stiamo assistendo.
        Si guardi questo filmato e poi ne possiamo riparlare:

    • Non è un filmatino chiaramente di parte che fa testo, quella è la sua (e vostra) opinione in stile destra ottusa. Pensate veramente che la questione sia esplosione demografica? Documentatevi meglio e poi magari andate a vender loro degli anticoncezionali. Per Niko: ha sbagliato, non sono comunista (anche i comunisti hanno fatto migliaia di morti) sono semplicemente umano.

      • Lei si dichiara non comunista,ma la tecnica di insultare chiunque non la pensi come lei è assolutamente comunista e comunque di sinistra.A parte il fatto che i regimi comunisti hanno fatto non migliaia,ma molti milioni di morti mi tolga una curiosità:negando i problemi ,come fa lei dichiarandosi “umano”,questi si risolvono da soli?Non si rende conto che in pochi decenni il problema sarà la nostra sopravvivenza?Ai posteri l’ardua sentenza.
        P.S.:i contraccettivi una volta che siano forniti,bisogna che siano usati perchè facciano effetto,si informi meglio sugli usi e costumi del maschio africano medio.

  2. sig Grattagratta a proposito dello spaccar pietre. leggendo altri suoi commenti. se le infilassero un manico di faggio in bocca, la sua testa sarebbe lo strumento più adatto a spaccar pietre. mi perdoni la sincerità

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.