SMARINO TAV A SUSA, I COMUNI DELLA VALSUSA CONTRO TELT E REGIONE: “NO ALLE CARTE SEGRETE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UNIONE MONTANA VALLE SUSA

SUSA – Le amministrazioni comunali dell’Unione Montana Valle Susa ritengono istituzionalmente inaccettabile il comportamento tenuto da Tunnel Euralpin Lyon Turin (TELT) e dalla Regione Piemonte, come appreso dalle recenti dichiarazioni pubbliche in merito all’ipotesi di nuova variante del progetto Torino Lione.

Apprendiamo infatti dai mezzi di informazione che TELT starebbe predisponendo un’ennesima variante progettuale inerente lo scarico a Susa di milioni di tonnellate di materiale di scavo del tunnel di base, con relativo stoccaggio, selezione, lavorazione e smaltimento. Questo comporterebbe un imprevisto e pesantissimo coinvolgimento dell’intero territorio della Bassa Valle, con notevoli impatti ambientali, sanitari ed economici al momento completamente indefiniti. La variante è causata da una sottovalutazione progettuale di TELT, che non ha tenuto conto dell’indisponibilità dell’area attualmente destinata a tale funzione a Salbertrand.

Regione e TELT hanno iniziato a discutere questa ipotesi senza il minino coinvolgimento degli enti locali di questo territorio. Le informazioni e i dati tecnici sarebbero contenuti (da quanto apprendiamo) in documenti sui quali sarebbe apposta la dicitura “riservato”, modalità del tutto inconcepibile per una società a intero capitale pubblico come TELT e per un ente territoriale come Regione Piemonte, istituzionalmente tenuto al confronto con il territorio.

Inoltre la Regione Piemonte afferma “Da parte nostra non prevediamo intoppi” (La Stampa, 5 settembre 2020), prima ancora di aver assolto ai suoi obblighi di informazione dei comuni coinvolti. Questa modalità di conduzione del progetto è irrispettosa e irricevibile. Regione Piemonte renda immediatamente pubblici tutti i documenti inerenti la nuova variante progettuale e avvii la corretta procedura autorizzativa mediante Valutazione di Impatto Ambientale con il dovuto coinvolgimento di tutti i territori e i soggetti interessati. Le amministrazioni comunali dell’Unione Montana Valle Susa non accetteranno alcuna scorciatoia o valutazione sbrigativa. A differenza di quanto erroneamente dichiarato, ad oggi TELT non ha titolo a procedere su questa nuova ipotesi. Qualsiasi operazione a Susa deve preventivamente essere autorizzata dal CIPE, in quanto non è ricompresa nei 2 lotti costruttivi (di 5 totali) attualmente finanziati. L’attuale tentativo di variante rende inoltre improbabile il rispetto del cronoprogramma dei finanziamenti europei. Questo non giustifica l’atteggiamento finora tenuto nei confronti delle amministrazioni locali. TELT ha il dovere di informare con la massima urgenzai Sindaci e l’Unione Montana, in quanto legittima rappresentanza del territorio, in merito al reale stato del progetto e alle intenzioni effettive sui potenziali cantieri che potrebbero impattare in Valle di Susa.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

      • Esatto! Anche nel voler maldestramente scimmiottare il nome del Comitato No Tutto, nei fatti ci date ragione! Volete evitare di pensare, o non ne siete capaci…Sono i No Tav che non vogliono il pensiero, soprattutto quello libero o diverso dal loro e voi tutti dietro.

  1. Anche la nuova amministrazione di Susa si sta rendendo conto con chi ha a che fare; “oltre TAV” è talmente oltre che forse è meglio rimodulare in “adesso TAV” e pensare al presente altrimenti ci si ritrova sommersi dalle polveri per mezza valle.

  2. Ma smettetela di mettere i bastoni tra le ruote ad un’opera di vitale importaza per i promotori: ci pensate alle loro mogli e figli ? Dove prenderanno il pane quotidiano e relativo companatico ? Cattivi !!!!

  3. Che ..dire ..la nuova Susa ..
    Sarà ..contenta .
    Magari .un centinaio .di camion..
    Ribaltateli..davanti .alla Coop..
    Che li aspettano .con ansia….

  4. ah ‘sti segusini…… fin che portano lo smarino a Salbertrand va bene…..a loro non frega niente…ma se lo portano a Susa crea disagio ! poverini ! Se lo portano in alta valle invece crea posti di lavoro,porta benessere e chi si oppone è solo un barot che non comprende il progresso.
    Com’era la storia “non nel mio giardino “??

    • Esatto! Anche nel voler maldestramente scimmiottare il nome del Comitato No Tutto, nei fatti ci date ragione! Volete evitare di pensare, o non ne siete capaci…Sono i No Tav che non vogliono il pensiero, soprattutto quello libero o diverso dal loro e voi tutti dietro.

  5. Smitizzerei la panzana delle “carte segrete”.
    Piuttosto che “segrete” potremmo definirle “sconosciute” per chi si è ostinato a non volerle leggere.

  6. Non credo che siano contenti se l’ hanno portato a Salbeltrand , quello che bisogna sapere e’ come ci e’ arrivato senza che nessuno si accorgesse. Si accorgono pure se perdono le mutande che i possano le persone e loro non se ne sono accorti? Strano!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.