VALSUSA, SALVATI I CANI IN GABBIA GRAZIE ALL’APPELLO SU FACEBOOK

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La gabbia dove vengono tenuti i cani a Borgone

BORGONE – Sono salvi i cani tenuti in condizioni disperate in una gabbia di Borgone Susa. Tutto è partito con un passaparola attraverso Facebook, volto a salvare gli animali.

“Evviva! Aggiornamento del 29 settembre: il proprietario dei cani ha chiamato la nostra associazione, comunicandoci che li vuole cedere, perché non è più in grado di gestirli. A breve verranno trasferiti al rifugio Il Bau”.

Ieri, dal rifugio “Il Bau” di Alpignano è stato lanciata una richiesta d’aiuto, auspicando che il sindaco Paolo Alpe e le autorità competenti potessero intervenire al più presto.

Sempre in queste ultime ore, tante persone hanno mandato al primo cittadino una mail in cui chiedono di agire subito, con veterinari e Asl.

“Per favore aiutateci! – scrivevano dal rifugio “Il Bau” – in via dei Gravè, vivono questi cani in condizioni disperate…l’Asl è già intervenuta una volta, ma la situazione non è mutata!”.

Le segnalazioni sono arrivate dai vicini di casa: “Gli animali sono costretti in una piccola gabbia e a stare nelle loro feci – dicono dal rifugio – sotto lamiere cocenti d’estate e gelide d’inverno…i vicini che ci hanno fatto la segnalazione sono indignati. Purtroppo fino ad ora nessuno delle autorità preposte ha ancora risolto la situazione”.

Per questa ragione è stato chiesto sui social di fare un’azione persuasiva nei confronti del Comune di Borgone, e di segnalare il problema alla polizia municipale e alle forze dell’ordine.

Ieri, la casella mail del sindaco è stata sommersa di richeste: i vari utenti di Facebook si sono passati tra loro l’indirizzo ufficiale, per scrivere ad Alpe, e sperare che la situazione venga risolta al più presto.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.