VALSUSA, I MOTOCICLISTI RICORDANO ELISA: UCCISA 5 ANNI FA ALLA ROTONDA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

CONDOVE – Come ormai avviene da cinque anni, anche domenica 7 agosto, alle ore 10.30 nei pressi della rotonda del Gravio di Condove sulla statale 24 del Moncenisio, più di cento motociclisti del club di Torino “3 Merli Sotto Shock” si sono radunati.

Tutti i partecipanti si sono ritrovati nel luogo dove nel 2017 venne travolta e uccisa la giovane torinese Elisa Ferrero (di soli 27 anni) e gravemente ferito il fidanzato Matteo. Dopo essersi raggruppati tutti assieme, hanno disteso a terra un sacco giallo che viene usato per recuperare le salme e sopra hanno depositato alcuni caschi da moto.

Le parole di Nico Marinelli, Presidente del Club 3 Merli Sotto Shock: “Questa mattina come ormai facciano da cinque anni, abbiamo voluto fermarci qui a Condove, per ricordare e non dimenticare Elisa che in un modo tragico gli è stata strappata la sua giovane vita, inoltre a voi ragazzi vi voglio ricordare che quando salite in moto e andate a farvi un giro, divertitevi ma ricordatevi che dovete portare a casa la vostra pelle. Mi raccomando, fate sempre attenzione, usate l’intelligenza e usate la prudenza. Quest’anno abbiamo nuovamente avuto troppi morti sulle strade e troppi motociclisti hanno perso la loro vita, oggi noi andiamo a far festa a Oulx, ma non dimentichiamoci chi è morto per questa passione per le due ruote”.

Marinelli ha invitato tutti i motociclisti ad effettuare il minuto di silenzio, prima di ripartire per Oulx, non prima di aver effettuato anche un lungo applauso per salutare Elisa e tutti gli altri motociclisti che sono scomparsi.

 

 

 

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.